Bob Hoskins, addio al cinema

L'attore, al quale è stato diagnosticato il morbo di Parkinson, ha deciso di ritirarsi dalla recitazione e nel dare l'annuncio, ha ringraziato i fan e tutti coloro con i quali ha collaborato nell'arco della sua carriera.

A settant'anni (li compierà in autunno) e quaranta di carriera, Bob Hoskins dice addio alla recitazione con un comunicato ufficiale che è stato diffuso dal suo agente. L'attore inglese, visto recentemente in Biancaneve e il cacciatore, ma conosciuto anche per i ruoli intrepretati sul piccolo schermo e al cinema - per citarne uno dei più famosi, Chi ha incastrato Roger Rabbit? - ha deciso di ritirarsi dopo che lo scorso autunno gli è stato diagnosticato il Morbo di Parkinson. "Bob non vede l'ora di stare con la sua famiglia, adesso che non lavorerà più, e chiede che in questo particolare momento della sua vita sia rispettata la sua privacy." - si legge nel comunicato - "Prima di congedarsi desidera ringraziare tutte le persone straordinarie con le quali ha lavorato durante tutti questi anni e tutti i fan che lo hanno sostenuto nell'arco di questa meravigliosa carriera"

Chissà che Hopkins non ci ripensi e decida di ritagliarsi qualche piccolo ruolo (anche in sala doppiaggio) come ha fatto il suo più giovane collega, Michael J. Fox, al quale fu diagnosticato il Morbo di Parkinson nel 1991, ma decise di parlarne solo otto anni dopo, per poi annunciare il ritiro dalle scene nel 2000. Nonostante l'annuncio però, Michael J. Fox è apparso in diverse serie televisive (arrivando anche a vincere dei riconoscimenti per le sue interpretazioni) e continua ad occuparsi dell'associazione da lui fondata a sostegno della ricerca sul Parkinson.

Bob Hoskins, addio al cinema
Privacy Policy