Hoffman, Thompson, Stiller, Sandler: poker d’assi per Baumbach e il suo The Meyerowitz Stories

Noah Baumbach ha presentato in concorso al Festival di Cannes The Meyerowitz Stories, storia di una famiglia messa a dura prova dal rapporto con il successo, insieme al suo cast stellare, formato dai pesi massimi Dustin Hoffman, Emma Thompson, Ben Stiller e Adam Sandler. Presto disponibile su Netfix.

The Meyerowitz Stories: Dustin Hoffman ed Emma Thompson in una scena

Per la sua prima volta in concorso al Festival di Cannes, Noah Baumbach ha deciso di parlare di famiglia e di come sia messa alla prova dal rancore che deriva dalla mancanza di attenzioni e dal differente successo dei membri che la compongono. In The Meyerowitz Stories Dustin Hoffman è Harold, patriarca di una famiglia di aspiranti artisti: scultore che sente di non aver ottenuto i riconoscimenti e il successo che meritava, l'uomo ha avuto quattro mogli e tre figli, Danny (Adam Sandler), Matthew (Ben Stiller) e Jean (Elizabeth Marvel), tutti con rancore verso il padre, reo di non aver dato a nessuno di loro la giusta attenzione. A sconvolgere ancora di più il già precario equilibrio familiare è non solo Maureen (Emma Thompson), eccentrica e alcolizzata nuova moglie di Harold, ma anche l'improvviso crollo di salute dell'uomo, al cui capezzale i tre figli devono fare pace con tutte le loro faccende in sospeso.

Leggi anche: Cannes contro Netflix e il destino delle sale: chi ha ragione e chi vincerà?

Presentato in concorso al 70esimo Festival di Cannes, The Meyerowitz Stories è, insieme a Okja, uno dei due film prodotti da Netflix presenti alla kermesse francese, che sarà presto distribuito sulla piattaforma di streaming. Sulla Croiesette oltre a Baumbach sono arrivati anche i suoi quattro stellari protagonisti: i premi Oscar Dustin Hoffman ed Emma Thompson insieme a Ben Stiller e Adam Sandler.

La musicalità delle parole di Baumbach

The Meyerowitz Stories: gli attori Ben Stiller e Adam Sandler in una foto del film

Hoffman, Thompson, Stiller e Sandler hanno abbracciato il progetto con entusiasmo, pur trattandosi di una produzione a budget ridotto - Thompson in conferenza stampa ha scherzato dicendo: "Fare questo film mi è costato dei soldi!" - vista la grande stima che tutti hanno di Baumbach e delle sue sceneggiature: "Non potevo mettere giù la sceneggiatura" ha detto Sandler, proseguendo: "Ti prende, sapevo che il film sarebbe stato divertente ed emotivamente carico. Mi sono affezionato subito al mio personaggio. Ero emozionatissimo: per un attore comico è raro ricevere queste proposte. Il mio primo pensiero ogni volta è non deludere nessuno e dare il meglio".

Leggi anche: Cannes 2017: Okja, fischi e urla alla proiezione del film Netflix, stoppato per problemi tecnici

Dustin Hoffman invece: "Non mi piace chi dice di essere cresciuto con i miei film. Quando ho letto il copione volevo farlo, ma non volevo interpretare il vecchio, pensavo di essere perfetto per entrambi i ruoli di Stiller e Sandler. È stato mio figlio a convincermi. Con Noah ci siamo incontrati e abbiamo paragonato i nostri genitori. Molti di noi a un certo punto diventano come i genitori, come i nostri padri: ho preso ispirazione dal mio per interpretare Harold. Nel film diciamo ogni singola parola della sceneggiatura, che ci piaccia o meno. C'è musica nel testo di Noah: è un artista singolare, non so se voglio lavorare di nuovo con lui, ma non si può negare il suo talento".

Leggi anche: Okja: Tilda Swinton su Pedro Almodovar "Non siamo qui per ricevere premi, ma per far vedere il film"

Stiller: "Ero felice di tornare a lavoro con Noah. All'inizio ho pensato che le prime 30/40 pagine fossero lente: il mio personaggio arriva a pagina 41. Quando mi hanno detto che Dustin stava facendo lil provino per il ruolo del padre sono stato felicissimo: abbiamo lavorato insieme per Mi presenti i tuoi? (2004), in un determinato contesto, ero curioso di lavorare con lui in un film diverso. Ogni volta che ci lavoro lo apprezzo sempre di più: è divertente e generoso... ma a volte è deprimente cenare con lui e sentire le sue storie incredibili e l'enorme serie di aneddoti sui film classici che ha fatto. È stato bello anche lavorare con Adam, con cui ci conosciamo da anni: interpretare due fratelli è stata l'occasione di avvicinarsi ancora di più. È stata una delle più grandi esperienze della mia carriera".

Leggi anche: Festival di Cannes, dietro le quinte: come funziona la kermesse cinematografica più prestigiosa al mondo

Thompson: "Ho sempre voluto lavorare con Noah perché amo tutto il suo lavoro. Quando ho letto il copione, dato che non vengo dall'America, non avevo idea di come sarebbe andata, ma sapevo che sarebbe stato affascinante. Ho dovuto interpretare un'americana che, da inglese, è dura, ma per fortuna è un'alcolizzata, quindi per me è facile. La cosa interessante di questo film è che le parti comiche, che potrebbero sembrare più superficiali, sono in realtà la parte davvero profonda: è lì che c'è la verità".

L'arte, il successo e la famiglia

The Meyerowitz Stories: Noah Baumbach aggiusta il cappello a Dustin Hoffman

In questo film Baumbach voleva esplorare il rapporto delle persone con il successo: "Nei miei film mi piace esplorare la distanza che c'è tra chi vorremmo essere e chi siamo davvero. Mi interessa capire quanto sia grande quella distanza: il successo nell'arte, o il successo professionale, è un ottimo modo di scoprirlo. Che cosa vuol dire avere successo? Danny sente di essere un fallito, ma è un ottimo papà, un concetto che non è valorizzato abbastanza in questa famiglia". D'accordo Thompson: "In questo film tutti hanno un'idea diversa di successo e fallimento, ma la costante è la vergogna: la nostra cultura e la nostra società sono fondate sull'avere successo, tendiamo a giudicare chi non è un vincente e questo ci porta a provare costantemente vergogna per ogni piccolo fallimento".

Leggi anche: Cannes 2017: Tilda Swinton, Lily Collins e Jake Gyllenhaal per presentare il film Okja

Il #Netflixgate al Festival di Cannes

The Meyerowitz Stories: Ben Stiller e Adam Sandler in una foto del film

Inevitabile affrontare la questione Netflix: per Baumbach: "Ho fatto questo film con budget indipendente e come tutti i miei altri film ho girato pensando che sarebbe uscito al cinema. Per me il cinema è un'esperienza unica, una forma d'arte che non penso verrà sostituita da internet. Netflix è arrivato durante la post-produzione, mi hanno supportato tanto, e per questo sono loro sono grato". Ironico Dustin Hoffman: "Io a casa ho uno schermo enorme: possiamo andare a vedere il film nel mio salotto".

Leggi anche: Cannes 2017: il caso Netflix "spacca" la giuria. Will Smith contro Pedro Almodovar

Hoffman, Thompson, Stiller, Sandler: poker d’assi...
Cannes 2017
News Film & Serie Foto Video
Okja, la favola ecologista di Netflix che può diventare un nuovo classico
Tilda Swinton su Okja: “Netflix ha iniziato un processo evolutivo, ma c’è spazio per tutti”
Privacy Policy