Suicide Squad

2016, Azione

Suicide Squad: una colonna sonora disorganica ma affascinante

Il film di David Ayer può contare su una selezione di brani, originale ma non incisiva, e sulle affascinanti composizioni di Steven Price.

Suicide Squad

2016 – Azione
3.3 3.3

Fin dal primo trailer il legame tra la musica e Suicide Squad è sembrato particolarmente stretto. Come accaduto con il film diretto da David Ayer, purtroppo, anche il risultato finale raggiunto dalla colonna sonora suscita un po' di delusione, soprattutto se si tiene prevalentemente in considerazione il modo in cui i brani sono stati utilizzati sul grande schermo.

Suicide Squad: una foto dei protagonisti

Analizzati singolarmente i due dischi, che contengono la selezione di canzoni e i brani strumentali composti da Steven Price, riescono infatti a soddisfare per la varietà e la qualità del lavoro compiuto, mentre valutati all'interno del montaggio proposto sul grande schermo ottengono il risultato di apparire spesso utilizzati senza troppa attenzione o, al contrario, aver fin troppo peso risultando quasi invadenti prevaricando le immagini o la storia.

Soundtrack


La copertina di Suicide Squad - The Album
  • Suicide Squad - The Album
  • Data d'uscita: 05 agosto 2016
  • Etichetta: WaterTower Music

01.
Purple Lamborghini
Skrillex & Rick Ross
02.
Sucker For Pain
Lil Wayne, Wiz Khalifa & Imagine Dragons (with Logic, Ty Dolla $ign & X Ambassadors)
03.
Heathens
twenty one pilots
04.
Standing In The Rain
Action Bronson & Dan Auerbach (of The Black Keys) (feat. Mark Ronson)
05.
Gangsta
Kehlani
06.
Know Better
Kevin Gates
07.
You Don’t Own Me
Grace (feat. G-Eazy)
08.
Without Me
Eminem
09.
Wreak Havoc
Skylar Grey
10.
Medieval Warfare
Grimes
11.
Bohemian Rhapsody
Panic! At The Disco
12.
Slippin’ Into Darkness
War
13.
Fortunate Son
Creedence Clearwater Revival
14.
I Started a Joke
ConfidentialMX (feat. Becky Hanson)

Un mix di sonorità e generi

Suicide Squad: Amanda Waller nel primo trailer del film

Suicide Squad: The Album contiene quattordici brani che spaziano tra diversi generi e atmosfere, tra collaborazioni, hit classiche e cover.
La tracklist si apre con Rick Ross e Skrillez con la loro Purple Lamborghini piena di energia e sfumature rock e rap, seguita poi dall'affascinante commistione creata per Sucker for Pain a cui hanno collaborato Lil Wayne, Wiz Khalifa, Logic, Ty Dolla $ign, e X Ambassadors e Dan Reynolds degli Imagine Dragons le cui voci accompagnano con efficacia i cambi di ritmo, permettendo di far assumere alla canzone un'atmosfera quasi ipnotica. Heathens dei Twenty One Pilots si inserisce bene nello stile scelto per i brani originali con commistione di generi, come accade poi con l'affascinante r&b a tinte pop di Gangsta con l'armoniosa voce di Kehlani o la ritmata Standing in the rain che sfrutta nel migliore dei modi l'esperienza di Mark Ronson per firmare una delle canzoni più convincenti, utilizzata inoltre per l'introduzione di Deadshot, personaggio interpretato da Will Smith.

Dopo la piacevole, ma non incisiva Know Better, si passa alla cover di You Don't Own Me firmata da Grace con la collaborazione di G-Eazy, scelta ben calibrata e arrangiata per accompagnare l'entrata in scena della sensuale Harley Quinn di Margot Robbie. In equilibrio tra presente e passato, la tracklist ripropone poi una delle hit di Eminem, Without Me, che risale all'ormai lontano 2002. Skylar Grey, che con il rapper ha collaborato più volte, è invece l'interprete di Wreak Havoc che consolida l'idea di offrire delle proposte musicali non delimitate nei confini di un unico genere, avvicinandosi in questo caso forse maggiormente al pop, mentre Medieval Warfare firmato Grimes sposta i ritmi e le sonorità verso uno strano mix elettronico, con una voce quasi angelica alla Björk e richiami al metal.

Margot Robbie, da Scorsese a Suicide Squad: l'ascesa di una giovane diva

Suicide Squad: Margot Robbie e Jared Leto in una scena del film

Una buona selezione di cover e classici

Suicide Squad: Will Smith nel primo trailer del film

Difficile reggere il confronto con l'originale tuttavia i Panic! at the Disco si cimentano, proseguendo nell'ascolto dell'album, con l'iconica Bohemian Rhapsody che, pur non avvicinandosi all'intensità dell'originale, sfrutta bene il talento di Brendon Urie. Ascoltare un classico come Slippin' into Darkness dei War è inoltre sicuramente un piacere anche a distanza di oltre quaranta anni dalla sua release, ma nel contesto risulta una parentesi senza apparenti legami con il resto della tracklist come accade con Fortunate Son targata Creedence Clearwater Revival che tuttavia ben si adatterebbe a ogni possibile uso sul grande schermo.
L'album si conclude con una delle cover più interessanti proposte: I Started a Joke, in origine incisa dai Bee Gees, che, nell'arrangiamento di Confidential Music e con la voce di Becky Hanson, assume un'atmosferica quasi onirica e di grandissimo effetto.

Leggi anche: Il caso Suicide Squad tra critici "corrotti", la lotta DC/Marvel e Rotten Tomatoes. Chi sono i veri cattivi?

Un album un po' confuso

La selezione di brani, nel suo complesso, appare però priva di un'idea generale che giustifichi, anche al semplice ascolto, la formazione della tracklist. Confrontato con l'ottimo lavoro compiuto con altri cinecomic, l'approccio avuto nei confronti di Suicide Squad da parte dei produttori musicali appare forse più confuso e meno funzionale, accompagnando sequenze chiave con brani riconoscibili o d'effetto ma senza aderenza alle situazioni o alle caratteristiche dei personaggi con la sola eccezione, in parte, di Harley Quinn.

Suicide Squad: Adewale Akinnuoye-Agbaje e Margot Robbie in una foto del film

Soundtrack


La copertina di Suicide Squad - The Score
  • Suicide Squad - The Score
  • Data d'uscita: 08 agosto 2016
  • Etichetta: WaterTower Music

01.
Task Force X
Steven Price
02.
Arkham Asylum
Steven Price
03.
I’m Going To Figure This Out
Steven Price
04.
You Make My Teeth Hurt
Steven Price
05.
I Want To Assemble A Task Force
Steven Price
06.
Brother Our Time Has Come
Steven Price
07.
A Serial Killer Who Takes Credit Cards
Steven Price
08.
A Killer App
Steven Price
09.
That’s How I Cut and Run
Steven Price
10.
We Got A Job To Do
Steven Price
11.
You Die We Die
Steven Price
12.
Harley And Joker
Steven Price
13.
This Bird Is Baked
Steven Price
14.
Hey Craziness
Steven Price
15.
You Need A Miracle
Steven Price
16.
Diablo’s Story
Steven Price
17.
The Squad
Steven Price
18.
Are We Friends Or Are We Foes?
Steven Price
19.
She’s Behind You
Steven Price
20.
One Bullet Is All I Need
Steven Price
21.
I Thought I’d Killed You
Steven Price
22.
The Worst Of The Worst
Steven Price
23.
June Moone
Steven Price
24.
Did That Tickle?
Steven Price
25.
You Know The Rules Hotness
Steven Price
26.
Enchantress In The War Room
Steven Price
27.
Introducing Diablo and Croc
Steven Price
28.
Tast Force X Activated
Steven Price
29.
Can Everyone See This Trippy Stuff
Steven Price
30.
I Promised My Friends
Steven Price

Un premio Oscar per il cinecomic di David Ayer

Completamente diverso il lavoro compiuto dal premio Oscar Steven Price che supera senza alcun problema la sfida di lavorare a un adattamento dei fumetti fin dall'epico tema Task Force X con cui si apre una sostanziosa tracklist che arriva nella versione venduta in formato digitale a quota 30 tracce. Il compositore riesce infatti a bilanciare l'utilizzo dei vari strumenti, ritmi ed effetti sonori per adattarsi alle caratteristiche dei membri del team e costruire una partitura complessa di grande impatto ed energia.

Suicide Squad: un'immagine di gruppo dal primo trailer del film

Price ha il merito di aver ideato una colonna sonora caratterizzata da una struttura piuttosto solida dal punto di vista narrativo e, pur essendo privo dei veri e propri temi tradizionalmente creati per i singoli personaggi, il suo lavoro riesce a seguire con precisione le atmosfere che contraddistinguono i vari passaggi della storia: da quelle dark di Arkham Asylum alla dolcezza e malinconia di I'm Going to Figure This Out che sfuma sul finale lasciando il posto all'energica e ritmata You Make My Teeth Hurt. La tracklist prosegue mantenendo l'equilibrio tra strumenti classici, in particolare archi e percussioni, e sonorità in parte elettroniche, proponendo mix di emozioni e potenza ben riusciti come nel caso di A Killer App e il successivo That's How I Cut and Run con la sua scarica di adrenalina in cui gli archi aggiungono enfasi e leggerezza. Tra i difetti della colonna sonora c'è però quello che in alcuni casi la compattezza ricercata rende quasi impossibile distinguere la fine di un brano dall'inizio del successivo e l'unico vero tema musicale, inoltre, sembra quello ideato per Harley e il Joker dai toni epici e drammatici in crescendo, con un finale più cadenzato e dolce, con alcune parti della partitura che ritornano successivamente nella parte centrale di Hey Craziness e dall'atmosfera simile a quella ideata per Diablo's Story e la cupa The Squad, dalla struttura essenziale ma ugualmente efficace.

Leggi anche: Suicide Squad, come il film ha travisato il rapporto tra Harley e Joker

Tra i brani dell'ultima parte della colonna sonora si distingue in positivo Are We Friends or are We Foes?, in cui vengono utilizzati nuovamente dei passaggi introdotti in precedenza con un arrangiamento più incisivo che porta poi all'interessante She's Behind You, con un alternarsi di parti vocali e strumentali a far crescere l'attenzione e il coinvolgimento emotivo. Il brano di chiusura, The Worst of the Worst, propone invece una suggestiva introduzione con le percussioni ad accompagnare l'evoluzione della partitura in cui gli strumenti vanno a sovrapporsi progressivamente.
Tra le bonus track sono invece Enchantress in the War Room e June Moon a dimostrare il potenziale più interessante, grazie probabilmente all'idea di costruire un tema musicale per il personaggio interpretato da Cara Delevingne, presenza centrale nella trama.

Una buona prova da parte di Price

Chi ama le colonne sonore in cui è immediatamente riconoscibile il legame con i protagonisti e si sceglie di proporre dei brani quasi indipendenti uno dall'altro, probabilmente troverà le composizioni di Steven Price poco incisive, tuttavia l'ascolto dell'intera opera si dimostra più aderente agli eventi e ai personaggi rispetto all'album con le canzoni utilizzate e ispirate da Suicide Squad.

Suicide Squad: Jared Leto e Margot Robbie in una foto del film
Suicide Squad: una colonna sonora disorganica ma...
Il ritorno della Suicide Squad: Quando e dove rivedremo i membri della squadra?
Suicide Squad, come il film ha travisato il rapporto tra Harley e Joker
Privacy Policy