American Horror Story

2011 - ....

Le serie TV del 2011, tra successi e fallimenti

Dall'apprezzabile qualità di serie come Il trono di spade ed American Horror Story alle delusioni di tanti show dei network americani, da Charlie's Angels a Terra Nova: un anno di serie TV per animare i nostri schermi.

Quando si scrive un pezzo di riepilogo come questo, si cerca sempre di trovare uno spunto, un'immagine che funga da copertina, ma ci risulta difficile identificare un unico nome di spicco nel panorama delle serie TV del 2011 che si è composto di più di una produzione di alto livello. Piuttosto possiamo identificare la conferma di una tendenza, della supremazia della televisione piccola rispetto ai colossi dei network statunitensi.
Eppure piccolo è un aggettivo che va usato con la dovuta cautela, perchè a dirla tutta quella che era una televisione di nicchia, parallela a quella mainstream dei cinque network principali americani, sta affiancando alla consueta qualità anche numeri non indifferenti ed investimenti sempre più ingenti.

Sean Bean in una scena della serie Game of Thrones
Ci perdoni quindi Il trono di spade se ci è sfuggito tale aggettivo per definire una produzione dal budget stimato tra i 50 ed i 60 milioni di dollari, perchè l'adattamento targato HBO della saga di George R.R. Martin è senza dubbio nel novero delle serie che vanno citate nel riassumere questo 2011 telefilmico.
E' un attributo che intendevamo riferire agli scarsi 3 milioni di spettatori che hanno seguito la serie in USA, un numero che sfigura al confronto dei 20 di alcune produzioni CBS e che si può considerare risibile proporzionato alla magnificenza del lavoro seguito da David Benioff e D.B. Weiss.
Ma è questo il mondo delle TV via cavo USA, che vedono il top di spettatori nei 5 milioni racimolati anno dopo anno da True Blood partendo dall'1,5 della sua prima stagione o dagli scarsi 7 raggiunti dalla seconda stagione di The Walking Dead sulla AMC.

Recensione Il trono di spade: il fantasy declinato HBO

Jon Bernthal inseguito dagli Erranti nell'episodio La strada da percorrere, della seconda stagione di The Walking Dead
Sono questi ultime due ulteriori show che meritano la menzione in questa nostra panoramica: il primo per aver saputo crescere, in termini di pubblico, e rinnovarsi, per quanto riguarda storyline e personaggi, anno dopo anno; il secondo per una stagione due compatta, coraggiosa ed intensa, che ha saputo superare il cambio di condottiero da Frank Darabont a Glen Mazzara e che nel corso dell'anno è andata in onda (sia in USA che in Italia) per la prima metà.
Due serie che confermano il buon lavoro di HBO ed AMC: se la prima raramente sbaglia un colpo, pur nelle minori Bored to Death - Investigatore per noia, Hung - Ragazzo squillo e How to Make it in America, cancellate proprio in questi giorni, la seconda stupisce per la capacità dimostrata negli ultimi anni di affrontare con convinzione e qualità generi diversi, anche in un anno animato da più di un problema sul fronte produttivo, dal già citato abbandono di Darabont alla guida di The Walking Dead alle controversie legate al rinnovo di Mad Men, che ha sì ottenuto altre due stagioni, ma saltando l'anno che sta finendo per un ritorno in onda a marzo 2012.

Recensione The Walking Dead, premiere stagione 2: La strada da percorrere News: Mad Men confermata per altre due stagioni

Dylan McDermott, Taissa Farmiga e Connie Britton in una scena del pilot di American Horror Story
Ma parlavamo delle capacità di affrontare diversi argomenti e infatti anche le altre ultime nate di casa AMC sono produzioni di genere: da una parte il thriller/poliziesco The Killing, dalle atmosfere dilatate ed opprimenti, ed il western Hell on Wheels che si va ad affiancare ad un altro show che di questo filone dà una visione diversa e più contemporanea, Justified della FX, altra rete a pagamento che negli ultimi anni ci sta regalando produzioni di alto livello e che ha lasciato la sua firma anche sul 2011, sia con la quarta annata di Sons of Anarchy, sia con la nuova creatura di Ryan Murphy e Brad Falchuk: American Horror Story.
I creatori di Glee confermano di sapersi muovere con disinvoltura in ambiti più cupi, dando una propria (re)visione del genere delle case stregate, giocando con le citazioni e mettendo in scena l'altra faccia delle infestazioni: il punto di vista degli spettri che abitano la Murder House in cui si trasferiscono gli Harmon. Tra twist ed un'ottima costruzione, la prima stagione della serie FX entra di diretto tra le piacevoli sorprese della stagione.

Recensione: American Horror Story: brividi ed erotismo dagli autori di Glee Recensione The Killing: il crime drama visto dalla AMC Recensione Hell on Wheels: La Frontiera della AMC

Un'immagine promozionale di Noah Wyle dalla serie Falling Skies
Non possiamo dire lo stesso della novità estiva della TNT, quel Falling Skies che riporta sul piccolo schermo un attore amato come il Noah Wyle di E.R. - Medici in prima linea, alle prese con l'ennesiva invasione aliena che il nostro pianeta ha subito al cinema ed in televisione. Ma lo sviluppo della prima stagione si muove tra alti e bassi, convincendo solo a tratti in attesa di una seconda già annunciata.
Delusione in ambito cable anche per un cavallo di razza come Dexter, la cui sesta stagione non riesce a mantenersi all'alto livello narrativo a cui la serie ci aveva abituati, vantando però il merito di offrire nel finale uno spunto che potrà rappresentare il fulcro delle prossime due stagioni, già ordinate dalla Showtime.
Intanto la rete si è messa al sicuro ed ha mandato in onda nell'autunno 2011 una nuova produzione di indubbio interesse, anch'essa già rinnovata per il prossimo anno: Homeland. Ispirata all'israeliana Hatufim, la serie si concentra su due protagonisti, l'ufficiale della CIA Carrie Mathison ed il marine Brody, ritenuto parte di una cellula terroristica dormiente, resi credibili ed intensi dalle interpretazioni di Claire Danes e Damian Lewis.

Recensione Falling Skies: un'invasione in grande stile sul piccolo schermo Recensione Homeland: Salvate il soldato Brody

Il cast della serie Alphas
Non è stato a guardare anche SyFy, il canale dedicato al fantastico che la scorsa estate ha riproposto con buon riscontro Haven, Warehouse 13 ed Eureka, ma ha aggiunto al suo palinsesto una produzione di discreto livello come Alphas. La serie creata da Zak Penn e Michael Karnow ruota intorno ad una squadra composta da individui dotato di particolari abilità, al servizio di uno scienziato per prevenire crimini commessi da altri come loro, e, con alcune scelte coraggiose (non per ultimo il finale di stagione) ed alcune trovate visive e nella messa in scena interessanti, potrebbe diventare quello che Heroes non ha saputo essere dopo un inizio promettente.
Meno convincente l'approdo americano di Torchwood per una quarta stagione co-prodotta con la Starz e riuscita solo a tratti, priva com'è della compattezza della precedente Children of the Earth, ma dal Regno Unito arriva la solita conferma di Doctor Who al secondo anno della gestione Moffat: l'autore ha un piano ben preciso che sta sviluppando poco per volta, dando spazio e valore non solo alla Compagna dell'undicesimo Dottore, Amy Pond, ma anche alla sua metà Rory, diventato un vero mito in rete.
Non è stato invece l'anno di Sherlock, la cui seconda stagione è stata posticipata ad inizio 2012, travolta dal vortice di ritardi di The Hobbit, sul set del quale sono impegnati sia Martin Freeman che Benedict Cumberbatch, ma il panorama inglese continua a proporre con successo più di una serie, di genere e non, di indubbio valore o interesse. Pensiamo a Downton Abbey, di cui è in corso la seconda stagione, o di Misfits, che sta soffrendo i cambiamenti occorsi alla terza stagione, pur continuando a piacere al pubblico.

Recensione Doctor Who, stagione 6: Dottore, aiuto. Recensione Torchwood, stagione 4: Captain Harkness and the Miracle Day

Terra Nova: due dinosauri in una scena del pilot della serie
Se dai canali via cavo arrivano diversi spunti interessanti, ristagna il panorama televisivo dei grandi network. La Fox in particolare ha diversi problemi sul fronte drama con Dr House qualitativamente in calo, Fringe che conferma di non essere una serie per le masse e la mezza delusione di Terra Nova. Più fortuna sul fronte comedy, nonostante una terza stagione di Glee poco convincente, con il buon (e forse imprevisto) impatto di New Girl e della sua protagonista Zooey Deschanel, che dà vita ad una Jess buffa ed adorabile.
Ma il vero evento nel mondo delle sit-com è legato all'infinita polemica tra Charlie Sheen e Chuck Lorre, che ha spinto la CBS a licenziare l'attore, sospendere la stagione in corso di Due uomini e mezzo per riprenderla dopo l'estate con un nuovo importante innesto nel cast: Ashton Kutcher al fianco di Jon Cryer per una nona stagione ancora in fase di rodaggio ma che ha già mostrato alcuni momenti degni di nota, tra cui la brillante premiere condita dal funerale di Charlie Harper.

Recensione Terra Nova: il nuovo mondo di Spielberg Recensione Fringe: La stagione 4 e l'odissea di Peter

Sarah Michelle Gellar in una immagine promozionale della nuova serie Ringer
In casa CW un nuovo show tratto da L.J. Smith si è affiancato alla popolare The Vampire Diaries, concentrando l'attenzione sul mondo della stregoneria. E' The Secret Circle che però non sembra raccogliere lo stesso entusiasmo che avvolge la serie interpretata da Ian Somerhalder. Stesso discorso per l'acclamato ritorno in TV di Sarah Michelle Gellar.
Relegato proprio sulla CW dalla CBS per la quale era stato prodotto, Ringer per ora vivacchia, ma senza sfondare, reggendosi soprattutto sull'innegabile fascino della sua protagonista.
Di veri fallimenti si può parlare invece per quanto riguarda Charlie's Angels, che non ha superato i sette episodi trasmessi, e Wonder Woman, che non è nemmeno arrivata sugli schermi USA. In casa ABC, però, una serie come C'era una volta sta raccogliendo consensi con furbizia, mentre la NBC ancora stenta a trovare uno show su cui puntare, dopo aver salutato lo scorso febbraio una delle sue produzioni più acclamate dalla critica: High School Team - Friday Night Lights, terminato dopo cinque stagioni.

Recensione The Secret Circle: la Cw punta sul fantasy Recensione Ringer: Sarah Michelle Gellar torna in TV Editoriale Goodbye, Dillon: l'ultimo touchdown di Friday Night Lights

Kyle Chandler e Michael B. Jordan in una scena dell'espisodio finale di Friday Night Lights Always
Ci perdonino i tanti appassionati se arriviamo a parlare dello show di Peter Berg solo in conclusione di questa panoramica. E' in fondo giusto così perchè chiude il cerchio del nostro discorso: dopo due stagioni in casa NBC, la serie è stata trasmessa prima su DirectTV per poter restare in vita, rifugiandosi nel mondo della pay TV. E' la conferma delle difficoltà di tanta televisione di qualità a sopravvivere nella giungla dei network, tra procedurali alla CSI: scena del crimine o NCIS - unità anticrimine, Medical Drama alla Grey's Anatomy o, nel migliore dei casi, sit-com della qualità di Modern Family e 30 Rock.

Le serie TV del 2011, tra successi e fallimenti
Privacy Policy