Filmografia

Filmografia di Elena Tatti


Iranian


2014 – Documentario
Produzione (Produttore)
0.0

Il regista Mehran Tamadon compie un singolare esperimento: raduna nella sua casa quattro sostenitori del regime iraniano, e, mentre le donne si ritirano nelle loro camere, li porta a discutere di laicità, diritti delle donne e altri temi sociali, per far provare loro il significato di una società pluralista.

Pause


2014 – Commedia, Romantico
Produzione (Produttore)
2.0 2.0

Sami, 30 anni, convive da tempo con Julia, una brillante avvocatessa. La donna ha da poco iniziato un lavoro per una ditta che importa cotone biologico, di cui ammira il giovane e dinamico capo; Sami, invece, è soddisfatto della sua modesta occupazione di telemarketing, mentre continua a lavorare sul duo di musica country che ha da poco formato con Fernand. Quest'ultimo è un settantacinquenne virtuoso della chitarra, estroverso e alcolizzato.

Après la nuit


2013 – Azione
Produzione (Produttore)
0.0

Appena uscito di prigione, Sombra torna alla sua vita di spacciatore nei bassifondi di Lisbona. Tra i soldi che ha prestato e non può avere indietro, quelli che deve, una curiosa iguana, una ragazzina impicciona, e un capobanda che inizia a non fidarsi più di lui, il malvivente pensa che forse la vita dietro le sbarre non era poi così male...

A perdre la raison


2012 – Drammatico
Produzione (Co-Produttore)
3.0 3.0

Pingent, un medico generoso, porta in Belgio Mounir, giovane marocchino da lui cresciuto come un figlio. Divenuto adulto, Mounir si innamora e mette su una famiglia; ma il clima emotivo che lo circonda cambia da un giorno all'altro. La moglie Murielle si sente come intrappolata all'interno di un morboso rapporto tra il medico e il marito, e la situazione peggiora quando nascono i primi bambini. La coppia dipende in tutto e per tutto dal medico, e l'eccessivo altruismo di questi si trasforma poco a poco in una forma di potere limitante e dalle tragiche conseguenze.

Ivul


2009 – Drammatico
Produzione (Co-Produttore)
0.0

Il giovane Alex Ivul, accusato dal padre di aver abusato della sorella Freya, si arrampica sul tetto della casa rifiutandosi di scendere. La sua ostinazione porterà la famiglia alla disgregazione: il padre Andrei, un russo amante della natura e delle piante, sarà costretto a letto da un colpo apoplettico, la madre Marie in preda alla disperazione annegherà il dispiacere nell'alcol, Freya partirà per la Russia, mentre le gemelle daranno il loro macabro contributo alla salvezza. Alex vivrà una vita breve e drammatica, ma non infrangerà mai la promessa di non scendere più a terra.