Machete

2010, Azione

Recensione Machete (2010)

Rodriguez è di certo abile nel giocare con i gusti del pubblico con un genuino gusto per l'intrattenimento puro e scanzonato, ma il suo cinema è privo di guizzi che ne scuotano le opere e ne immortalizzino le trovate più gustose.

Kill'em all Machete

Robert Rodriguez continua il suo personale cammino di new-explotation con Machete, il gemello grindhouse di Grindhouse - Planet Terror (o il suo fake trailer a voler essere precisi) presentato nel fuori concorso del 67esimo Festival di Venezia. Trovata scaltra che garantisce un grande ritorno di immagine e allo stesso tempo rappresenta un altro tassello verso lo sdoganamento autoriale della gestione Muller. Scommessa riuscita visto l'entusiasmo strabordante che il film ha suscitato, enfatizzato dalla cornice della proiezione di mezzanotte.

Machete - Videorecensione


Danny Trejo in una scena del film Machete
Machete ha le fattezze di Danny Trejo, uomo di poche parole e molti fatti, con la predilezione per le armi da taglio, ex agente federale messicano ritiratosi e creduto morto dopo la truce uccisione della moglie da parte di Torrez (Steven Seagal). Caduto in disgrazia, lavora come operaio a giornata in Texas, odiato come tutti i suoi connazionali dagli autoctoni rappresentati dal senatore McLaughlin (Robert de Niro) e dai suoi vigilantes sempre a caccia di messicani da rispedire violentemente oltre il confine. A fare combutta con la politica aggressiva di McLaughlin, l'industriale Booth che ingaggia Machete per usarlo come capro espiatorio per un tentato omicidio del senatore per aumentare la sua forza pre-elettorale. Booth non sa quale macchina da guerra si è messo contro e l'immortale Machete, con la collaborazione dell'attivista Luz (Michelle Rodriguez) e dell'agente Sartana (Jessica Alba) porrà fine al loro dominio nel modo più brutale.

Robert De Niro nel film Machete
Se appare indubbio che il ritorno alle origini abbia solo giovato al cinema di Robert Rodriguez, eliminando quello scarto tra voglia di maturità e gusto per il puro divertissement e il citazionismo ridondante, l'equivoco sulla caratura del suo cinema rimane. Rodriguez è di certo abile nel giocare con i gusti del pubblico con un genuino gusto per l'intrattenimento puro e scanzonato, ma il suo cinema è privo di guizzi che ne scuotano le opere e ne immortalizzino le trovate più gustose. Machete ne è l'ulteriore dimostrazione. Un film che vive di questa carrellata di personaggi deliranti e fantastici, colmi di una fisicità cruda e parossistica, esibita con entusiamo, morbosità e giusto dell'iperbole, ma che sotto la superficie rischia il corto circuito e finisce per annoiare, un pò per l'assenza di ritmo, un pò perchè inghiottita proprio dalla sua natura programmaticamente commerciale.

Jessica Alba nel film Machete
Se Tarantino, per quanto si impegni nella de-intellettualizzazione del suo cinema non può paradossalmente sfuggire al suo talento e alla sua innata sofisticatezza e può permettersi piani sequenza infiniti e dialoghi impensabili, all'interno di un cinema che presenta un equivocabile discorso teorico interno, la rozzezza esibita da Rodriguez trova perfetta espressione nei suoi due ultimi film, ma questa funzionalità grindhouse, non riesce mai a andare oltre la superficie e trovare una conclusione che veicoli un ripensamento e una ricontestualizzazione del cinema che omaggia. Il risultato è un film che vive e muore di azione e situazioni estreme e che esaurito il riverbero dei suoi assi nella manica (la faccia straordinaria di Trejo, la sensualità straripante di Jessica Alba, il body count pirotecnico) finisce per pagare lo scotto proprio sotto il piano della pura spettacolarità e dell'intrattenimento.

Recensione Machete (2010)
Privacy Policy