Il trono di spade

2011 - ....

In nome di Hodor: intervista al dialoghista de Il trono di spade

La fatidica e tanto discussa sequenza di The Door è stata finalmente trasmessa anche in italiano. Noi abbiamo intercettato Matteo Amandola, adattatore della serie, per chiedergli come abbia vissuto la scoperta e la soluzione di questo delicato enigma linguistico.

Il trono di spade

2011 - .... – Fantastico
4.4 4.4

Per chi lavora con le parole, le parole non sono mai un caso. Il primo indizio arriva dal titolo italiano della quinta puntata della sesta stagione de Il trono di spade: Il tempo è giunto. Frase altisonante, come se un appuntamento decisivo stesse per bussare alle porte di qualcuno, come se un'oscura resa dei conti incombesse inesorabile. Questo qualcuno, scomodato da abbracci collettivi, sfottò, speranze e perplessità preventive, risponde al nome di Matteo Amandola, adattatore e dialoghista dell'amata serie, di cui cura i copioni destinati al doppiaggio (divisi in anelli) dalla seconda stagione in avanti. A Matteo è spettato l'ingrato compito di localizzare la drammatica trasformazione della frase "hold the door" nel nome "Hodor" e, in maniera involontariamente autoreferenziale, la risposta è stata "trova il modo".

Il trono di spade: il tragico destino di Hodor in The Door

La stessa frase che, probabilmente, avrà echeggiato per ore e giorni nella sua testa, si è poi rivelata la soluzione stessa. Una scelta di "meta-doppiaggio" che ha sorpreso tutti, indispettito alcuni e soddisfatto altri; una scelta che abbiamo cercato di capire meglio e motivare chiedendo allo stesso Amandola come abbia lavorato a questo ardito adattamento. Abbiamo bussato alla sua porta, e per fortuna, non ce l'ha sbattuta in faccia come il possente Hodor all'orda di non-morti.

Leggi anche: Il trono di spade e il caso Hodor - Ipotesi di un doppiaggio impossibile

Ciao Matteo, partiamo dalla "scena madre" che ha fatto tanto parlare di sé. Dicci la verità: cosa hai pensato quando hai sentito "hold the door" smaterializzarsi in "Hodor"?

Il trono di spade: Hodor da ragazzino nell'episodio The Door

Beh, è andata così: il mio traduttore ed amico Leonardo Marcello Pignataro, con cui collaboro fin dall'inizio di questa avventura sulla serie de Il Trono di Spade, mi ha preavvertito durante la traduzione telefonandomi e dicendomi: "Matte', ora voglio vedere come facciamo". Io non ho dato molto peso alla cosa da principio... avevo un'intera puntata da fare e quella era la scena finale. Così, pur pensando alla battuta nei tempi morti (mentre cucinavo, sotto la doccia, al cinema...), ho rimandato la soluzione del problema al giorno prima della consegna e lì, in effetti, ho iniziato un po' a preoccuparmi anche perché ho ricevuto una telefonata dal direttore del doppiaggio (nonché doppiatore ed adattatore) Sandro Acerbo, il quale aveva la mia stessa preoccupazione e non era riuscito, come me, ancora a trovare una soluzione alla cosa.

Arriviamo invece alla tua soluzione. Come sei arrivato alla scelta di "trova un modo"? Che compromesso hai raggiunto con questa frase?

L'ho trovata durante una cena proprio la sera prima della consegna, chiacchierando con un paio di amici che, pur non essendo del settore, sono comunque abili e capaci con l'italiano. Così, davanti a una pizza, abbiamo iniziato in tre a scervellarci e alla fine la soluzione è venuta fuori partendo da tutte le parole che contenessero la particella "odo". È chiaro che il gioco di parole era impossibile da rendere fedelmente e quindi anche io sono dovuto scendere a compromessi con la mia pignoleria. "Trova un modo", a mio parere, rispettava la situazione e il contesto, non snaturava eccessivamente la scena, ed era possibile da recitare per il doppiatore senza sembrare troppo forzata.

Avevi valutato altre soluzioni? Quali?

Il trono di spade: gli attori  Max von Sydow e Isaac Hempstead Wright

Sì ne ho cercate diverse. Un paio le ho anche viste in giro, probabilmente anche qualcun altro ci era arrivato. Avevo valutato qualcosa con "oddio", ma ne Il Trono di Spade mettere qualunque cosa con "Dio" è rischioso dato che ci sono prevalentemente "Dèi" nella serie. Avevo pensato a un semplice "fermali, Hodor!", che rispettava tutta la logica temporale della situazione ma lasciava fuori dalla porta, appunto, l'etimologia del nome "Hodor". E poi tantissime altre soluzioni mi sono ronzate in testa ma nessuna soddisfacente. In effetti, però, quella messa in alcuni sottotitoli, "tieni duro", mi era sfuggita.

In passato avevi mai affrontato un adattamento così complesso?

Una battuta così complessa mai. Ne sono capitate altre, questo sì. Giochi di parole, rime, filastrocche... canzoni rap. Ma una battuta così difficile era la prima volta che mi trovavo ad affrontarla. Riguardo adattamenti in genere sì, invece, ne sono capitati anche di più complessi per vari motivi (trama, recitazione degli attori, linguaggio usato). Tra l'altro, una cosa che in pochi hanno notato, in questa puntata c'era una difficoltà in più: all'inizio [nella scena della rappresentazione teatrale a Braavos, ndR] ci sono circa tre minuti in rima e anche quelli sono stati una discreta sfida da affrontare.

Che ne pensi di questa ondata di pareri, ipotesi, critiche e parodie che si sono riversate sul web?

Intanto non mi sarei mai aspettato che questa battuta avrebbe fatto così tanto rumore ma, pensandoci a posteriori, forse non è così strano oggi, al tempo dei social. Per il resto mi ha affascinato vedere come tutti, anche chi detesta il doppiaggio, si siano appassionati nel trovare e proporre soluzioni. Questo ha sicuramente avvicinato molte persone al mondo dell'adattamento e, forse, ha fatto comprendere un po' di più e meglio a tutti quanto sia complessa questa professione. Riguardo poi le battute ironiche... basta andare sulla mia bacheca Facebook, ne ho condivise parecchie e le ho trovate molto divertenti, non ultima "Trova un modo.. trov un mod...Trumod".

Il trono di spade: Bran osserva il passato in The Door

L'unica cosa che spiace un po', in questi casi, sono solo le critiche spietate e offensive nei confronti del doppiaggio. Io non condivido molto questa crociata sul "doppiaggio sì" "doppiaggio no", crea solo spaccature, malumori, e divisioni. Oggi ognuno può scegliere ciò che più gli piace. Dai DVD, alla televisione (con Sky in testa), e pian piano anche al cinema possiamo decidere se vedere qualcosa in lingua originale oppure doppiata senza per questo scagliarci in modo spietato su chi decide di fare una scelta diversa dalla nostra.

Leggi anche: Doppiaggio o lingua originale? Io sto con il Cinema

Il Trono di Spade è una serie stracolma di personaggi. Qual è quello a cui vengono riservati i dialoghi più complessi da adattare?

Il trono di spade: l'attore Liam Cunningham in una foto della première

Direi che non ce ne è uno preciso. A rotazione mi sono capitati dialoghi lunghi e complessi un po' su tutti i personaggi. La differenza, semmai, la fa il modo di parlare degli attori. Tra i personaggi principali quelli su cui ho più difficoltà di solito sono Ramsay, Davos e Daario, perché parlano molto veloci, l'Alto Passero per la lunghezza dei suoi monologhi e Olenna, la Regina di Spine, perché tende a contrarre molto le parole.

Nel tuo lavoro quanto sono vincolanti i romanzi di Martin?

Moltissimo, almeno fino a questa stagione dato il superamento, per quanto concerne la trama, da parte della serie sui libri. Nelle stagioni precedenti ho cercato di restare sempre il più possibile fedele alle parole e ai nomi usati nei libri italiani e, quindi, alle parole e ai nomi trovati da Sergio Altieri e Michela Benuzzi, traduttori ufficiali de Il Trono di Spade per l'Italia.

Come si è evoluto negli ultimi anni il lavoro di adattamento delle serie TV?

Il Trono di Spade: Ellie Kendrick e Isaac Hempstead-Wright in Blood of My Blood

Io lavoro solo da 8 anni quindi non ho un'esperienza di lungo corso negli adattamenti, pur venendo da una famiglia che opera nel settore del doppiaggio da circa 35 anni. Tuttavia posso dire che in questi otto anni i tempi di lavorazione si sono sempre più ridotti. La trasmissione in contemporanea o quasi con gli Stati uniti di serie tv come Il trono di spade, impone a tutti noi addetti ai lavori ritmi molto alti e questo, a volte, può mettere a rischio la qualità di un prodotto. D'altro canto Internet ha portato un enorme snellimento nelle nostre procedure di lavoro: basti pensare alla spedizione dei materiali per e-mail e al sempre minor bisogno di dover andare in biblioteca a fare ricerche su una specifica battuta o alla necessità sempre minore di aprire un libro per cercare un sinonimo o il significato di un acronimo (cosa certo meno romantica di un tempo ma di sicuro più pratica).

Inoltre, Internet ha portato un'attenzione sempre maggiore da parte del pubblico ai nostri adattamenti. Noi adattatori, anzi, meglio, i nostri dialoghi, sono sempre più al centro dell'attento occhio degli utenti finali e, quindi, devono essere sempre più precisi e attinenti all'originale. Questo, inevitabilmente, ci sottopone a un'ulteriore pressione che, se da un lato ci sprona a dare sempre il massimo, dall'altro si aggiunge allo stress dovuto al rispetto dei tempi di consegna e all'ansia da prestazione in sala doppiaggio.

Per quale casato tifa l'adattatore italiano de Il trono di spade?

Il trono di spade: gli attori Michael McElhatton e Iwan Rheon

Prima di rispondere a questa domandaccia volevo solo fare una precisazione: siamo in due ad adattare la serie, io e la mia cara collega Francesca Raffi. Solitamente lavoriamo sulla serie a puntate alternate e, devo dire, siamo proprio una bella squadra. Tornando alla tua domanda... beh... altro che Hodor... è qui che mi inimicherò tutta la piazza. Io tifo per una casata che non vincerà mai: i Bolton. Trovo assolutamente e perversamente affascinante la crudeltà di Ramsay. Inoltre se dovessero vincere mai i Bolton quello sì che sarebbe un finale inaspettato! A seguire metterei i Lannister nella persona di Jaime o di Tyrion è indifferente, mi sono simpatici entrambi. Dall'altro lato speravo nella morte di Jon Snow e spero ancora in una dipartita della Regina dei Draghi (ma non dei suoi draghi sia chiaro). Ecco l'ho detto, le cose scomode davvero le ho dette. Massacratemi pure!

In nome di Hodor: intervista al dialoghista de Il...
Il futuro de Il trono di spade: il ruolo di Bran e i paradossi temporali
Il trono di spade: 7 cose che (forse) non sapete sulla serie fantasy targata HBO
Privacy Policy