Filmografia

Filmografia di Mattia Mor


Un passo dal cielo


2011 – Drammatico, Avventura
2012 – Recitazione (Franz) – 1 episodio
3.2 3.2

L'uomo dei boschi ha gli occhi azzurri e profondi di Terence Hill, la sua figura è circondata da un'aura misteriosa. E' lui il capo della squadra del corpo forestale considerato una leggenda della montagna, uno scalatore capace di conquistare le vette più difficili fino al giorno in cui un tragico incidente lo segna nel profondo. Da allora la sua vita cambia, si ritira tra le montagne per recuperare un po’ di serenità e ritrovare se stesso continuando a nascondere un segreto.

Corpo estraneo


2014 – Drammatico, Romantico
Recitazione (Alessio)

Angelo e Kasia si incontrano in Italia, dove li unisce l'amore e la fede in Dio. Il loro rapporto però viene messo in crisi dalla volontà di lei di tornare in Polonia per entrare in un convento. Angelo la raggiungerà a Varsavia per cercare di farle cambiare idea e, in attesa della sua decisione, troverà lavoro in una multinazionale.

Cani rabbiosi


2014 – Drammatico, Thriller
Recitazione
0.0

La produzione del film, annunciata nell'autunno 2011l, è attualmente in standby. Dopo un colpo andato male, un gruppo di banditi prende in ostaggio una donna, e inizia una disperata fuga attraverso la campagna romana.

In Nomine Satan


2013 – Drammatico, Thriller
Produzione (Produttore)
3.8 3.8

Due agenti dell'antidroga ritrovano un ragazzo e una ragazza in stato di shock, strafatti di droghe, alcol e psicofarmaci. Quando iniziano le indagini, gli inquirenti scoprono che i due sono coinvolti nell'omicidio di Angela De Rosa, una loro amica. Un massacro privo di logica, che porterà alla luce una realtà sino ad allora sconosciuta ai più, quella del satanismo. Gli inquirenti dovranno fare i conti con ulteriori omicidi e ripetute istigazioni al suicidio, sempre attribuibili alla setta.

Come il vento


2013 – Drammatico
Recitazione (Fabio)
3.6 3.6

Storia di Armida Miserere, una delle prime donne direttrici di carcere, chiamata durante la sua carriera a dirigere i penitenziari più "caldi" d'Italia a contatto con i peggiori criminali, terroristi e mafiosi del nostro tempo.