Facciamo paradiso

1995, Commedia

3.0
Facciamo paradiso (1995)
Genere
Commedia
Durata
Regista
Uscita ITA

A Milano nel 1949 nasce Claudia Bertelli ed i genitori, dell'alta borghesia, non la battezzano, fino a quando la piccola non manifesta a sette anni il desiderio di accostarsi al sacramento. Dieci anni dopo viene espulsa dal college inglese dove studiava e i suoi vanno a riprendersela tra gli hippie all'isola di White. Poi all'Università di Milano aderisce al movimento studentesco e occupa la facoltà di Lettere dove si innarnora del leader Lucio, al quale si offre ma che la delude, partendo per Parigi: per ripicca si concede al goffo collega calabrese Pino, detto Calabrone, innamorato di lei. Preso un appartamento con la disinvolta svedese Emily, Claudia si dà all'amore libero e partorisce nel 1972 un bambino nero con grande sconcerto dei suoi. Rifiutando l'aiuto della famiglia lavora in una mensa, vende biglietti della lotteria, partecipa ad un gruppo femminista. Nel 1975 in un teatrino di marionette conosce Adamo, un ebreo con attitudini da guru che la affascina con le sue sentenze e che sposa. La nascita di Eleonora sembra cementare l'unione, ma Claudia dopo quindici anni si accorge che le frasi del marito sono vuote di senso come la sua vita e si separa. Frattanto suo padre andato in pensione e ossessionato dalla forma fisica per vedere l'alba del Duemila, spira invece prima del nuovo anno. Con il denaro dell'eredità Claudia realizza un progetto umanitario in Africa, in cui coinvolge Pino, che viene però ucciso da un misterioso virus. Ormai sessantenne, Claudia fonda una comunità New Age: la figlia ha sposato un nipote di Bossi, mentre Adamo si è risposato con una musulmana. Invano le due nuove coppie tentano di incontrare Claudia, impegnata in una sorta di Ramadan con la sua comunità.

Le vostre recensioni