The Musketeers: I quattro moschettieri di BBC

Ispirata alle avventure letterarie di D'Artagnan, The Musketeers è la serie in costume della rete nazionale britannica tutta all'insegna del puro intrattenimento.

The Musketeers: I quattro moschettieri di BBC

BBC vanta una lunga e pregevole tradizione nella programmazione di costume drama, dalle suggestive trasposizioni dei romanzi della Austen e di Dickens a quelle, sgargianti e ricche di azione come Merlin, Robin Hood o i recenti Atlantis e The Musketeers. Quest'ultima ha appena concluso la sua prima stagione sulla rete ammiraglia con un riscontro discreto (ha esordito con ben nove milioni di spettatori, ha chiuso con cinque) di pubblico, sufficiente a garantire alla serie il rinnovo. In The Musketeers nessuno azzecca una pronuncia in francese neanche per sbaglio, ma la serie si ispira alle avventure delle guardie parigine di Re Luigi XIII, frequentemente adattate in film e cartoni animati, pubblicate da Alexandre Dumas a metà del XIX secolo e si rifà, come accennato, alle produzioni dell'emittente nazionale britannica improntate all'intrattenimento per tutti.

Trame verticali

The Musketeers: Luke Pasqualino in un'immagine del primo episodio della serie

Prodotto da BBC America e BBC Worldwide e girato per otto mesi a Praga e dintorni, lo show vanta la firma - non particolarmente rassicurante - di Adrian Hodges (sue le poco incisive Survivors e Primeval, ma pure l'agghiacciante Atlantis è opera del geniale Overman di Misfits). Come il romanzo d'appendice dumasiano, The Musketeers segue le prime esperienze militari del giovane e irruento D'Artagnan nella Francia degli inizi del XVII secolo accanto ai moschettieri dell'insicuro re Luigi XIII: il valoroso e intransigente Athos, il seduttore e idealista Aramis, l'imponente e amichevole Porthos. Le prime puntate evidenziano che la trama orizzontale non ricalcherà quella del romanzo - focalizzata sul recupero dei diamanti della regina Anna: anzi, questa è ridotta al mistero che circonda Milady, spia al soldo del cardinale di Richelieu nonché moglie di Athos. Lui la consegnò al boia e ora lei mira a sedurre, fino a portarlo dalla sua parte, il giovane D'Artagnan. Le puntate si sviluppano su trame verticali improntate al semplice intrattenimento, che di volta in volta introducono un personaggio promotore della storia, spesso interpretato da una guest riconoscibile: Jason Flemyng (La leggenda degli uomini straordinari) è un rivoluzionario che vuole sterminare la famiglia reale, James Callis (Battlestar Galactica) un imbroglione schiavista, J.J. Feild (Third Star) un ex moschettiere in cerca di vendetta, Tara Fitgerald (Waking the Dead) la spietata madre di re Luigi XIII, Annabelle Wallis (I Tudors - Scandali a corte) una nobildonna illuminata, Vinnie Jones (Snatch) un prigioniero dalla forza disumana e Sean Pertwee (Dog Soldiers) un pappone assassino.

Contenuto pubblicitario

The Musketeers: Howard Charles in un'immagine del primo episodio della serie
Un cast con qualche sorpresa
Le guest se ne vanno a fine puntata, i protagonisti restano, avendo rivelato qualcosa di più su se stessi. Un Peter Capaldi - il Richelieu avvolto in pelle nera - un po' sottotono è un villain perfido ma non flamboyant quanto ci piacerebbe, mentre Luke Pasqualino nei panni di D'Artagnan - quasi irriconoscibile da tempi di Skins - è poco coinvolgente e non è migliorato come attore dai tempi della serie teen (però è cresciuto di venti centimetri). Il resto del cast annovera un ottimo interprete come Tom Burke (era anche lui in Third Star), che dà del suo meglio nel ruolo di Athos nel corso delle ultime puntate, dove il traumatico passato del suo personaggio torna a perseguitarlo; il bel Santiago Cabrera di Merlin è un Aramis azzeccato e così affascinante da sedurre la regina, e il Porthos del neofita seriale Howard Charles è promettente ma poco sfruttato. La vera sorpresa è il sensazionale Ryan Gage (il meschino Alfrid di Lo Hobbit: La desolazione di Smaug), un re Luigi sfaccettato, fragile, lamentoso e influenzabile, ma anche estremamente spaventato, solo, e non è mai stato amato neanche dalla madre.

The Musketeers: Peter Capaldi in un'immagine del primo episodio della serie
Intrattenimento per tutti The Musketeers è ricca di azione, inseguimenti, duelli e - occasionali - sparatorie; di intrighi, tranelli, trappole e false accuse; di amori, tradimenti e alleanze; di bugie, segreti e rivelazioni: mantiene gli stilemi dumasiani e tutti i tópoi del feuilleton e in questa apprezzabile prevedibilità ha il suo punto di forza. Hodges preferisce non diluire l'avventura del recupero dei diamanti reali in una trama orizzontale da spalmare nelle dieci puntate della prima annata, ma riserva alla finale di stagione l'esemplare disfatta del villain e il trionfo precario degli eroi. La season finale è di grande lunga la puntata meglio costruita, con un montaggio scoppiettante e un colpo di scena che rivela come D'Artagnan non sia tanto ingenuo da farsi circuire da Milady, o perlomeno sia più leale ai suoi compagni che all'amante (e prende alla lettera il motto del Dr House, "Bros before hos" - gli amici prima delle donne -, variante contemporanea dell'inno alla solidarietà tra uomini di "Tutti per uno, uno per tutti"). Il decime episodio offre un epilogo diverso dal romanzo per quanto riguarda la sopravvivenza di un personaggio, funzionale a una serie strutturata per rinnovarsi per qualche anno. L'impegno di Peter Capaldi in qualità di nuovo Doctor Who potrebbe costituire un problema per le riprese della seconda stagione di The Musketeers, visto che il suo Richelieu è il villain principale e l'unico in una posizione di potere tale da rappresentare un antagonista autenticamente interessante, ma lo show potrebbe risolvere con il Duca di Buckingham (l'amante della regina, ruolo mutuato da Aramis) o altri avversari significativi.

Privacy Policy