Ridley Scott contro i cinecomic: "Non hanno nemmeno una storia"

Il regista ha spiegato i motivi per cui non apprezza gli adattamenti per il grande schermo dei fumetti.

Ridley Scott ha criticato aspramente la situazione del cinema contemporaneo, definita "generalmente piuttosto negativa", in una nuova intervista, puntando la sua attenzione in particolare sui lungometraggi dedicati ai supereroi.
Il regista ha spiegato: "Non ne ho mai realizzato uno perché non sono il mio genere preferito. Me lo hanno chiesto più volte ma non posso credere nell'irrealtà sottile e sul filo del rasoio che contraddistingue la situazione del supereroe".

Leggi anche: Mel Gibson spara a zero su Batman v Superman e i cinecomics

Scott ha continuato: "Ho fatto quel tipo di film: Blade Runner è in realtà un fumetto se ci pensate. E' una storia dark raccontata in un mondo irreale. Si potrebbero inserire Batman o Superman in quel mondo, quell'atmosfera, solo che io almeno avrei una storia fottutamente buona da raccontare, visto che in genere non hanno nessuna trama!".

Ridley Scott contro i cinecomic: "Non hanno...
Come il Batman di Christopher Nolan ha cambiato per sempre i cinecomic
Ridley Scott: profilo di un uomo e di un regista per tutte le stagioni
Privacy Policy