Jared Leto: Se morissi ora vedreste tutte le scene tagliate del Joker

Nelle interviste più recenti l'attore ha detto anche di essersi ispirato a David Bowie per il suo personaggio in Suicide Squad.

A Jared Leto piace molto scherzare e ha un senso dell'umorismo un po' sopra le righe, questo già lo sapevamo, ma nelle ultime interviste rilasciate a proposito di Suicide Squad, l'attore dimostra una certa sfrontatezza nel parlare della "sacralità" che quasi da sempre accompagna il personaggio da lui interpretato nel film di David Ayer lanciando al contempo una frecciatina alla Warner e riferendosi al precedente interprete del ruolo, Heath Ledger.

Leggi anche: Il caso Suicide Squad tra critici "corrotti", la lotta DC/Marvel e Rotten Tomatoes. Chi sono i veri cattivi?

A proposito delle tante scene tagliate che vedevano protagonista il Joker, Leto ha detto: "Abbiamo girato così tante scene che poi sono state tagliate... abbiamo sperimentato ed esplorato tanto sul set. C'è tanto materiale che non è nel film. Se morirò presto, è probabile che vedrete questo materiale da qualche parte. L'aspetto positivo della morte di un attore è che si può vedere tanto materiale inedito"

In un'altra intervista inoltre, l'attore ha dichiarato di essersi ispirato a David Bowie per la sua performance in Suicide Squad: "non tanto la musica di David, quanto la sua eleganza, la sua classe, il suo essere senza tempo"

Jared Leto: Se morissi ora vedreste tutte le...
L’invasione dei supereroi: Guida ai cinecomics di prossima uscita
David Bowie fra Sound & Vision: la Top 10 delle scene cult con le canzoni del Duca Bianco
Privacy Policy