Abduction - Riprenditi la tua vita - curiosità

2011, Azione

2.7
Curiosità e citazioni

Curiosità


  • Date di uscita e riprese - Abduction - Riprenditi la tua vita è arrivato per la prima volta nelle sale italiane il 07 Ottobre 2011 (Moviemax); la data di uscita originale è: 23 Settembre 2011 (USA).
    Le riprese del film si sono svolte nel periodo 12 Luglio 2010 - 22 Settembre 2010 in USA.

    Ecco alcune delle location in cui è stato girato il film:

    308 Bigbee Street, Pittsburgh, Pennsylvania, USA
    Brownsville, Pennsylvania, USA
    PNC Park - 115 Federal Street, Pittsburgh, Pennsylvania, USA
    Pennsylvania, USA
    Pittsburgh, Pennsylvania, USA
    Sutersville, Pennsylvania, USA

    ● ● ●
  • Specifiche tecniche - Girato in: 35 mm. Proiettato in: 35 mm (anamorfico) e D-Cinema. Rapporto immagine: 2,35 : 1. Colore: a colori. Formato audio: Dolby Digital. Lingua originale: inglese.

    ● ● ●
  • Pittsburgh protagonista di Abduction - Taylor Lautner ha affermato che le riprese di Abduction - Riprenditi la tua vita hanno coinvolto tutta la città di Pittsburgh: "Abbiamo girato il film per tutta la città: Sui suoi fiumi, sulle sue strade, nelle sue foreste, negli stadi da baseball, nei ristoranti. E' stato un modo strepitoso di conoscere questa fantastica città".
    Gran parte del film è stato girato in ordine cronologico, permettendo agli attori di vivere la crescente suspense e la tensione della sceneggiatura. Le prime scene ad essere girate sono state quelle ambientate nella scuola, per la quale è stata scelta la Hampton High School ad Allison Park, ed è stata utilizzata la vera banda musicale della scuola, oltre alle sue cheerleader e alla sua squadra di wrestling.

    ● ● ●
  • Un action molto fisico - Taylor Lautner ha apprezzato l'opportunità di fare molti dei suoi stunt in Abduction - Riprenditi la tua vita, ma per tutti gli interpreti il film è stato molto "fisico". "Ho avuto l'opportunità di fare degli stunt davvero folli, come scivolare giù da un'enorme vetrata. Ho fatto un po' di parkour, saltando giù dai muri, ed ho un'incredibile scena di boxe assieme a mio padre mentre siamo sul retro della casa. E' un ruolo davvero fisico ma non ho esitato ad accettarlo. Mi diverte molto fare queste cose. E' il progetto perfetto per mettere alla prova le mie capacità". Ma va anche detto che l'attore è particolarmente avvantaggiato: "Ho studiato arti marziali da quando ero bambino, per circa otto anni" ha detto "Per le scene di combattimento, ho potuto tirar fuori qualche vecchia mossa del mio repertorio".

    Maria Bello ha confermato che il regista John Singleton preferisce che gli attori facciano i loro stunt: "Fare quegli stunt per quattordici ore al giorno e per quattro giorni alla settimana mi ha devastato fisicamente. Ma ne sono davvero fiera" Anche se l'attrice in passato si è allenata tantissimo per altri film e scene d'azione ha detto che il lavoro per Abduction è stato il più intenso di tutti. Anche Lily Collins ha avuto la sua dose d'azione. Per la sua scena la produzione si è trasferita su un fiume a Sutersville, in Pennsylvania. "Alle cinque del mattino, dovevo correre su un fiume, bagnarmi e poi correre attraverso una foresta", racconta l'attrice. "E' stato favoloso. Avevo anche delle ferite: lividi e graffi per tutto il corpo. Ho pensato che più ne avevo e più sarei riuscita a calarmi nella parte".
    Il lavoro più duro però è toccato a Jason Isaacs che si è allenato rigorosamente per essere all'altezza degli attori più giovani. "La produzione mi ha detto, 'Se accetti questo lavoro dovrai andare agli allenamenti di boxe ogni giorno quante più ore possibili", ricorda Isaacs. "Sembrava un'opportunità assolutamente favolosa. Mi sono allenato a boxare ogni giorno, anche mentre giravo un altro film e mentre ero impegnato a lavorare in una giuria ad un festival del cinema. Mi sono allenato assieme al campione mondiale di kickboxing, in Inghilterra, e con un altro fantastico campione in Scozia. Poi sono venuto a Pittsburgh, dove mi sono allenato assieme alle persone che hanno fatto le coreografie di 300"

    A coordinare il lavoro di tutti, è intervenuto Brad Martin, che di Abduction è anche regista della seconda unità.