Jodie Foster: coming out 'emotivo' ai Golden Globes 2013

Nell'accettare un importante premio alla carriera, l'attrice ha tenuto un discorso di ringraziamento con il quale ha confermato la sua omosessualità, parlato della sua 'modern family' e sottolineato l'importanza di tutelare la privacy, soprattutto in tempi in cui le star si espongono a tutti i costi.

"Ho fatto coming out mille anni fa, ai tempi dell'Età della Pietra" - ha precisato Jodie Foster, durante il suo sentito discorso di ringraziamento in occasione della cerimonia dei Golden Globes 2013, che si è tenuta ieri a Los Angeles, e durante la quale le è stato consegnato un importante premio alla carriera, il Cecil B. DeMille Award, che nel suo caso celebra 47 anni di lavoro nell'industria del cinema, in 50 anni di vita. Un traguardo importante, al quale Jodie è approdata con la convinzione che da adesso si apre una nuova fase, per lei, e con un discorso ironico e profondamente serio, allo stesso tempo, ma anche un discorso che ha commosso il pubblico e i colleghi presenti in sala, tra cui Anne Hathaway. Un discorso che arriva da una star che ha sempre, rigorosamente, separato la sua immagine pubblica e il lavoro, dalla sua vita privata, e per questo è stato accolto come "un evento nell'evento" dai presenti e dai media. Jodie non ha mai nascosto la sua sessualità alle persone che conosceva, e quando era "una ragazzina fragile", si era confidata prima con gli amici più cari, poi con i familiari e i colleghi di lavoro, "Ma adesso, stando a quanto mi dicono, da tutte le celebrità ci si aspetta che spiattellino i dettagli della propria vita privata con una conferenza stampa, un nuovo profumo o un reality show in prima serata. Mi dispiace, ma io non sono Honey Boo Boo Child (la piccola protagonista di un reality show trash dedicato a reginette di bellezza bambine, ndr) e non lo sarò mai. E vi assicuro che il mio reality sarebbe stato davvero noioso: avrei dovuto limonare con Marion Cotillard o sculacciare Daniel Craig per restare in onda." _ "_Ma se si è un personaggio pubblico dall'età di tre anni" - ha proseguito la Foster, che ha iniziato proprio a tre anni con la pubblicità per Coppertone - "vi ritrovereste a lottare per avere una vita che sia vera, onesta e normale e di conseguenza a dare priorità alla privacy, prima di ogni altra cosa. Arriverà un giorno che la gente ricorderà come era bello avere una privacy."

L'attrice ha poi ringraziato pubblicamente "La mia ex partner in amore, ma la mia anima gemella per tutta la vita. Cydney Bernard, sono fiera della nostra "modern family". Jodie aveva incontrato Cydney sul set di Sommersby, nei primi anni Novanta, e nel corso della loro lunga relazione, le due hanno avuto due figli, Charles Bernard e Kit Bernard, che erano presenti in sala e ai quali ha dedicato l'intero discorso, ma ha anche rivolto un saluto a sua mamma, che oggi è molto anziana e malata.

L'intervento di Jodie è stato accolto con entusiasmo dalle numerose personalità dello showbiz, tra cui numerosi gay dichiarati e non solo: Rosie O'Donnell, Ricky Martin, la star di Modern Family Jesse Tyler Ferguson, Kristin Chenoweth, Richard Dreyfuss, e poi ancora Alan Cumming, Valerie Bertinelli, Nina Garcia e Gabrielle Union. Un discorso che ha conquistato anche le due conduttrici della cerimonia, Amy Poehler e Tina Fey, che si sono congedate dal pubblico dicendo "Noi adesso andiamo a casa con Jodie."

Jodie Foster: coming out 'emotivo' ai Golden...
Privacy Policy