Leggenda assassina

2005, Commedia

Recensione Leggenda assassina (2005)

Il divertissement landisiano coglie nel segno, e grazie alla professionalità del suo autore riesce a intrattenere con stile e mestiere.

Sotto il vestito... gambe da cervo

Tra i registi che hanno dato vita al progetto Masters of Horror, quasi tutti "alfieri" del genere negli anni '70 e '80, ce ne sono alcuni che, per i più svariati motivi, non hanno prodotto praticamente più nulla di apprezzabile da molti anni a questa parte. John Landis, indimenticato regista di cult come Animal House, The Blues Brothers e (nel genere in questione) Un lupo mannaro americano a Londra, è sicuramente tra questi: ridotto praticamente al silenzio da un decennio, dopo il trascurabile Blues Brothers - Il mito continua (datato 1998), Landis ha vivacchiato di rendita negli ultimi anni, dedicandosi principalmente a regie televisive. In quest'ambito rientra questo Deer Woman, mediometraggio con cui il regista americano ha inteso ricreare il mood, a metà tra horror e humuor nero, che fece la fortuna del suo classico licantropico degli anni '80: il risultato, pur tenendo presenti i limiti intrinseci dell'operazione e i confini ben precisi in cui essa è stata pensata, è riuscito e godibile, un gradevole esempio di commedia horror che fa rimpiangere ancor più la lontananza di Landis dalle sale cinematografiche.

La trama è semplice: Dwight Faraday, poliziotto in piena crisi personale e familiare, sta indagando su una serie di efferati omicidi, accomunati dalla ferocia con cui l'assassino ha infierito sui corpi e dall'inspiegabile presenza di impronte di cervo sui cadaveri. Il filo conduttore sembra essere una bellissima donna con cui tutte le vittime sono state viste poco prima della morte: tra lo scetticismo e la derisione dei suoi colleghi, il protagonista scopre l'antica leggenda indiana della donna cervo, creatura antropomorfa con le gambe di cervo che seduce gli uomini e poi li uccide. Dwight avrà così l'occasione di riparare all'antico errore che nel passato lo fece precipitare nel baratro, ma sarà costretto ad agire, praticamente, da solo.

Landis si affida a una solida sceneggiatura, scritta insieme al figlio Max, per confezionare un prodotto in cui lo splatter è immaginato, suggerito piuttosto che mostrato, e la maggior parte della tensione si basa sul dipanarsi dell'indagine e sulla curiosità per la figura del protagonista. Personaggio, quest'ultimo, che sembra uscito da una pellicola noir anni '50, quasi chandleriano nella sua disillusione e nel suo carattere di individuo segnato dai casi della vita; Landis, tuttavia, smonta questi elementi con un'ironia corrosiva, a tratti scatenata, che si esplicita in sequenze esilaranti (vedi le tre diverse ricostruzioni del primo omicidio immaginate dal confuso protagonista), sempre segnate dal suo inconfondibile tocco anarchico e scanzonato. Il regista si abbandona persino a un'autocitazione quando fa ricordare al protagonista che "a Londra nel 1981 una serie di brutali attacchi furono attribuiti a un lupo mannaro, che fu poi abbattuto a Piccadilly Circus". Il fascino della leggenda indiana da cui la storia trae spunto è reso con sufficiente efficacia, e la donna cervo Cinthia Moura è realmente mozzafiato (anche se, guardandola, resta un po' difficile credere che abbia realmente gambe da cervo).

Il divertissement landisiano coglie così nel segno, e grazie alla professionalità del suo autore riesce a intrattenere con stile e mestiere. E chissà, magari i prossimi progetti cinematografici del regista americano (ben quattro per i prossimi due anni), potranno regalarci qualche gradita sorpresa: in fondo Landis ci appartiene (non foss'altro per il suo passato), saperlo lontano dalla macchina da presa non era certo cosa gradita.

Recensione Leggenda assassina (2005)
Marco Minniti
Redattore
3.0 3.0
Privacy Policy