Shia LaBeouf: la protesta anti-Trump termina con un arresto

L'attore sarebbe stato arrestato dalla polizia di New York dopo un alterco con un sostenitore di Trump.

L'attore Shia LaBeouf è stato arrestato dopo un alterco fuori dal Museum of the Moving Image di New York City. Dal giorno della nomina di Donald Trump a Presidente, LaBeouf aveva dato vita a un'installazione anti-Trump intitolata 'He Will Not Divide Us' in cui cantava "He will not divide us" di fronte a una telecamera. Shia e i suoi collaboratori vogliono mantenere vivo il progetto per i prossimi quattro anni.

Leggi anche: Shia LaBeouf: quando la vita diventa una performance d'arte concettuale

A quanto pare un giovane uomo non identificato, col volto coperto da una sciarpa, si sarebbe avvicinato a LaBeouf pronunciando frasi razziste e urlando che Hitler non ha fatto niente di male. Ne è seguita una colluttazione in cui l'attore, cercando di togliergli la sciarpa e scoprire il volto del provocatore, gli avrebbe graffiato il viso.

Un manifestante, intervistato da TMZ, ha affermato: "Shia si è sacrificato per noi. Qui era pieno di nazisti, lui li ha affrontati e ha cercato di proteggerci." La protesta, al momento, prosegue in assenza dell'attore, portato via dagli agenti di polizia.

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Shia LaBeouf: la protesta anti-Trump termina con...
Shia LaBeouf: "Oggi mi sono calmato, ma lavoro solo con gli amici"
Shia LaBeouf lancia "He will not divide us", il suo nuovo progetto artistico anti-Trump
Privacy Policy