Filmografia

Filmografia di Ugo Gregoretti


Scossa


2011 – Drammatico, Episodi
Regia, Sceneggiatura, Soggetto
2.5 2.5

Cent'anni fa un tremendo terremoto, e un successivo e altrettanto tremendo maremoto, devastarono e in gran parte distrussero Messina e Reggio Calabria. Le città dello Stretto. Centomila morti. Gli autori raccontano i temi dell'atrocità del dolore, dell'emigrazione, ma soprattutto il tema delle umane capacità di avventura, di paura e di rabbia, di predisposizione e di rinascita. Capacità che nessuno conosce di se stesso prima di una così violenta Scossa.

Venezia '68


2008 – Corto, Documentario
Recitazione
0.0

Il movimento di cineasti e autori che esplose a Venezia nel '68 con l'intenzione di "attaccare" lo Statuto della Mostra, si risolse nella contestazione del direttore Luigi Chiarini con due giornate di lotta e drammi: Chiarini stesso si dimise, Pasolini fu pressato per il ritiro di Teorema, Liliana Cavani lamentò il mancato appoggio da parte dei contestatori alla resistenza di Praga. Luciana Castellina ricorda poi il conflitto e le lacerazioni interne alla Federazione del PCI di Venezia. La protesta del '68 fece non solo rinviare di 48 ore la serata di apertura, ma trasformò per undici anni la Mostra ...

Cesare Zavattini


2003 – Documentario
Recitazione (Sé stesso)
0.0

Il conte di Montecristo (MINISERIE TV IN 6 PARTI)


1996 – Drammatico
Regia, Sceneggiatura
1.0 1.0

Edmond Dantès, marinaio, prigioniero, misteriosamente ricco, mette a soqquadro l'alta società parigina. Imprigionato a Marsiglia nel 1815, il giorno delle nozze, con la falsa accusa di bonapartismo, rimane rinchiuso per 14 anni nel castello di If, vittima della rivalità in amore di Fernando e in affari di Danglars, odiato anche dal magistrato Villefort. Su questi tre nemici, dopo l'evasione, cadrà la terribile vendetta di Dantès.

Maggio musicale


1990
Regia, Sceneggiatura, Soggetto
0.0

Checco sta assistendo, in teatro, a una replica della Boheme. Alla fine del primo atto tira fuori un quaderno e comincia a scrivere. Poi viene catapultato in un’altra dimensione: in un teatro, 40 anni dopo, dove il regista Pier Francesco Ferraioli sta allestendo una Boheme. Tra i due nasce uno strano rapporto basato sulla curiosità, sull’ironia e su un sentimento paterno da parte di Pier Francesco. Ben presto si affaccia un sospetto : Checco e Pier Francesco sono la stessa persona?