Locarno 2014, giorno 3: un vero Tour De Force

Un dramma tedesco inaugura la sera in Piazza Grande che prosegue con la proiezione de Il Gattopardo. Ospiti della giornata odierna Dario Argento e Mia Farrow.

Grandi celebrazioni in arrivo per la mitica retrospettiva Titanus, fil rouge di questa edizione del Festival di Locarno che raccoglie ospiti e film diversi per celebrare la storica casa di produzione della dinastia Lombardo. Stasera, per la presentazione ufficiale della retrospettiva, saliranno sul palco della Piazza Grande Guido Lombardo e il mago del brivido Dario Argento. A impreziosire la serata è prevista la proiezione in 4K de Il gattopardo in versione restaurata. Il film di Visconti, incoronato con la Palma d'Oro alla XVI edizione del Cannes Film Festival, segna il punto più alto della produzione di Goffredo Lombardo portando sul grande schermo con estrema eleganza e con interpreti indimenticabili il romanzo di Giuseppe Tomasi Di Lampedusa. Prima, però, la Piazza vedrà l'arrivo del tedesco Tour de Force di Christian Zübert. Il film, che parte come una commedia, descrive la vacanza in bicicletta dalla Germania al Belgio di un gruppo di amici. L'occasione, apparentemente allegra, nasconde uno scopo ben più drammatico che influenzerà gli umori e le dinamiche interne al gruppo. Una storia di amicizia, amore, comprensione, sacrificio e solidarietà narrata con un linguaggio immediato, con uno stile dinamico e accompagnata da una colonna sonora rock melodica.

Tour de Force: una scena di gruppo in spiaggia tratta dal film

Il concorso internazionale quest'oggi spazia dalla Russia corrotta e spietata a una produzione francese dal sapore multietnico. Ferocissimo, The Fool di Yuri Bykov, punta il dito contro un sistema governativo che si regge sulla concussione e si autoprotegge eliminando ogni cosa o persona che ne mette a repentaglio la stabilità. A farne le spese è Dima Nikitin, idraulico che vive in una cittadina russa e sogna di migliorare la propria condizione e quella della sua famiglia. Per ottenere l'agognato avanzamento di carriera l'uomo studia per conseguire la laurea in costruzioni. Quando si accorge che uno degli enormi palazzoni dormitorio in cui sono allocati poveri, criminali e famiglie in difficoltà sta per crollare, invece di evitare di immischiarsi nella facenda come gli viene suggerito dalla moglie e dai genitori, Dima si reca in piena notte dal sindaco della città per informarlo del pericolo imminente. Una volta resisi conto di non essere in grado di rispondere all'emergenza abitativa, il sindaco e i funzionari corrotti decideranno di mettere tutto a tacere ignorando il pericolo e facendo fuori Dima e i suoi superiori. Il dramma, teso e agghiacciante, si consuma in una interminabile notte di disillusione e orrore. Una delle migliori pellicole in concorso fino a oggi.

La bella Ariane Labed, già protagonista di Love Island, torna in Fidelio (L'odyssée d'Alice) nei panni di Alice, un meccanico di bordo che si imbarca sul vecchio cargo Fidelio. Mentre il fidanzato la attende sulla terraferma, in alto mare Alice scopre che il suo predecessore è morto, lasciando un diario in cui ha annotato la propria esistenza, e che il comandante della nave è il suo primo grande amore.

Batte, infine, bandiera italiana La creazione di significato, pellicola sperimentale italiana diretta da Simone Rapisarda Casanova in concorso nella sezione Cineasti del presente. Il film, girato sulle Alpi Apuane, mescola temi come il ricordo della Guerra Partigiana, il contatto della natura, la conservazione della memoria e la delicata relazione tra Italia e Germania.

Fidelio (L'odyssée d'Alice): Ariane Labed in una scena del film
Locarno 2014, giorno 3: un vero Tour De Force
Locarno 2014
News Film Foto Video
Privacy Policy