La nuova squadra

2008 - ....

Dedicata a Taricone La nuova squadra Spaccanapoli

Presentata stamattina a Roma la terza stagione di uno dei prodotti seriali di punta di Rai 3, un poliziesco ambientato nel cuore di Napoli che dà l'addio ad alcuni volti noti e il benvenuto a new entry come Francesco Pannofino, Ambra Angiolini e Flavio Montrucchio.

Inevitabile ma affettuoso un omaggio "a Pietro", scomparso la scorsa estate, ha aperto la conferenza stampa di presentazione della terza stagione de La nuova squadra Spaccanapoli, spin-off finora poco baciato dalla fortuna de La Squadra. Produzione ormai storica che si presenta ogni volta rinnovata, la fiction, ideata da Claudio Corbucci, è strettamente legata all'identità di Rai 3, all'ambientazione partenopea e ai temi forti che vi s'incastrano, a una solida collaborazione con la Polizia di Stato e a un ricco cast d'interpreti provenienti da tutta Italia. Giunta al terzo anno di programmazione, La nuova squadra Spaccanapoli - in onda su Rai 3 in prime time dal 14 gennaio - si divide in 9 episodi, ricchi di tensione e carica drammatica, di azione stringata e di detection intuitiva, girati in pochissimo tempo (l'equivalente della durata delle riprese di un lungometraggio) e con un budget sempre più ridotto, tanto per non smentire il trend contemporaneo. Malgrado le difficoltà economiche e i problemi successivi alla scomparsa di Pietro Taricone, sul cui personaggio era stata scritta l'intera sceneggiatura a 30 mani della nuova stagione (sono ben 15 infatti gli autori), la qualità della scrittura è impressionante, i dialoghi serrati e i contenuti estremamente realistici.

Irene Ferri in un'immagine de La nuova squadra
Se la regia asciutta e dal piglio quasi documentaristico rallenta il ritmo della serie, complice probabilmente la presenza di 10 registi differenti, ci pensa la folta schiera di interpreti a salvarne le sorti grazie a una recitazione di notevole livello e a certi passaggi di testimone che non potranno che essere graditi dal pubblico, anche quello già fidelizzato. Ritroviamo così nelle vecchie vesti di ispettori, commissari e agenti Rolando Ravello, Irene Ferri, Antonio Milo, Teresa Saponangelo, Ciro Esposito e Tony Sperandeo, che con la sua presenza sembra fare da collante a una "squadra" di attori in perfetta sintonia nel commissariato del centro storico campano. Nuovi volti danno il cambio a personaggi che ci lasciano dopo pochissimi episodi come Andrea Lopez - Marco Giallini, ma a riempire i loro posti sono state ingaggiate piccole star del cinema e della televisione che gli spettatori apprezzeranno dalle prime battute. Tra le new entry il fascinoso Flavio Montrucchio, la brava Ambra Angiolini e l'ex borissiano Francesco Pannofino, tutti dalla parte del bene. Tra le apparizioni speciali invece spiccano nomi come Ernesto Mahieux e Valentina Cervi, ai quali saranno dedicati singoli episodi.

Rolando Ravello ed Ernesto Mahieux in un'immagine de La nuova squadra
Abbiamo incontrato stamattina i produttori della serie e il ricco cast di attori capeggiati da Tony Sperandeo, che ci hanno raccontato le difficoltà incontrate nel corso della realizzazione dell'ultima stagione, come la passione sia riuscita a fargliele superare e quanto sia dura per i napoletani oggi riuscire a farsi onore. Entusiasti e uniti, come dimostrano i risultati raggiunti, si sono augurati di tornare con una nuova stagione, che continui a portare sul piccolo schermo una contemporaneità spesso scomoda che pochi altri prodotti televisivi hanno il coraggio di mostrare.

Alcune caratteristiche della serie sono diventate distintive come prodotto Rai?
Paolo Ruffini, direttore Rai 3: La nuova squadra Spaccanapoli è nata su Rai 3 dietro suggerimento di Francesco Nardella e appartiene alla rete forse in maniera maggiore rispetto alle altre serie televisive. Si tratta di un rapporto strettissimo sia per il modo in cui è realizzato sia per quello in cui racconta le sue storie. Abbiamo fatto parecchi sforzi per ottenere un'ottima qualità malgrado il budget sia stato inferiore a quello di prodotti analoghi (5 milioni di euro). Questa fiction, con il suo senso di eticità, vuole raccontare la realtà attraverso la finzione come rivelano i primi episodi, che mostrano subito come la storia sia ormai consolidata e come ogni volta abbia una sua forza di attualità capace di seguire l'evoluzione continua del mondo della criminalità.

Quali sono state le difficoltà maggiori che avete dovuto affrontare? Francesco Nardella, capo struttura di Rai Fiction: Questa serie è nata con un forte dolore e l'abbiamo dedicata a Pietro Taricone. Avevamo scritto tutta la serie intorno al suo personaggio, ma abbiamo dovuto assorbire questo dolore e andare avanti: questo ha fortificato il senso di unione del gruppo. Abbiamo riscritto i copioni in un mese e malgrado avessimo un budget inferiore a quello delle stagioni precedenti, siamo riusciti a portare avanti un atto d'amore, insieme.
Claudio Corbucci, ideatore della serie: Ci siamo trovati a un mese dalle riprese con un copione già scritto ma da rifare e sarebbe stato fin troppo facile arrendersi. Però la passione che ho percepito nel nostro gruppo mi ha spinto ad andare avanti.
Giancarlo Aymerich, produttore associato Fremantlemedia: Io sono arrivato ad aprile quando era già tutto pronto per la nuova stagione, ma devo dire che, tra tante produzioni, La Nuova Squadra Spaccanapoli è la più delicata con cui mi sia mai confrontato per i contenuti, i temi forti ben conciliati con l'intrattenimento, per l'identità molto forte della rete... Una missione come questa comporta difficoltà anche tecniche perché tenere insieme la rete, la fiction, il set... è un'impresa veramente unica a cui corrispondono scelte produttive mai facili e spesso perfino azzardate.

Francesco Pannofino tra Tony Sperandeo e Rolando Ravello ne La nuova squadra
Cos'è cambiato rispetto alla scorsa stagione? Francesco Nardella, capo struttura di Rai Fiction: Ci tenevamo a raccontare storie che avessero un forte legame col vissuto del momento. La storia centrale è legata a una criminalità che indossa abiti inglesi, porta scarpe firmate, abita a via Petrarca, non parla più il dialetto... La scena del primo episodio in cui l'ispettore capo dei falchi Vitale va a casa del boss Malinconico e scopre che sua figlia è lì a giocare con l'amichetta è emblematica del messaggio che volevamo trasmettere: c'è una zona grigia in cui si mescolano lo Stato e i suoi nemici e la tolleranza, che appartiene ai napoletani come se facesse parte del loro DNA, imbastardisce la società civile. Non mancano i momenti comici perché Napoli è anche questo. La nuova serie ha un cast meraviglioso che dà spazio perfino ad attori come Ernesto Mahieux e Valentina Cervi, anche se per singoli episodi.

Ci parlate delle riprese? Come sono avvenute e come le avete realizzate in base ai vostri obiettivi?
Gianpaolo Tescari, produttore creativo: Gli attori hanno lavorato con un entusiasmo e una passione che richiamano nella mia mente "la teoria dell'etica", come l'ha definita Lorenzo Mieli (Amministratore Delegato della divisione in Italia di FremantleMedia). Abbiamo girato 9 puntate da 100 minuti in 10 settimane, il tempo in cui si gira un intero film: una vera follia! L'esibizione artistica degli interpreti inoltre veicola messaggi importanti e va ben oltre il classico narcisismo dell'attore: ogni episodio parla di Napoli e il racconto unisce il discorso alto, che descrive una città come Napoli, con quello della fiction, più legata ai sentimenti.

Tony Sperandeo in una scena de La nuova squadra
Nonostante tanti imprevisti sembra di percepire anche a posteriori questa passione. Quanto c'è di partenopeo in quest'aspetto? Francesco Pinto, direttore del centro di produzione tv di Napoli: Per me è un onore dirigere il centro di produzione di Napoli perché è difficile essere bravi a Napoli, in tempi in cui sembra di vivere sotto una cappa cupa, in cui sembra facile parlare solo dei suoi punti deboli. Per lavorare con onore noi napoletani dobbiamo lavorare il doppio degli altri.>
Tony Sperandeo: Undici anni fa partecipai a I cento passi, diretto da un milanese, che, come al solito, non ha sbagliato una virgola. La nuova squadra Spaccanapoli è scritta da romani e ci lavorano tante persone che non sono di Napoli: credo che anche questo sia un punto di forza perché sappiamo che Napoli merita molto.

Possiamo aspettarci una quarta stagione? Francesco Nardella, capo struttura di Rai Fiction: La nuova squadra è la fiction di Rai 3 e sapete tutti che la Rai punta molto sulla fiction quindi...

Dedicata a Taricone La nuova squadra Spaccanapoli
Privacy Policy