Deadpool

2016, Azione

Deadpool 2: il regista Tim Miller smentisce tutte le voci sui motivi del suo addio

Durante un'intervista a CG Garage, Miller smentisce le liti con Ryan Reynolds, la richiesta di un budget più alto, il casting di Kyle Chandler e commenta la scelta del nuovo regista.

Il 2016 è stato un anno grandioso per Deadpool, uscito nelle sale dopo anni di pre-produzione, che è diventato uno dei film più di successo dell'intera stagione cinematografica.

Deadpool: Ryan Reynolds in azione nel ruolo di Wade Wilson

Non ha stupito la fretta della 20th Century Fox di lanciarsi in un sequel, ha stupito, invece, l'abbandono del progetto da parte del regista Tim Miller a causa di alcune divergenze creative.

Da quel momento in pui, si sono rincorse voci di litigi tra Miller e Ryan Reynolds sull'impostazione o sullo scopo del film, o sul budget troppo basso per le aspettative del regista. Durante un'intervista al CG Garage, Miller ha finalmente rotto il silenzio dalla fuga da Wade Wilson:

"Voglio rivolgermi al pubblico geek, perchè per me è importante il pensiero dei geek e dei nerd perchè sono i miei fratelli e sorelle. Non volevo fare un film fighetto con un budget grande il triplo. Se avete letto questo su internet, lasciate stare. Avrei fatto la stessa tipologia di film che abbiamo già fatto con il primo capitolo, perchè quello è il film giusto per quel personaggio. Quindi non credete a ciò che leggete."

Miller ha chiarito anche un altro rumour, quello di volere nel cast Kyle Chandler nei panni di Cable.

"No, Kyle non avrebbe interpretato Cable. Tutta questa roba che leggo mi lascia senza parole."

Miller ha anche risposto alle voci che Deadpool fosse stato un film complesso da realizzare, in risposta anche ai commenti di Reynolds su quanto fosse stato "molto, molto difficile" girare il film e sulla presenza di "spaventose liti nella postproduzione". Il regista ha invece affermato che è stata la miglior esperienza della sua vita:

"Anche se alcuni dicono sia stata dura, per me è stata una gioia girare Deadpool. Penso che si possa vedere sullo schermo, ci siamo divertiti tutti. Abbiamo avuto delle discussioni nella post produzione, ma niente più del solito. La troupe è stata fenomenale, sarebbero tornati tutti per il sequel e no, non è stato un film difficile, è stato molto bello, l'esperienza migliore della mia vita."

Deadpool: Ryan Reynolds in un'immagine tratta dal film

I fan dell'antisupereroe possono stare tranquilli, Deadpool 2 è stato assegnato velocemente a David Leitch, regista di John Wick, e Miller ha solo buone parole per il progetto:

"Gli auguro tutto il meglio, spero sarà pazzesco. Amo il personaggio e penso sia geniale, amo gli attori e voglio che abbiano di nuovo successo. Non ho ancora conosciuto David ma da quello che so è un grande. Voglio solo il meglio per Deadpool e anche per la Fox, meritano di incassare tanto. Sono stati fantastici."

Il prossimo progetto di Tim Miller sarà l'adattamento del best-seller Influx, un cyber thriller di Daniel Suarez, sceneggiato da Mark Bomback, che dovrebbe trasformarsi in una trilogia.

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Deadpool 2: il regista Tim Miller smentisce tutte...
Deadpool: tutto quello che c'è da sapere sul più folle dei supereroi Marvel
Deadpool svela il suo film preferito dell'anno e commenta il suo 2016
Privacy Policy