Muhammad Ali, il saluto delle star al leggendario pugile

La scomparsa di Muhammad Alì ha colpito tutti, non solo i fan della boxe e gli altri nomi del pugilato, ma anche i personaggi più in vista dello spettacolo americano, da Quincy Jones a Patricia Arquette.

Anche se da tempo si era ritirato dallo sport, sia per l'età che a causa delle sue precarie condizioni di salute, il nome di Muhammad Ali resterà per sempre inscritto tra quelli più grandi d'America. La scomparsa del pugile, che aveva 74 anni e da qualche giorno era ricoverato in ospedale a causa dell'aggravarsi della sua malattia, ha colpito e commosso tutti, non solo gli appassionati di boxe ma anche le personalità più in vista della musica e del cinema a stelle e strisce.

Leggi anche: Cinema e boxe: il 15 film che ci hanno messo al tappeto

Ad unirsi al cordoglio per l'ex-pugile, un'altra grande figura iconica che ci lascia quest'anno, ci sono Justin Bieber, Josh Gad, Kate Hudson, Madonna - che aveva avuto modo di incontrarlo tanti anni fa, in occasione di un evento di beneficenza - Nicki Minaj, che insieme ad altri ha voluto ricordarlo con un video, Jenny McCarthy che invece ha voluto celebrarlo con la consueta ironia.
Altri personaggi, come Michael Moore, hanno ricordato e sottolineato uno dei momenti più eclatanti della storia del pugile, il suo rifiuto di partire per il Vietnam, che fu espresso e ribadito con fierezza, e gli costò caro.

"E' stato il più grande di tutti di tutti i tempi, il nostro amico e fratello Muhammad Alì" - ha detto Quincy Jones - "Un uomo di grande personalità, fede, dignità, umanità e professionalità nel suo campo, hai dato corpo al meglio di tutti noi, come essere umano. Il mondo sentirà la tua mancanza, ma celebreremo il tuo spirito per sempre."

Ecco alcuni messaggi!

Un video pubblicato da Nicki Minaj (@nickiminaj) in data: 3 Giu 2016 alle ore 22:27 PDT

Un video pubblicato da Kate Hudson (@katehudson) in data: 3 Giu 2016 alle ore 22:14 PDT

Muhammad Ali, il saluto delle star al leggendario...
Cinema e boxe: i 15 film che ci hanno messo al tappeto
Rocky IV: il guilty pleasure compie 30 anni
Privacy Policy