Poliziotto senza paura

1977, Poliziesco

Recensione Poliziotto senza paura (1977)

Poliziotto senza paura non si può forse definire un poliziottesco classico, ma è senza dubbio un ottimo lavoro e la vena ironica che scorre lungo la durata del film è una piacevole sorpresa.

Trasferta a Vienna per il poliziottesco

Poliziotto senza paura (1977) nasce in un momento molto prolifico per Stelvio Massi: tra il 1975 e il 1977 il regista gira numerosi film, dalla trilogia di Mark il poliziotto fino a Poliziotto sprint (1977), passando per Il conto è chiuso (1976) e La banda del trucido (1977). Maurizio Merli arriva invece da due classici del poliziottesco come Roma a mano armata e Napoli violenta (entrambi del '76) e Mannaja (1977) di Sergio Martino.

Il film si apre con una scena che sottolinea i metodi non proprio ortodossi di Merli, appostato con macchina fotografica in un parco mentre aspetta il momento giusto per sventare un tentativo di sequestro a suon di spari. Sul fotogramma del detective che sta per sparare l'ennesimo colpo un fermo immagine ci porta ai titoli di testa, e appare chiaro che si assisterà a un film costruito su misura per il personaggio classico dell'attore romano. Massi però si sofferma su alcuni elementi
diversi dal solito: in alcune scene i toni leggeri e divertenti del film fanno pensare a una sorta di ibrido tra il poliziottesco e la commedia, e Merli non interpreta un commissario, bensì un ex poliziotto che si guadagna da vivere come detective privato.

Walter Spada (detto Volpe per la sua furbizia) viene incaricato di riportare a casa Annalise (Annarita Grapputo), la figlia di un noto banchiere di Vienna che si è unita a un gruppo Hare Krishna di Roma. Spada porta la ragazza nel suo appartamento, ma viene ingannato e Annalise riesce a scappare, solo per essere rapita da una banda intenzionata a ricattare il ricco padre. Spada parte
quindi per Vienna, dove lo attende l'amico investigatore Karl Koper (Gastone Moschin), e inizia a indagare sul caso di una ragazza morta anni prima in un incidente stradale. La madre sostiene che in realtà la figlia è stata uccisa e Spada si convince che la morte della ragazza e il rapimento di
Annalise siano collegati. Scoprirà un giro di baby prostitute organizzato dalla perfida e sensuale Brigitte (Joan Collins) e che coinvolge anche il padre di Annalise.

Poliziotto senza paura non si può forse definire un poliziottesco classico, ma è senza dubbio un ottimo lavoro, la vena ironica che scorre lungo la durata del film è una piacevole sorpresa (lo stesso Merli è meno infallibile e più umano del solito), basti pensare all'inseguimento tra le colline romane con l'auto di Merli che corre e salta come in un cartone animato o in una scena di Hazzard, o alle conversazioni con Gastone Moschin riguardo le strumentazioni dei loro uffici. L'investigatore di Vienna è infatti a capo di un reparto investigativo all'avanguardia degno di un film di James Bond, congegni moderni, computer e diverse segretarie in attesa di ordini. L'ufficio di Merli a Roma,
invece, è un piccola stanza con un soppalco a fare da schedario (divertente il cartello appeso che recita "vietato sputare") e una porta a vetro che porta alla "pipì room". Da questo punto di vista la costruzione delle situazioni e dei personaggi è molto curata e perfettamente riuscita, a fare da contorno a parti d'azione altrettanto belle. La scena in cui Merli si rifugia nella cabina telefonica
della stazione di Vienna inseguito dalla banda che lo vuole eliminare è girata con intelligenza e qualità visiva (gli zoom sugli occhi di Spada mentre compone il numero sperando di non essere scoperto), e lo stesso pestaggio al luna park rimane nella memoria dello spettatore.

Merli è come sempre in parte, Gastone Moschin si conferma un attore straordinario nel dare vita a questo personaggio di contorno simpatico e smitizzante, mentre la fotografia di Riccardo Pallottini colora e si muove degnamente all'interno di location viennesi molto affascinanti.
Poliziotto senza paura ridisegna con la sua semplicità alcune regole del genere e si riempie di citazioni nella scena iniziale ambientata nell'appartamento di Spada, con i muri ricoperti di poster di film polizieschi (la maggior parte americani) come L'agente speciale Mackintosh (1973) di John Huston con Paul Newman e James Mason, su cui Massi zooma diverse volte durante il dialogo tra Merli e Annalise. Più tardi il detective suggerirà a Moschin di andare più spesso al cinema a vedere i film di James Bond, a sottolineare ancora riferimenti alle cinematografie di genere che arricchiscono un film che per funzionare a dovere deve forse avvalersi di diverse scelte tematiche e diversi stili narrativi.
In ogni caso il risultato è ottimo, e sarebbe bello poter vedere un film come questo al cinema oggi, un film di genere che si articola all'interno di schemi semplici ma estremamente divertenti.

Recensione Poliziotto senza paura (1977)
Privacy Policy