Guardiani della Galassia 3, James Gunn: "Scrivere la sceneggiatura è come creare una persona"

Il regista della trilogia di film della Marvel ha rivelato qualche dettaglio del lavoro compiuto sul prossimo lungometraggio.

James Gunn, presentando alla stampa americana l'edizione in homevideo di Guardiani della Galassia Vol. 2, ha rivelato qualche dettaglio del lavoro compiuto sul terzo capitolo della trilogia.
Il regista ha spiegato che è stato piuttosto facile scrivere la sceneggiatura: "Si tratta del terzo atto della storia, quindi cercherò di unire molti elementi nel nuovo capitolo. Ci saranno molte risposte a tanti quesiti diversi, quindi riuscire a farlo in modo elegante richiede un po' di grazia e attenzione. E' una sfida più grande scrivere il copione del terzo film rispetto al secondo. Realizzo un trattamento incredibilmente approfondito per ogni film".

Gunn ha spiegato come si avvicina alla stesura della sceneggiatura: "La scrittura è come creare il corpo di un essere umano e devi iniziare con lo scheletro, le ossa e devi creare questa struttura. Ti richiede molto tempo perché è in realtà la base del film e se sbagli quell'elemento, più avanti, ci saranno molti errori. Creare delle fondamenta davvero solide per la storia è la cosa più importante. Quindi scrivo un trattamento lungo circa 70 pagine. Include fotografie e molti dettagli. Si tratta del modo in cui affronto ogni film".

James ha inoltre confermato che il lungometraggio dovrebbe intitolarsi Guardians of the Galaxy Vol. 3 e nel film appariranno i Ravagers guidati da Starhawk, interpretato da Sylvester Stallone.

Guardiani della Galassia 3, James Gunn: "Scrivere...
Guardiani della Galassia Vol. 2: uno sguardo ravvicinato al Bozzolo di Adam Warlock
James Gunn: "Vi spiego come cresce Groot"
Privacy Policy