The United States of Tara - Stagione 1, episodio 1: Pilot

Da Diablo Cody e Steven Spielberg, arriva la nuova serie Showtime che vede Toni Collette nei (numerosi) panni di Tara.

E' finalmente giunto l'atteso debutto della serie tv nuova di zecca firmata dalla sceneggiatrice Diablo Cody, ex blogger spogliarellista salita alla ribalta per il pluripremiato Juno. Anche se la paternità dell'idea alla base dello show va attribuita niente meno che a Steven Spielberg, The United States of Tara è un serial al femminile e lo zampino della disinibita sceneggiatrice dai capelli corvini si sente tutto nella scrittura originale e anticonformista che non teme di affrontare apertamente temi spinosi come il sesso, la contraccezione, le pulsioni e le idiosincrasie delle donne. A incarnare tutti questi aspetti, e molti altri, è la protagonista della serie, Tara Gregson, esemplare piuttosto atipico di donna. Moglie e madre modello, impegnata in un lavoro creativo, l'arredatrice d'interni, che la gratifica e la soddisfa pienamente, Tara soffre purtroppo di una malattia psichica, una sorta di schizofrenia che si manifesta in momenti di particolare tensione o sconforto e che genera personalità multiple, alter ego della donna che appaiono all'improvviso prendendone il posto all'interno del nucleo familiare. Dalla teenager sessuomane T. al rude pistolero Buck fino alla casalinga perfetta Alice, le doppie e triple identità di Tara sconvolgono la quiete domestica costringendo l'amorevole marito di Tara e i due figli ad accettare la situazione con comprensione e un pizzico di rassegnazione, vivendo ogni crisi della donna come una stranezza passeggera su cui ridere (quasi) sempre.
A interpretare Tara è la straordinaria Toni Collette, musa australiana del cinema indie capace di risultare credibile anche nelle assurde situazioni in cui è costretta a calarsi nelle puntate dello show. Al suo fianco John Corbett, ex deejay 'Chris del mattino' di Un medico tra gli orsi apparso in Il mio grasso grosso matrimonio greco, qui nei panni del paziente e affascinante marito di Tara, Brie Larson (che ha sostituito Portia Doubleday), avvenente figlia diciassettenne, e il giovanissimo Keir Gilchrist alias Marshall, il figlio che tutte le madri vorrebbero.

Toni Collette in una scena del pilot de The United States of Tara
L'episodio pilota, firmato da Diablo Cody e Craig Gillespie, si apre con Tara che, visibilmente scossa, si confessa davanti a una telecamera accesa spiegando il motivo della sua ansia. Nonostante la sua capacità di gestire un lavoro remunerativo e di grande responsabilità, la donna sente di non comunicare abbastanza con la figlia diciassettenne Kate. Frugando nella sua borsa, ha, infatti, scovato una prescrizione per la pillola del giorno dopo e la possibilità che la figlia faccia sesso e addirittura resti incinta di un quasi adolescente come lei l'angoscia terribilmente. Così, dopo aver spento la telecamera, Tara si spoglia e si dirige in camera della figlia. Poco dopo Kate fa ritorno a casa e trova la madre in piena crisi da personalità multipla. Tara si è, infatti, trasformata in T., adolescente tardiva eccentrica e perversa. Poco dopo anche Max, il marito di Tara, fa ritorno a casa, ma né lui ne il figlio sembrano far caso più di tanto al bizzarro comportamento di Tara, ormai ampiamente assuefatti alle sue trasformazioni.
Mentre Max e i figli cenano arriva Charmaine, sorella di Tara, che ha un appuntamento con la donna per recarsi a un convegno, ma dopo aver visto la mutazione di Tara appare visibilmente seccata. Charmaine attira Max nel ripostiglio per parlare e biasima la sorella per il suo comportamento delirante, insinuando che quella di Tara non è neppure una vera malattina. Ci pensa Max a difendere la moglie evitando di cedere alle lusinghe di Charmaine.
Brie Larson in una scena del pilot di The United States of Tara
La sera Kate chiede al padre di uscire per andare a studiare da un amica, ma l'uomo la ammonisce severamente avvertendola di essere a conoscenza del motivo che ha scatenato la crisi di Tara, la prescrizione medica trovata nella borsa. Kate, però, risponde al padre con tono brusco e si allontana. Max resta solo con T. che è sdraiata sul divano intenta a darsi lo smalto alle unghie. La donna cerca di sedurlo, ma Max rifiuta ben sapendo che Tara soffrirebbe sapendo che Max si è approfittato di uno dei suoi numerosi alter ego quando lei non era cosciente. Stanco di dover competere con la scatenata T., Max costringe Tara a recarsi nel capanno per tornare in sé. Procedura che sembra verificarsi sovente, tanto che per evitare che i vicini sentano le urla di Tara, Marshall ha approntato una cassa dello stereo che diffonde a tutto volume la musica di Telonius Monk.

Più tardi Tara, tornata finalmente se stessa, si scusa con Marshall e con il marito per le difficoltà che la famiglia deve affrontare a causa della sua malattia, ma il figlio si schernisce sostenendo che Tara rende tutto il nucleo familiare più interessante. Nel frattempo Kate è per la strada, in attesa di qualcuno. Finalmente il suo ragazzo arriva a bordo di un'auto scura. Benjamin è un tipo eccentrico dal look dark che parla giapponese e non ha un grande rispetto per il sesso femminile.

Toni Collette e Brie Larson in una scena del pilot de The United States of Tara
A seguito di un bisticcio Kate spiega al ragazzo la ragione dei suoi problemi familiari descrivendogli la natura della malattia della madre. Poi i due si allontanano a bordo dell'auto. La mattina dopo Tara si reca alla scuola di Kate per portare alla figlia il costume che le servirà per il saggio di danza classica, ma vede Benjamin che strattona Kate davanti alla scuola. Tara interviene immediatamente per bloccare il ragazzo, ma Kate, piuttosto scocciata, le dice che vuole essere lasciata in pace perché l'atteggiamento della madre attira su di lei gli sguardi degli altri studenti. Poi si allontana sconvolta.

Tara rientra in macchina e, dopo un momento di crisi, afferra occhiali e sigaretta trasformandosi in un altro dei suoi alter ego, il rude Buck. Quando fa ritorno a casa e Max e Marshall si rendono conto che Tara non è più in sé è ormai troppo tardi: i due rischiano di perdere il saggio di danza di Kate per la quale Marshall ha cucinato dei deliziosi Muffins e così decidono di portare con loro Buck.

Toni Collette e Brie Larson nel pilot di The United States of Tara
Durante il saggio le cose sembrano andare per il verso giusto. Kate si dimostra bravissima e Buck segue tutto lo spettacolo in religioso silenzioso, ma durante gli applausi finali scorge Benjamin tra il pubblico. Mentre tutti si congratulano con Kate per la riuscita dello spettacolo, Buck costringe Benjamin a seguirlo fuori per vendicare l'onore di Kate. Tra i due scoppia una violenta rissa. Dapprincipio Ben si rifiuta di colpire Buck, visto che in realtà è la madre della sua ragazza, ma Buck/Tara lo riempie di pugni e alla fine il ragazzo si rivolta centrandolo in un occhio. Nel frattempo arrivano anche Kate, Max e Marshall il quale, dopo aver saputo che la sorella è stata picchiata dal suo ragazzo, si avventa su di lui mettendolo definitivamente K.O. La tumultuosa serata si conclude al bowling dove Buck, con un bell'occhio nero in vista, impartisce lezioni di gioco a Marshall, mentre Kate e Max osservano rassegnati l'atipico quadretto familiare.

The United States of Tara - Stagione 1, episodio...
Valentina D'Amico
Redattore
3.0 3.0
Privacy Policy