Dicembre

1990, Commedia

0.0
Dicembre (1990)
Genere
Commedia, Drammatico
Durata
Regista

I numerosi componenti di una famiglia meridionale, trapiantata a Roma, sono molto uniti fra loro e mantengono le antiche usanze del paese d'origine. Solo Gianna, che ha un carattere impulsivo e contraddittorio, e non sopporta ipocrisie e formalismi, si comporta sempre in modo diverso dagli altri, suscitando antipatie e disagi. L'unico a capirla è suo marito, Alberto, e la loro unione è molto felice. Ma, pochi giorni prima di Natale, Alberto muore improvvisamente, e Gianna, interiormente disperata, ma apparentemente quasi indifferente, rifiuta le attenzioni insistenti dei parenti, cercando l'isolamento e chiudendosi in se stessa. Il fratello Federico, che ha per lei molto affetto, la convince a partecipare in casa sua ai riti natalizi, con riunioni di molti parenti, pranzi e doni di Babbo Natale. Ma Gianna si comporta sgarbatamente e torna nel proprio appartamento, chiedendo come unica compagnia il nipote prediletto, Andrea, figlio di Federico e di Ida, un bambino sensibile e intelligente, entusiasta della zia, che sa incantarlo con meravigliosi racconti di film o fiabe, oppure conducendolo al cinema con sé. Sia pure mal volentieri, i genitori acconsentono che il figlio resti in casa della zia per alcuni giorni. Intanto Gianna si accorge che qualcuno si introduce più volte nel suo appartamento, dove è stata rubata una preziosa collana di perle, l'ultimo dono di Alberto.

Le vostre recensioni