Il trono di spade 6: The Door poteva essere ancora più brutale

Il regista Jack Bender ha svelato che le idee iniziali per le ultime scene della puntata erano più violente di quelle mostrate nella versione finale.

Attenzione, la news contiene spoiler per chi non ha visto il quinto episodio della sesta stagione de Il trono di spade.

Il regista Jack Bender, dietro la macchina da presa del drammatico episodio della serie Il trono di spade intitolato Il tempo è giunto, è ritornato a parlare della realizzazione della drammatica scena in cui Hodor muore per salvare Bran e Meera.
Il filmmaker, in un'intervista con il quotidiano Observer, ha spiegato qualche dettaglio sulla realizzazione della scena: "Ne ho parlato molto con David Benioff e D.B. Weiss. Ho detto 'Quello che farebbero i morti a Hodor sarebbe strappare i suoi vestiti non appena oltre quella porta. Strapperebbero la sua carne. Una volta passati oltre la porta, farebbero Hodor a pezzi'. E loro mi hanno detto qualcosa che ha lasciato il segno: 'Sarebbe troppo orribile, non proveremmo le emozioni legate alla perdita di Hodor'. E quello mi è servito da bussola per orientarmi, tenendo a mente che dovevamo tenere davvero a lui alla fine".

Leggi anche: In nome di Hodor: intervista al dialoghista de Il trono di spade

Bender ha poi proseguito: "Volevo lo stesso che fosse abbastanza spaventoso, vedere Hodor circondato e sovrastato da queste braccia scheletriche e dalle dita, capire che alla fine sarebbe sommerso, ucciso e fatto a pezzi, o qualsiasi cosa abbiano fatto che noi non abbiamo visto. Ma sono stato attento a non far prevalere l'orrore sulle emozioni legate alla perdita di quel personaggio e portare gli spettatori verso l'idea che stesse sacrificandosi in modo che i suoi amici potessero fuggire. Quello era il concetto principale".

Il trono di spade 6: The Door poteva essere...
Il futuro de Il trono di spade: il ruolo di Bran e i paradossi temporali
Il trono di spade 6: i creatori si scusano per l'episodio The Door
Privacy Policy