Filmografia

Filmografia di Rosanna Gentili


Dov'è Mario?


2016 – Commedia
? – Recitazione (Milly)
4.5 4.5

Serie a carattere satirico sullo sfondo dell'Italia di Renzi; Mario Bambea (Guzzanti), è un intellettuale di sinistra che rimane vittima di un incidente e al suo risveglio è colpito da una strana forma di schizofrenia, che lo sdoppia in due persone distinte, l'intellettuale radicalchic di giorno e un cominco romano dalle tendenze razziste di notte.

Pulce non c'è


2012 – Drammatico
Recitazione (Maestra Penelope)
2.5 2.5

Pulce ha nove anni, due occhioni accesi e ascolta solo il tango: non parla perché è autistica, ma questo non significa che non abbia niente da dire. Un giorno come tanti, viene portata via dalla sua famiglia senza troppe spiegazioni perché su suo padre grava un'accusa mostruosa. Attraverso lo sguardo divagante e trasognato della sorella Giovanna entriamo nella quotidianità di una famiglia anormale, con il suo lessico pensato per chi può solo parlare per immagini, il suo caos pieno di emergenza e amore. E senza retorica e senza patetismi esploriamo lo scontro tra mondo adulto e infanzia, tra malattia ...

Pasolini, la verità nascosta


2013 – Drammatico
Recitazione (Laura Betti)
0.0

Il racconto dell'ultimo anno di vita di Pasolini, e in particolare della stesura del romanzo "Petrolio": una denuncia del tentativo eversivo della destra economica e della strategia della tensione, e la possibile causa della sua morte.

L'innocenza di Clara


2012 – Drammatico
Recitazione (Luisa)
3.0 3.0

Ispirato ad una storia vera, il film è ambientato tra le cave di marmo di Carrara e i boschi della Lunigiana, dove si incontrano i destini di due uomini, Maurizio e Giovanni, e dell'affascinante Clara. Quando la donna giunge nella sua nuova casa, nel borgo di pietra incastonato tra i marmi, scatena strani movimenti nella percezione, nell'esistenza e nel destino di tutta la comunità.

Boris il film


2011 – Commedia
Recitazione (Marilita Loy)
3.2 3.2

Il regista televisivo René Ferretti tenta il grande salto: un film d'autore dopo tanti anni di fiction su carabinieri, intrighi ospedalieri e drammi in costume da prima serata. Insomma, un risarcimento dopo tutta una carriera dedicata al brutto. Ma il mondo del cinema è addirittura peggio di quello della tv perché sotto l'allure del 'salotto buono dell'industria culturale' si nasconde un sottobosco di sceneggiatori ricchi e nullafacenti, attrici nevrotiche, direttori della fotografia che si sentono grandi artisti... E, sopra a tutto, lo spettro incombente del Cinepattone, l'unico vero genere cinematografico che il pubblico apprezza e che ...