Liam Neeson: da Star Wars a Io vi troverò, 10 ruoli indimenticabili dell'attore

L'eroe action dal cuore d'oro compie 65 anni e, per l'occasione, ricordiamo alcuni dei suoi film più belli che ci hanno emozionato.

Una cosa è certa: nessuno può guardare la morte negli occhi come Liam Neeson. L'attore irlandese, classe 1952, compie oggi 65 anni in perfetta forma, anche se la vita non gli ha risparmiato zone d'ombra. Nel 2009 infatti, ha perso per un incidente la moglie Natasha Richardson, con la quale era sposato da oltre dieci anni, ma è riuscito a superare la tragedia grazie all'amicizia di Ralph Fiennes, la sua famiglia e la passione per il lavoro che non gli hanno permesso di allontanarsi dalla scena definitivamente.

La sua fisicità imponente è frutto di una passione per le arti marziali e un passato da pugile prima che una sincope sul ring lo costringesse a ritirarsi. Ma forse è vero che non tutti i mali vengono per nuocere e, negli anni '80, Neeson debutta al cinema con piccoli ruoli in Mission, Excalibur e altri film di successo, per iniziare la sua carriera di attore che gli ha regalato fino ad oggi numerose soddisfazioni.
Il suo aspetto rassicurante e protettivo ma all'occorrenza letale, lo ha reso un perfetto eroe action per la trilogia Taken che ha dato nuova linfa al suo percorso cinematografico, dieci anni dopo il ruolo di mentore jedi di Obi Wan Kenobi, nella nuova versione di Star Wars.

Taken 3 - L'ora della verità: Liam Neeson in azione in una scena del film

Liam Neeson ha affrontato tanti ruoli diversi, alcuni realmente esistiti come Michael Collins e Kinsey, altri appartenenti ad un mondo fantastico come Darkman, Batman Begins e Star Wars ep. I - La minaccia fantasma, ma è stato credibile anche nel romantico Love Actually - L'amore davvero e nell'intrigante Third Person, anche se la sua dimensione naturale sembra essere il thriller d'azione.
In occasione del suo compleanno vogliamo ricordare dieci ruoli del grande tifoso del Liverpool che ci hanno emozionato, lasciando il segno nella storia del cinema passato e presente.

Leggi anche: Come il Batman di Christopher Nolan ha cambiato per sempre i cinecomic

1. Michael Collins - Passione irlandese

"Non possono imprigionarci in eterno, possono spararci, possono persino arruolarci, ma noi abbiamo un'arma più potente, quella del rifiuto", recita Liam Neeson nei panni di Michael Collins, un uomo che ha lasciato il segno nell'IRA, il movimento di liberazione irlandese. Neil Jordan dirige l'attore in questo biopic drammatico che gli permette di raccontare un momento fondamentale del suo paese di origine. Dopo una serie di comizi all'aperto Collins diventa una personalità carismatica e potente nello scenario politico degli anni '20. Si impegna nella lotta contro il dominio britannico, viaggiando in cerca di nuovi proseliti, tenendo discorsi motivazionali che ipnotizzano le folle. Diventa il primo capo del governo provvisorio dello Stato libero d'Irlanda prima di essere brutalmente ucciso in un'imboscata. Il film è una vibrante avventura di passione e verità, contaminata da dinamiche thriller, per raccontare la storia di un uomo determinato e coraggioso che Neeson rende perfettamente sulla scena.

Leggi anche: Alan Rickman: 10 grandi ruoli (+1) per ricordare il grande attore britannico

2. Kinsey - Studiando la sessualità

Liam Neeson in una scena di Kinsey

Come Michael Collins il ruolo di Liam Neeson nel film di Bill Condon del 2004 è ispirato ad un personaggio realmente esistito. Egli infatti interpreta Alfred Charles Kinsey, un insegnante di biologia che lavora all'Università dell'Indiana, portando avanti uno studio sui comportamenti sessuali degli uomini per comprendere meglio le dinamiche e i comportamenti delle relazioni. Nonostante l'argomento esplicito e piccante, Neeson presenta Kinsey come un uomo intelligente in cerca di risposte che intervista centinaia di persone, facendole parlare dei loro rapporti intimi per scrivere poi un saggio nel 1948, intitolato "Il Comportamento Sessuale del maschio Umano" che diventa un vero e proprio best seller. Questo ruolo allontana Neeson dal protagonista action che siamo abituati a vedere, ma ci mostra un suo lato diverso al fianco di Laura Linney, Peter Sarsgaard e John Lithgow, testimone della sua sottovalutata versatilità.

3. Sfidando i nazisti in Schindler's List

Il vero potere non è poter uccidere, ma avere tutti i diritti di farlo, e trattenersi!

Nel 1993 Steven Spielberg sceglie Liam Neeson come protagonista del suo film drammatico che ha commosso il mondo diventando un cult della storia del cinema. L'attore interpreta Oskar Schindler, un industriale tedesco che cerca di dare lavoro ad alcuni ebrei nella sua fabbrica di pignatte e marmitte a Cracovia, per salvarli dal campo di lavoro del malvagio Amon Goeth. Quando inizia lo sterminio e la deportazione nei campi di concentramento, Schindler investe tutte le sue risorse per creare una fabbrica di granate a Brinnlitz, fornendo ai nazisti una lista di 1100 ebrei che gli servono come operai. "Chiunque salva una vita salva il mondo intero" recita un anello che gli uomini al suo servizio gli donano come ringraziamento per averli salvati da una morte certa durante la folle e sanguinosa Seconda Guerra Mondiale. Neeson ha regalato un'ottima interpretazione in questo film, come un uomo onesto e coraggioso che porta avanti un'ideale in nome dell'amore e della giustizia, correndo dei rischi. Un ruolo che gli è valso una nomination agli Oscar, perdendo la gara con Tom Hanks in Philadelphia.

Leggi anche: Steven Spielberg, da E.T. e Indiana Jones a Schindler: 10 personaggi indimenticabili dei suoi film

4. Un padre in cerca di vendetta in Io vi troverò

Liam Neeson in una scena di Io vi troverò

Il ruolo dell' ex agente della CIA in pensione, Bryan Mills, che sfida il crimine organizzato per salvare la figlia in ostaggio nella serie scritta da Luc Besson, è forse quello che ha catturato maggiormente l'attenzione del pubblico. Nel primo film del 2008 diretto da Pierre Morel la figlia di Mills si reca con un'amica a Parigi per un concerto e viene rapita da alcuni trafficanti di esseri umani. Uno dei monologhi telefonici più minacciosi nella storia del cinema è rimasto nell'immaginario collettivo diventando oggetto di meme e parodie che hanno invaso il web, quando Liam Neeson nei panni di un padre affettuoso e vendicativo avverte i criminali albanesi del suo arrivo in Francia, per riprendersi ciò che è suo.

Liam Neeson in una sequenza di Io vi troverò

Io vi troverò, seguito dai sequel Taken - La Vendetta e Taken 3 - L'Ora della Verità, ha segnato una sorta di rinascita dell'attore come eroe action sullo stile di Bruce Willis e Jason Statham. Uomini tosti con abilità particolari e una forza emotiva dirompente che, quando vengono colpiti sul personale, tirano fuori il loro lato badass che non si ferma davanti a niente, fino a quando non portano a termine la propria missione. Liam Neeson porta al personaggio di Bryan Mills un senso di umanità che, unito al coraggio e all'impulsività, lo rende un padre di famiglia disposto a tutto per salvare la figlia. Anche se la trama è semplice la sua interpretazione ha permesso di alzare il livello, definendo il successo della serie Taken che ha convinto pubblico e critica fino ad oggi.

Leggi anche: La vendetta al cinema: quando il film è un piatto che va servito freddo

5. Il maestro jedi Qui-Gon Jinn in Star Wars

Ewan McGregor e Liam Neeson sotto assedio ne La minaccia fantasma

Il nuovo Star Wars è iniziato nel 1999 con Star Wars - La minaccia fantasma, affrontando inevitabilmente degli ostacoli dovuti alla sfida di riproporre il celebre fenomeno di fantascienza nato dalla mente di George Lucas, che ha conquistato intere generazioni. Tuttavia uno degli aspetti dei nuovi film che ha soddisfatto i fan della saga è stata la scelta di Liam Neeson per il ruolo del maestro Jedi Qui-Gon Jinn. In una recensione in gran parte negativa del film pubblicata su Entertainment Weekly è stato scritto: "Se c'è un attore che tiene insieme 'La minaccia fantasma' quello è Liam Neeson, che dona al film le soluzioni di un dinamismo emotivo".

Liam Neeson è il maestro Jedi Qui-Gon Jin ne La minaccia fantasma

Neeson infatti ha interpretato il ruolo dell'insegnante e mentore di Obi-Wan Kenobi con una giusta gravitas, alternando dialoghi carismatici e battaglie spettacolari come l'ultimo duello con Darth Maul che lo riporta al genere action scritto per lui. Qui-Gon Jinn è un personaggio impegnativo ed ironico, apparso in precedenza nei primi due libri della serie Star Wars: Apprendista Jedi e, insieme a Ewan McGregor crea una coppia cinematografica che funziona e coinvolge. Qui-Gon Jinn è uno spirito ribelle e membro del Consiglio dei Jedi che, nel bene o nel male, agisce in nome dell'idea che vivere il momento sia il modo migliore per abbracciare la Forza. Per alcuni fan è anche per lui che Anakin è diventato Darth Vader, ma non è vissuto abbastanza per essere il suo Maestro.

Leggi anche: Star Wars: 10 cose che (forse) non sapete sulla saga creata da George Lucas

6. Adrenalina in volo in Non-Stop

Non-Stiop: Liam Neeson in aereo con la pistola in mano

Tornando ai film d'azione che sembrano fatti per Liam Neeson il ruolo dell'ex poliziotto Bill Marks in Non-Stop è da ricordare sicuramente. Nel film diretto da Jaume Collet-Serra egli interpreta un veterano dell'aviazione statunitense che presta servizio su un aereo di linea. Mentre è in volo da New York a Londra riceve un ultimatum terroristico attraverso una serie di messaggi che promettono l'eliminazione di un passeggero dell'aereo ogni 20 minuti, fin quando non verrà pagato il riscatto. Per complicare ulteriormente la situazione, il pilota è una delle prime vittime e Marks viene incastrato per il dirottamento dell'aereo su cui si sta consumando la tragedia. La formula del thriller action ricco di suspance e con una vena di ironia, si rivela ancora una volta vincente per l'attore nei panni di un uomo in lotta con le sue fragilità, che deve affrontare i fantasmi del passato e i pregiudizi che lo circondano per salvare la situazione.

7. Darkman - Un supereroe tormentato

Liam Neeson in una scena di DARKMAN

Anche Liam Neeson ha avuto la sua esperienza nel mondo dei supereroi negli anni '90 sotto numerosi strati di trucco, lattice e colla. Prima di dirigere Spider-Man con Tobey Maguire protagonista, Sam Raimi ha portato sul grande schermo Darkman con Liam Neeson nei panni di Peyton Westlake, uno scienziato che studia la pelle artificiale fino a quando alcuni criminali irrompono nel suo laboratorio, provocando un incendio disastroso. Egli sopravvive con spaventose cicatrici, ma anche con una forza superiore e l'incapacità di sentire dolore che lo trasformano nel vigilante Darkman. Egli così comincia ad eliminare i colpevoli del suo incidente e proteggere la fidanzata Julie Hastings interpretata da Frances McDormand. Il supereroe contorto che, in un primo momento, doveva essere interpretato da Bruce Campbell, viene utilizzato dall'Universal per cavalcare il successo del primo Batman di Tim Burton del 1989. Suggestioni passate e future si incontrano per un film surreale e ricco di humour che gioca con una nuova estetica tra fumetto e cinema horror. Neeson nei panni di questo eroe sfigurato deve fare affidamento sugli intensi soliloqui e la gestualità, non potendo contare sull'espressività del volto quasi completamente coperto. Un personaggio affascinante che deve fare i conti con la dualità, la diversità, e quelle dinamiche morali alla base di storie come La Bella e la Bestia o The Elephant Man.

Leggi anche: L'invasione dei supereroi: Guida ai cinecomics di prossima uscita

8. Ra's al Ghul, mentore dell'Uomo Pipistrello in Batman Begins

Liam Neeson è il protagonista di The Grey del 2012

Il primo film dell'acclamata trilogia di Christopher Nolan, Batman Begins, racconta la storia delle origini di Batman interpretato da Christian Bale. Nel film Liam Neeson interpreta Henri Ducard/Ra's al Ghul, leader di un misterioso gruppo noto come Setta delle Ombre, nato sulle pagine dei fumetti Dc Comics nel 1971 come uno dei più pericolosi villain dell'Uomo Pipistrello. Il suo scopo è eliminare le civiltà in crisi per creare una società nuova migliore e più solida e, quando arriva il momento per Bruce Wayne di imparare a combattere, il personaggio di Liam Neeson è lì per mostrargli i segreti delle arti marziali come una sorta di mentore.
"Non è pazzo nel modo in cui lo sono tutti gli altri cattivi di Batman, non è deciso a vendicarsi... in realtà lui sta cercando di guarire il mondo con mezzi molto drastici", ha sottolineato lo sceneggiatore David Goyer in un'intervista. Anche se il miglior antagonista di Batman premio Oscar è stato Heath Ledger nei panni di Joker, la performance di Liam Neeson come Ra's al Ghul è stata comunque la più memorabile per l'attore, che inizialmente doveva andare a Gary Oldman.

Leggi anche: L'uomo, la maschera e il simbolo: diamo i voti ai Batman cinematografici

9. Circondato da lupi affamati in The Grey

Liam Neeson è Ottway in The Grey

Se Revenant - Redivivo si ricorda per il violento scontro tra Leonardo DiCaprio e un imponente orso bruno, The Grey si compie con una sfida corpo a corpo tra Liam Neeson e un branco di lupi affamati in un bosco innevato e sperduto dell'Alaska. Joe Carnahan porta sullo schermo il racconto "Ghost Walker" di Ian Mackenzie Jeffers, raccontando la storia di un sopravvissuto ad un incidente aereo che deve sfidare il freddo e un ambiente ostile per provare a tornare a casa prima che sia troppo tardi. Il personaggio di Neeson è un maschio alpha, un leader, perfetto come eroe di un survival movie action ed emotivamente coinvolgente. Inutile dire che uno dei momenti più indimenticabili del film è la sfida ancestrale finale di Neeson e un lupo nero che rappresenta in quel momento le sue paure più profonde.

Leggi anche: Dalla cima dell'Everest alle terre selvagge: 10 film sul duello fra uomo e natura

10. Rob Roy, il Robin Hood scozzese

Prima di Michael Collins, Liam Neeson ha affrontato il ruolo dell'eroe scozzese Rob Roy McGregor nel film di Michael Caton-Jones del 1995. Protagonista della guerra con i proprietari feudali britannici nella Scozia del XVIII secolo, l'attore è perfetto nei panni del coraggioso e romantico Robin Hood che ha risentito la presenza contemporanea nelle sale con Mel Gibson in Braveheart - cuore impavido. Tuttavia Rob Roy è un film interessante per la sua visione del confronto tra scozzesi come uomini robusti e d'onore e gli inglesi come criminali semplici.

Liam Neeson: da Star Wars a Io vi troverò, 10...
Steven Spielberg, da E.T. e Indiana Jones a Schindler: 10 personaggi indimenticabili dei suoi film
Liam Neeson: "Il sequel di Love Actually mi ha fatto pensare a mia moglie"
Privacy Policy