Corri ragazzo corri: una corsa a perdifiato nella memoria più dolorosa

La storia, tratta dall'omonimo bestseller firmato dall'israeliano Uri Olev e ispirata alla stra-ordinaria avventura esistenziale di Yoram Fridman, è tutta incentrata su un bambino ebreo, Jurek, che incontriamo nella prima scena steso a terra. Attorno a lui, solo neve e ghiaccio.

Corri ragazzo corri: una corsa a perdifiato nella...
Corri ragazzo corri

2013 – Drammatico
2.7 2.7

Un romanzo d'avventura. Una storia di formazione. Un running movie (categoria ormai a sé stante, Lola corre insegna). Un film di finzione con un finale da documentario. E una pellicola sulla memoria. E' tutto questo, insieme, Corri ragazzo corri di Pepe Danquart, la cui uscita in sala non a caso è stata posizionata in concomitanza con la giornata della memoria (26, 27, 28 gennaio).

La storia, tratta dall'omonimo bestseller firmato dall'israeliano Uri Olev e ispirata alla stra-ordinaria avventura esistenziale di Yoram Fridman, è tutta incentrata su un bambino ebreo, Jurek, che incontriamo nella prima scena steso a terra. Attorno a lui, solo neve e ghiaccio. Vive nella foresta, mendica cibo come può, vive perennemente in fuga e si fa chiamare con un altro nome. Perché è ebreo, e i nazisti gli danno la caccia. Nella foresta troverà riparo e compagnia (un gruppo di ragazzini nella sua stessa drammatica situazione), imparerà a sue spese il significato della parola 'sopravvivenza' e nel suo cammino - sempre in corsa, costantemente sopraffatto da incubi, ricordi e terrore - incontrerà qualcuno che gli tenderà la mano. Punto, il film è tutto qui.

Contenuto pubblicitario

Raccontare il dolore

Corri ragazzo corri: una scena del film drammatico

Il resto appartiene al regno del retorico e del già visto: disobbedendo palesemente alla regola d'oro del saper raccontare il dolore di autori come Haneke (che, vale la pena ricordarlo, in Amour racconta malattia, morte e drammi personali senza far versare mezza lacrima ai suoi protagonisti), Danquart sceglie la via più facile e ci mostra un bambino offeso, tradito, ferito, disperato con il volto quasi perennemente in lacrime. Ci si abitua presto, purtroppo, a vederlo piangere e il pathos non viene ravvivato da facili scene di continui abbracci tra vittime, o meccanismi altrettanto facili di suspense (sempre innescati da una visione manicheista e semplicistica di buoni/cattivi).

Corri ragazzo corri: Jurek, il giovane protagonista del film, in una scena

Manca l'approfondimento, manca una vera introspezione dei personaggi. C'è l'azione, c'è la storia, ci sono scelte visive e registiche più o meno valide (le più interessanti: una fotografia algida e desaturata, inserti onirici alternati a sequenze di pura azione, una certa parsimonia nell'uso dei flashback). Resta, a fine visione, il fastidio per l'insistenza dell'effetto shock sullo spettatore (squartamenti di animali e menomazioni di arti infantili puntualmente in primo piano) e la sensazione di un'occasione, in fondo, sprecata. Quella di una storia vera degna di attenzione e di rispetto: un'avventura esistenziale stra-ordinaria, come appunto dicevamo all'inizio, raccontata tuttavia in modo del tutto ordinario, e dunque poco potente.

Corri ragazzo corri: una scena

In fuga con Jurek

Intensa la performance di Andrzej Tkacz, il cui sguardo spaesato e doloroso resta dentro. Soprattutto in quella che forse resta la scena più forte del film: nessuna fuga, a caccia all'uomo terminata si torna nel più proprio. Cioè a casa. Ma riappropriarsi del più proprio, per chi ha subito la Storia, diventa un'impresa impossibile: e così lo sguardo del piccolo Jurek che scopre macerie al posto della sua casa si fa metafora della disperazione dell'apolide di qualunque paese ed epoca storica.

Claudia Catalli
Redattore
2.0 2.0
Privacy Policy