Tin Star

2017 - ....

Tin Star: Un buon Tim Roth nel noir Sky

Arriva su Sky Atlantic il thriller/noir con Tim Roth e Christina Hendricks che ci porta in un paesino delle Montagne Rocciose canadesi.

Tin Star: un momento con Tim Roth

C'è una guerra in corso nel mondo delle serie TV, una battaglia continua per la visibilità in un settore che è diventato fin troppo affollato. E se i colossi dello streaming lottano a colpi di binge-watching, gli altri devono imbracciare lo stesso tipo di armi per rispondere: a dispetto di una messa in onda regolare su Sky Atlantic in cinque paesi (Regno Unito, Irlanda, Italia, Germania ed Austria), la nuova serie Sky Tin Star è stata già resa disponibile per intero per gli utenti di Sky Box Sets e Now TV britannici.

Una strategia che dimostra anche che Sky crede nella serie e lo conferma il rinnovo per una seconda stagione, già avvenuto ancor prima della diffusione della prima, che rassicura i potenziali spettatori sul prosieguo di una serie che sembra promettere sviluppi interessanti e che qualcuno ha già descritto come "un incrocio tra Twin Peaks e Breaking Bad". Una definizione che probabilmente punta troppo in alto, ma che fa capire la direzione che la serie con Tim Roth potrà prendere dopo una premiere che ha i suoi motivi di interesse.

Leggi anche: Tim Roth: "Il cinema italiano mi ha cambiato la vita"

Tin Star: Tim Roth durante una scena della prima stagione

Welcome to Canada

Tin Star: una scena con Tim Roth

Tin Star parte col piede sull'acceleratore, con il protagonista in auto con la famiglia in una zona isolata, con l'evidente intenzione di scappare da qualcuno. Una minaccia che li raggiunge quando si fermano a fare benzina, concretizzandosi in una figura mascherata che fa fuoco nella loro auto. Un incipit dopo il quale torniamo indietro di un anno: Jim Worth, ex detective della polizia di Londra, con un passato da alcolista, si trasferisce con la famiglia, per motivi non meglio specificati, nella cittadina di Little Big Bear sulle Montagne Rocciose canadesi.

Tin Star: una scena della serie

La vita nella località di montagna è ben diversa da quella frenetica della capitale britannica, ma ben presto qualcosa arriva dall'esterno per modificare questa situazione semi-idilliaca: una potente compagnia petrolifera arriva in città per aprire una raffineria capitanata da uno dei suoi dirigenti, l'ambigua Bradshaw di Christina Hendricks. La novità divide la popolazione, tra chi si preoccupa dell'ambiente e non vede di buon occhio l'intrusione, e chi invece la considera un'ottima opportunità per lo sviluppo della cittadina. Tra i primi c'è anche lo sceriffo Worth, che inizia a subire le conseguenze della sua posizione. Ma è solo questa la causa delle minacce ricevute da Worth? O c'è qualcosa nascosto nel suo passato?

Leggi anche: Le 25 nuove serie più attese della stagione 2017/2018

Lassù tra le montagne

Tin Star: Tim Roth nei panni di Jim Worth

Thriller dal sapore noir ed un pizzico di cospirazionismo, la premiere di Tin Star è costruita con messa in scena dal piglio cinematografico, che valorizza l'ambientazione scelta per raccontare la storia: fluide inquadrature aree e scenari incantevoli aiutano a immergerci nel nuovo mondo in cui si trova ad operare Worth. Ma il tempo trascorre rapido nel primo episodio della serie, pochi minuti sintetizzano mesi e ci si trova (troppo?) repentinamente in una condizione di tensione che monta sempre più. È un effetto voluto, che serve ad enfatizzare il contrasto tra il prima e il dopo l'arrivo della compagnia petrolifera, oltre che ad entrare nel cuore della storia. Ma il risultato disorienta lo spettatore che fa fatica a tenere il passo, dal punto di vista della partecipazione emotiva, con quanto sta accadendo.

Leggi anche: 30 serie TV perfette per il binge-watching

Storia di una vendetta?

Tin Star: Tim Roth in una scena

Ma la premiere di una serie serve anche a tracciare il percorso di quello che vedremo nel corso della stagione, è quindi importante che il primo episodio getti le basi di quanto sta accadendo a Worth per suggerire l'andamento dei successivi nove episodi. Il personaggio interpretato con la solita bravura da Tim Roth è infatti centrale nello sviluppo narrativo pensato per Tin Star dal suo autore Rowan Joffe ed il primo episodio chiude dove si apriva, riprendendo ed ampliando quell'incipit potente a cui abbiamo accennato poco sopra, introducendo un paio di elementi che suggeriscono in che direzione si potrà sviluppare la vicenda, ma stuzzicando anche la curiosità sul misterioso passato del protagonista, che ancora non ci è stato raccontato.

Tin Star: Un buon Tim Roth nel noir Sky
Antonio Cuomo
Redattore
3.5 3.5
Tim Roth: "Il cinema italiano mi ha cambiato la vita"
Le 25 nuove serie più attese della stagione 2017/2018
Privacy Policy