Magic Mike

2012, Commedia

Recensione Magic Mike (2012)

L'originalità di Magic Mike non è determinata né dalla storia né dai singoli ingredienti, ma da un amalgama vincente in cui è completamente assente il giudizio dell'autore che preferisce abbandonarsi alla spettacolarità del contesto.

L'uomo che cammina sull'acqua

Incisivo e sobrio, quanto può esserlo un film dedicato agli spogliarellisti e intervallato da numeri eseguiti da machi lucidi, muscolosi e depilati, Steven Soderbergh sperimenta ancora. Dopo il genere catastrofico/epidemico e l'action al femminile, il regista di Atlanta torna a occuparsi dell'individuo nella sua interiorità con un racconto di formazione ambientato nello strano universo dello striptease maschile. Gli ingredienti sono quelli classici. Abbiamo un mentore (Magic Mike, provetto ballerino la cui 'magia' sta nel sedurre le donne a suon di ancheggiamenti e movimenti pelvici), abbiamo un adepto (l'ingenuo Adam, belloccio senza arte né parte), iniziato all'arte dello strip quasi per pietà e subito rivelatosi un talento nel mestiere, e abbiamo un burattinaio celato sotto le piacevoli spoglie di Dallas (l'ottimo Matthew McConaughey), padre/padrone che sfrutta i suoi performers per spiccare il salto e aprire un locale a Miami, abbandonando una volta per tutte la provinciale Tampa. Questo è anche il sogno di Mike, aspirante imprenditore, a sua volta intenzionato ad abbandonare il mondo dello spogliarello per mettersi in società 'quasi' alla pari con Dallas, ritenendosi un gradino al di sopra dei colleghi per anzianità e talento.

Video-recensione Magic Mike


Cody Horn in Magic Mike con Channing Tatum
Magic Mike è la vedette di uno spettacolo in cui lustrini, perizomi, coreografie sexy e centimetri di pelle unta in bella mostra nascondono droga, solitudine, insoddisfazione, stordimento e disordine mentale. Sono i 'vampiri' che vivono di notte - così li definisce Brooke, la sorella di Adam, l'unica persona sana del gruppo - passando da un'avventura sessuale all'altra nell'illusione di dare alle donne ciò che basta per renderle felici e farle sentire desiderate... almeno per qualche ora. Il merito di Soderbergh è quello di trovare il tono giusto per narrare una storia potenzialmente drammatica, e in parte autobiografica, vista l'esperienza giovanile nel settore strip del protagonista Channing Tatum, con un inusuale distacco ironico. La lucidità e la concisione dello script catalizzano l'attenzione sulla natura dei personaggi. In questa situazione potenzialmente protetta tutti gli attori danno il meglio di sé. Tatum dimostra di non essere solo un bel viso piazzato su un corpo muscoloso, convincendo pienamente nel ruolo di Mike. Il suo volonteroso protagonista si barcamena in un universo pervaso dalla follia da palcoscenico mantenendosi sobrio e concreto. Non personaggio, ma per una volta persona. Anche Alex Pettyfer non se la cava male nei panni del ragazzotto biondo e belloccio, ma con poco cervello e ancor meno personalità, ma la vera sorpresa è Matthew McConaughey nei panni di Dallas. Il suo imprenditore/stripper è un mix di fascino e tracotanza, disponibilità (apparente) e calcolo. Esilarante la scena in cui insegna il mestiere al nuovo arrivato spiegandogli l'essenza del compiacere le donne.

Magic Mike: Channing Tatum con Cody Horn in una sequenza
L'originalità di Magic Mike non è determinata né dalla storia né dai singoli ingredienti, ma da un amalgama vincente in cui è completamente assente il giudizio dell'autore. L'unica a non vedere di buon occhio l'attività del fratello è proprio Brooke (Cody Horn), l'infermiera saggia a cui Soderbergh affida il ruolo di moralizzatrice, senza però eccedere in pedanteria. Quanto al regista, lui preferisce abbandonarsi alla spettacolarità del contesto intervallando la narrazione con suggestivi numeri musicali che si impastano alla perfezione con l'avvolgente colonna sonora e con il montaggio rapido ed essenziale, asciutto fino a sembrare brusco, ma proprio per questo capace di valorizzare l'arguto humor contenuto nei dialoghi. Tra vivaci scambi di battute, coreografie curatissime e a tratti ipnotiche, disincanto e anticonformismo tipicamente indie, il discontinuo Soderbergh stavolta centra il bersaglio. Forte di un target trasversale e di ottimi incassi internazionali, Magic Mike piacerà alle donne per l'abbondanza di attori di bell'aspetto e agli uomini perché il tema dell'amicizia virile, con annessi e connessi, non passa mai di moda. Neppure tra spogliarellisti.

Recensione Magic Mike (2012)
Valentina D'Amico
Redattore
4.0 4.0
Privacy Policy