"Madonna" vince il 14° Florence Korea Film Fest


Anche il premio del pubblico è andato al film di Shin Su-won. La menzione speciale della giuria a Right now, wrong then, già vincitore di Locarno.

"Madonna" vince il 14° Florence Korea Film Fest

Il film Madonna della regista Shin Su-won si aggiudica il premio miglior film della sezione 'Orizzonti' del 14/esimo Florence Korea Film Fest, il festival di cinema sud coreano che si è svolto a Firenze dall'11 al 17 marzo al cinema Odeon. Il terzo lungometraggio della regista, una delle poche donne nel cinema in Corea del Sud, affronta il tema dell'emarginazione sociale e la controversa questione del traffico di organi in patria. Madonna si è aggiudicato, inoltre, anche il premio del pubblico. "Per riuscire - si legge nella motivazione - a raccontare attraverso gli stilemi del cinema mainstream, due storie al femminile intrappolate in una società maschile dove la propria sopravvivenza è legata allo stereotipo di donna sottomessa. La regista Shin Su-won con potenza visiva e immediata leggibilità, mostra due personaggi paralleli che provano ad imporsi oltre la loro condizione, evidenziando come spesso il ciclo vita-morte dipenda dallo status sociale a cui si appartiene".

Madonna: una scena del film di Shin Su-won

Il premio Independent, sezione dei film indipendenti, è stato assegnato a Steel Flower di Park Suk-Young "per la capacità - hanno scritto i giurati - di rappresentare attraverso un sguardo tanto crudo quanto poetico la realtà dei nuovi poveri che attanaglia una società sempre più votata all'affermazione personale. Grazie ad un personaggio femminile magistralmente interpretato dalla giovane Jeong Ha-Dam, capace di veicolare in modo "primordiale" le sue emozioni attraverso una disperata fisicità".

La giuria ha inoltre assegnato una menzione speciale al film Right Now, Wrong Then di Hong Sang-soo "capace - si legge nel verdetto - di mantenere la propria cifra autoriale raccontando l'apparente banalità del quotidiano rendendola intensa e ricca di significato. Attraverso un rigoroso lavoro stilistico fatto di un'ipnotica macchina fissa e di un profondo lavoro sugli attori, afferma ancora una volta il suo inconfondibile sguardo sull'ambiguità dei comportamenti umani e, in questa occasione, anche del cinema".

Il secondo classificato del premio del pubblico è stato il film Office di Hong Won-Chan.

Privacy Policy