Cuori puri

2017, Drammatico

Stefano Fresi: “I cuori puri vivono male: per vivere bisogna sporcarsi le mani”

Stefano Fresi è tra i protagonisti di Cuori puri, esordio alla regia di Roberto De Paolis presentato al 70esimo Festival di Cannes nella sezione Quinzaine des Réalisateurs: l'attore interpreta Don Luca, il prete che fa da guida spirituale alla protagonista Agnese. Abbiamo incontrato Fresi e l'attrice Antonella Attili al Festival francese. Nelle sale italiane dal 24 maggio.

Cuori puri: Simone Liberati e Selene Caramazza in un momento del film

Presentato al 70esimo Festival di Cannes nella sezione Quinzaine des Réalisateurs, Cuori puri, nelle sale italiane dal 24 maggio, segna l'esordio alla regia di Roberto De Paolis, e racconta la storia di Agnese (Selene Caramazza), diciottenne appartenente a una famiglia fortemente cattolica che sta per fare voto di castità fino al matrimonio. Il mondo della ragazza è ovattato e sicuro, fino a quando non incontra Stefano (Simone Liberati), ragazzo che lavora nel parcheggio di un centro commerciale, che lotta quotidianamente contro i suoi superiori, una società che lo ha lasciato ai margini e gli zingari del campo Rom vicino.

Leggi anche: Lo chiamavano Jeeg Robot e la rinascita del cinema di genere italiano

A fare da guida a questi ragazzi pieni di paure e rabbia repressa sono due figure centrali: Don Luca, il prete che segue il percorso spirituale di Agnese, e Angela, la mamma di Simone, che non è in grado di offrirgli un futuro migliore e, anzi, chiede disperatamente l'aiuto del figlio. A interpretare questi personaggi sono Stefano Fresi e Antonella Attili, in questo momento in sala anche come splendida cattiva in I peggiori di Vincenzo Alfieri e qui ancora una volta trasformata, confermandosi come una delle attrici più camaleontiche del cinema italiano. Al centro del film c'è lo scontro con realtà diverse da quelle a cui siamo abituati, come ha sottolineato Fresi, che abbiamo incontrato, insieme ad Attili, al Festival di Cannes: "L'incontro con l'altro, secondo me, nella periferia è molto più quotidiano: chi vive nelle periferie si confronta ogni giorno con diversi strati della società. Non solo a Roma o in Italia, ma in ogni periferia del mondo".

Leggi anche: Trinca e Accorsi innamorati pazzi in Fortunata, presentato al Festival di Cannes

Cuori puri: Selene Caramazza in una scena del film

Quanto è difficile rimanere dei cuori puri se ci si immerge nella realtà, che molto spesso è più difficile di quella che immaginiamo? "Rimanere cuori puri forse è sbagliato" ci ha detto l'attore, spiegando meglio: "Rimanere un cuore puro non ti permette di abbattere quelle barriere che ti impongono la società, l'educazione e la religione. Per vivere, secondo me, bisogna sporcarsi le mani, bisogna essere un po' impuri. E credo anche secondo Roberto De Paolis: bisogna sporcarsi le mani tramite l'incontro con l'altro, che è necessariamente una rinuncia a qualcosa di tuo, che ti eri costruito intorno come guscio. Finché non rompi quel guscio sarai sempre dentro l'uovo, giudicando l'altro da un punto di vista distorto: finché non vivi, non senti l'odore degli altri, non li tocchi, non sai di cosa parli. I cuori puri secondo me vivono male".

Stefano Fresi è Don Luca in Cuori Puri

Antonella Attili è Angela in Cuori Puri

Stefano Fresi: “I cuori puri vivono male: per...
Lo chiamavano Jeeg Robot e la rinascita del cinema di genere italiano
Trinca e Accorsi innamorati pazzi in Fortunata, presentato al Festival di Cannes
Privacy Policy