Guardiani della Galassia Vol. 2

2017, Azione

Chris Pratt: "Rambo mi ha reso ciò che sono oggi"

L'interprete di Star-Lord ha un grosso debito nei confronti del collega Sylvester Stallone.

Chris Pratt ha riconosciuto pubblicamente il debito nei confronti del suo mentore... Rambo per averlo reso "ciò che è oggi". Pratt ha rivelato che Sylvester Stallone è stato il suo modello quando era un ragazzino e i suoi film degli anni '80 lo hanno spinto a fare l'attore.

Leggi anche: Guardiani della Galassia Vol. 2: 10 cose che potreste non aver notato

"Questa è stata la mia adolescenza e per coincidenza è anche quella di Peter Quill. La sua ideologia è basata sulle icone pop degli anni '80. E Sylvester Stallone e Kurt Russell hanno avuto un ruolo centrale. Penso a Tango & Cash, Rocky, ma soprattutto Rambo. Rambo mi ha reso ciò che sono oggi".

Pratt ha svelato che da ragazzino aveva addirittura il suo coltello per la sopravvivenza ispirato a quello del veterano del Vietnam.

Leggi anche:

"Avevo un coltello per la sopravvivenza. Aveva una sicura per maneggiarlo senza ferirsi, in più avevo dei fiammiferi impermeabili, un piccolo amo e dei fili nel caso rimanessi bloccato nei boschi a lungo così avrei potuto procacciarmi il cibo. E poi avevo un set da cucito per ricucirmi le ferite proprio come Rambo. Se ricuci i tagli, la pelle non si infetterà."

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Chris Pratt: "Rambo mi ha reso ciò che sono oggi"
Guardiani della Galassia 2: Chris Pratt e lo scherzo telefonico al negozio di animali (VIDEO)
Guardiani della Galassia: Chris Pratt risolve un cubo di Rubik durante un'intervista
Privacy Policy