Recensione Midnight Chronicles (2010)

Visivamente suggestivo ma povero di mezzi e tensione il film ispirato al famoso gioco di ruolo e girato nel 2010. Ora è possibile scoprirlo grazie al DVD di Koch Media, caratterizzato da un video discreto e un ottimo audio.

Recensione Midnight Chronicles (2010)

Tutti ai piedi di Izrador

Ispirato al famoso gioco di ruolo Midnight e alle sue ambientazioni dark-fantasy, Midnight Chronicles è un film di Christian T. Petersen (anche autore ed editore di giochi) che risale addirittura al 2010, ma che non è mai arrivato nelle sale italiane e solamente adesso è disponibile in homevideo grazie al DVD distribuito da Koch Media.

La vicenda è ambientata nelle terre di Aryth, dove la battaglia tra il bene e il male è stata combattuta e il male ha vinto. Adesso su questo mondo oscuro e avvolto dalle tenebre governa con pugno duro e severità Izrador, il dio oscuro, aiutato dagli orchi, mentre gli uomini sono piegati al suo volere ed elfi e nani, che si sono ritirati nelle foreste e nelle montagne, cercano disperatamente di resistere al tiranno. Ma nella città di Blackweir, un Legato (un sacerdote di Izrador) che era stato spedito sul luogo per consacrare un tempio, scompare misteriosamente.

Una scena di Midnight Chronicles

Per indagare sulla sua scomparsa viene inviato il famigerato Mag Kiln (interpretato da Charles Hubbell), che rimane coinvolto in un antico mistero che gli farà scoprire non solo la storia che si porta dietro il luogo, ma anche una profetica forza malefica che vive dentro di lui. Nel cast anche Matt Amendt, Steve Sweere, Dawn Brodey e Sam L. Landman.

Contenuto pubblicitario

Gran look, poca tensione

Nonostante il budget ridotto, il film trasuda molta ambizione e va apprezzato lo sforzo di Christian T. Petersen di allestire uno spettacolo dignitoso, e quantomeno il lavoro che riguarda le ambientazioni, la fotografia, il sonoro e gli effetti speciali utilizzati in maniera discreta, è certamente più che sufficiente, nonostante alcuni limiti piuttosto evidenti. Ma il vero problema di Midnight Chronicles è una sceneggiatura poco convincente, che rende piatti alcuni passaggi della storia, se non addirittura confusi e poco definiti.
Il tutto si traduce in scarsa tensione e in una certa monotonia di fondo. E poi c'è l'enorme problema che in ambientazioni fantasy di questo tipo, fra personaggi epici e creature feroci, è stato fatto già tanto sul grande schermo, con enorme quantità di mezzi in più e anche con una qualità decisamente maggiore, per cui ogni cosa sembra francamente sottotono. Sensazione amplificata da un cast molto teatrale e televisivo, che sembra poco a suo agio in questo contesto. Ciò non toglie che non tutto è da buttare e soprattutto i fans del gioco di ruolo da cui è tratto potrebbero trovare molti motivi di interesse.

Una scena di Midnight Chronicles

Il DVD: video discreto, audio ottimo e coinvolgente

Midnight Chronicles: la locandina del film
Totale 6.5
Video 6.5
Audio 8
Extra 5.5

Per quanto riguarda il DVD targato Koch Media, Midnight Chronicles presenta un video discreto, che convince abbastanza sul piano del dettaglio, che a tratti risulta ottimo sui primi piani, soprattutto per lo standard DVD. Meno convincente la resa sui campi medio lunghi, decisamente più pastosi: specialmente nella riproduzione della folta vegetazione il video fa fatica, ci sono contorni incerti, fenomeni di aliasing e qualche pixel da compressione, e affiora anche un pizzico di edge enhancement. Discreta invece la tenuta del quadro nelle scene più scure, dove la scena è illuminata solo da qualche candela: pur con qualche incertezza, va riconosciuto che la compattezza complessiva del quadro non viene mai meno, neanche sui fondali.

Una scena di Midnight Chronicles

L'audio italiano è presente sia in dolby digital che in DTS multicanale: quest'ultimo è frizzante e abbastanza coinvolgente, il problema è che switchando sul dolby digital inglese, quest'ultimo risulta nettamente più dettagliato e incisivo sull'asse posteriore e più potente a livello di bassi. Il film ha vari momenti sonoramente importanti sia per le scene di azione che per le atmosfere e le musiche ricche di tensione: in tutti questi casi, come anche nell'ambienza generale, bisogna dire che la traccia italiana è vivace e piuttosto buona nella ricostruzione della scena, ma altrettanto onestamente va detto che il dolby inglese ha un impatto complessivo decisamente maggiore. Pochini gli extra: troviamo il trailer, un making of di quasi 5 minuti e una featurette sugli effetti speciali di poco più di 4 minuti.

Conclusioni

Se a livello visivo Midnight Chronicles propone alcune buone trovate e risulta più che sufficiente, la storia invece non avvince come potrebbe e dovrebbe. E non è un limite da poco. Il DVD comunque consente una visione piacevole grazie a un reparto tecnico che, seppur con alcuni limiti, si rivela discreto. Se volete un coinvolgimento sonoro maggiore, però, la traccia inglese è altamente consigliata.

Antonello Rodio
Redattore
2.0 2.0
Privacy Policy