I Marlene Kuntz al 56° Festival dei Popoli

La band di Cuneo sarà al Cinema Odeon per presentare "Complimenti per la festa", il documentario che ne ricostruisce i 25 anni di carriera

Saranno i Marlene Kuntz, la band di Cuneo che ha segnato la storia del rock italiano, gli ospiti d'eccezione della quinta giornata del 56° Festival dei Popoli, martedì 1 dicembre. La formazione capitanata da Cristiano Godano sarà al Cinema Odeon alle 21.30 per presentare, insieme al regista Sebastiano Luca Insinga, la prima italiana di Complimenti per la festa, il documentario girato durante il tour di Catartica 994/014, tributo allo storico album uscito nel 1994, che ricostruisce i venticinque anni di carriera del gruppo. Dai primi momenti di preparazione alle oltre 30 date in giro per i club della penisola italiana, dalle giornate in sala prove ai ricordi e i racconti del tempo in cui furono scritti brani come Festa Mesta, Sonica e Nuotando nell'Aria. Insinga mostra i protagonisti sotto una veste inedita e molto intima: nelle pause tra una data e l'altra sullo schermo compaiono momenti domestici e quotidiani, oltre al ritorno in quella Cuneo dove tutto ebbe inizio e dove oggi ancora tutto scorre.

Tra gli eventi speciali della giornata, la proiezione, sempre in prima italiana, di Bakur (Spazio Alfieri ore 22.30), l'opera di Çayan Demirel e Ertuğrul Mavioğlu che segue le vite dei guerriglieri del PKK in tre diversi campi del territorio curdo al confine con la Turchia. Bakur ci fa incontrare uomini e donne che hanno scelto la resistenza armata per costruirsi un nuovo futuro, sfidando lo spettatore a sviluppare un punto di vista diverso da quello offerto quotidianamente dai media. È infatti la prima volta che un regista entra negli accampamenti dei guerriglieri, e proprio per questo il documentario ha subito la censura in Turchia: l'Istanbul Film Festival è stato costretto a rimuoverlo dal proprio programma.

I Marlene Kuntz al 56° Festival dei Popoli
Listen To Me Marlon: la prima italiana al Festival dei Popoli
The Rise of James Brown di Alex Gibney al Festival dei Popoli 2015
Privacy Policy