Un paese quasi perfetto e l’umorismo naïf di una volta

Sulla scia delle commedie che valorizzano il Sud e affrontano la disoccupazione, questa sfida di Massimo Gaudioso come regista non stupisce per originalità, ma diverte e suscita una rassicurante nostalgia.

Un paese quasi perfetto e l’umorismo naïf di una...
Un paese quasi perfetto

2015 – Commedia
2.7 2.7

Pietramezzana: paesino di fantasia sperduto nelle Dolomiti lucane e fusione, anche nel nome, di Castelmezzano e Pietrapertosa, dov'è stato girato il film. Con le sue viuzze inerpicate, il nitidissimo profilo dei monti e gli abitanti accomunati da una solidale stanchezza, Pietramezzana richiama una schiera di paesini simili, soprattutto del Sud Italia. In questo non luogo che ne comprende moltissimi, i pochi abitanti rimasti sono per lo più ex minatori, che dopo la chiusura della miniera sopravvivono grazie agli assegni della cassa integrazione: fonte di salvezza e smacco insieme.

La coppia Volo/Orlando e i bisogni diversi

Fra loro si distingue un paesano più combattivo, Domenico Buonocore (Silvio Orlando), che si erige a leader della piccola comunità per trovare delle soluzioni: occorre aprire una fabbrica, e perché la fabbrica esista bisogna trovare un medico. Gianluca Terragni (Fabio Volo) sembra tutt'altro che un dottore di alti ideali: mondano chirurgo estetico milanese, una sera viene fermato in macchina insieme alla fidanzata e, per ripristinare qualche tassello fuori dalla legge, dovrà praticare per un mese a Pietramezzana. Così i suoi disperati e astutissimi abitanti avranno un mese di tempo per convincerlo a restare, perché il loro è un paese perfetto.

Un paese quasi perfetto: Silvio Orlando e Fabio Volo in una scena del film

Ciò che coinvolge di più è proprio la coppia Volo/Orlando, simpatici entrambi ma in modo molto diverso. Se Orlando esaspera la nervosa veemenza dei suoi personaggi, Volo sfrutta la sua eterna espressione da ragazzino; così il superficiale chirurgo si mostra presto per quello che è veramente: vulnerabile e spaesato, di fronte a gente all'apparenza autentica ma di fatto molto più furba di lui, per necessità. Questo ribaltamento di stereotipi, in cui s'incrociano bisogni diversi (di affetto da un lato, e di riconquista di lavoro e dignità dall'altro), è uno degli aspetti più profondi del film, mentre sia Volo che Orlando ricalcano le orme dei propri personaggi. Ma ne esce una coppia inedita, e il ritratto convincente di un'amicizia nata su basi improbabili.

Contenuto pubblicitario

Gli altri personaggi e le gag

Un paese quasi perfetto: Silvio Orlando, Miriam Leone e Nando Paone in una scena del film

Il film sa amalgamare con garbo paesani reali e figure inventate; così accanto alla zia Caterina di 102 anni troviamo Nicola (Carlo Buccirosso), che dirige con orgoglio la piccola filiale della banca del paese e si risente quando viene chiamato con intenti riduttivi "bancomat". O la bella e ombrosa Anna (Miriam Leone), fiera del suo paese e poco flessibile ai compromessi: la sola a non prendere parte alla pantomima. Intanto tutti gli altri si prodigano per far sentire il chirurgo nel posto dei suoi sogni e assecondano i suoi gusti ricercati: improvvisano una squadra di cricket senza conoscerne le basi, propongono il sushi come specialità della taverna e non sanno neanche come si pronunci, guardano pazientemente alla tv una partita di cricket, ma virano sul canale del calcio appena se ne presenta l'occasione. Le scene divertenti non mancano; ma poche, come vedremo, sono inventate ex novo.

Ispirazioni internazionali e nostrane

Un paese quasi perfetto: Miriam Leone in una scena del film

Tanti film partono da un tema sociale serio come la disoccupazione, e lo trattano con toni lievi. Il ventaglio di sfumature è ampio: si va dalla commedia amara stile Full Monty allo spaccato sociale un po' più graffiante sulla scia di Ken Loach. I francesi, rispetto agli inglesi, spesso amano edulcorare ancora: così il quadretto naïf Giù al nord aveva ispirato il divertente Benvenuti al Sud, sceneggiato dallo stesso Massimo Gaudioso. Che con Un paese quasi perfetto privilegia la "scrittura sul set" a quella su carta, cimentandosi per la prima volta da solo nella regia di un lungometraggio, e basandosi su un film canadese del 2003, La grande seduzione. Dell'originale Gaudioso ripercorre fedelmente trama e struttura, ma adatta il film alla realtà italiana e alleggerisce ulteriormente toni e personaggi.

Un paese quasi perfetto: Silvio Orlando in una scena del film

Quindi ha poco senso sottolineare i déjà vu a cui ci sembra di assistere: il film segue tanto un filone francofono di umorismo aggraziato su temi sociali, quanto una recente ondata nostrana di commedie che valorizzano il Sud. Ma lo fa con gentilezza e affetto, e con un simpatico tocco da fiaba che lo preserva dalla volgarità a cui, recalcitranti o compiaciuti, abbiamo deciso negli anni di abituarci. E prospettando, forse un po' frettolosamente, squarci ottimistici per il nostro paese, Gaudioso rispolvera l'ingenuità anni Cinquanta in stile Comencini e Monicelli. Così il film rievoca le nostre radici e, un po' come i vecchi acciottolati di Pietramezzana, ciò che ben conosciamo suscita facilmente una rassicurante nostalgia.

Chiara Apicella
Redattore
3.0 3.0
Massimo Gaudioso, Fabio Volo, Miriam Leone ci raccontano Un paese quasi perfetto
Kung Fu Panda 3, Fabio Volo è ancora la voce italiana di Po: "Il mio ruolo più autobiografico"
Privacy Policy