Non sposate le mie figlie!

2013, Commedia

Qu’est ce-qu’on a fait au bon Dieu? arriva in Italia

Lucisano Media Group acquisisce i diritti di 'Qu'est ce-qu'on a fait au bon Dieu?', film rivelazione dell'anno in Francia.

Lucisano Media Group, società italiana di produzione e distribuzione nel settore cinematografico e televisivo, comunica di aver siglato un accordo con la società francese TF1 International per l'acquisizione dei diritti per l'Italia del film francese Qu'est ce-qu'on a fait au bon Dieu? del regista Philippe de Chauveron, con Christian Clavier. Uscito in sala in Francia il 16 aprile e tuttora in programmazione, il film ha fatto registrare finora l'incasso record al box office di circa 60 milioni di euro, risultato che lo proietta ad un passo dalla top ten delle migliori performance al botteghino di sempre per un film francese.

Sulla scia di recenti commedie di successo che giocano sulla capacità di ridere di vizi e pregiudizi nazionali, Qu'est ce-qu'on a fait au bon Dieu? affronta con sottile umorismo i problemi e le sfide sociali che si ripropongono quotidianamente nella società. Al centro di una vicenda che mette da parte il politicamente corretto, un ricco avvocato cattolico e "gollista" ripone sull'ultima figlia nata, Laure, le ultime speranze dopo aver visto tre delle sue figlie convolare a nozze multietniche. Ma Laure si innamora di Charles, attore nato in Costa d'Avorio e figlio di un ex militare ivoriano ostile alla figura di De Gaulle e all'imperialismo francese. È la miccia di un'irresistibile sequenza di gag brillanti, che ha già attirato quasi dieci milioni di spettatori nelle sale transalpine e si appresta ad arrivare in quelle italiane grazie all'adattamento curato da Enrico Vanzina e la distribuzione di Lucisano Media Group. L'accordo con la francese TF1 International rafforza il processo di crescita internazionale di Lucisano Media Group che ha da poco annunciato di aver intrapreso il processo di quotazione sul mercato AIM di Borsa italiana.

Qu’est ce-qu’on a fait au bon Dieu? arriva in...

Fonte: Comunicato stampa

Privacy Policy