Gomorra 2: Pietro Savastano, dopo la fine un nuovo inizio

Con gli ultimi due episodi della seconda stagione si chiude un arco narrativo nel corso del quale si è sviluppata una lenta, ma spietata rivalsa che non ha escluso (quasi) nessuno. Il finale si concentra sui tre protagonisti - Genny, Pietro e Ciro - e in parte sulle loro donne, Azzurra, Patrizia e Maria Rita.

Gomorra 2: Pietro Savastano, dopo la fine un...
Gomorra - La Serie

2014 - .... – Drammatico
3.5 3.5

Dopo gli ultimi episodi della seconda stagione di Gomorra - La Serie, l'attesa per il finale di questo nuovo arco narrativo era altissima, anche se potevano esserci alcune possibilità su chi sarebbe uscito di scena, ci si chiedeva quali sarebbero state le circostanze in cui sarebbe avvenuto. Se nella prima stagione Ciro (Marco D'Amore) aveva mantenuto un atteggiamento ambiguo fino quasi alla fine, nella seconda è Genny (Salvatore Esposito) a restare (apparentemente) in disparte, lontano dalla guerra di Scampia, per poi svelare le sue manovre solo alla fine. Con la regia degli episodi 11 e 12, Claudio Cupellini torna a concentrarsi su Ciro e Genny che erano già stati al centro del quarto e quinto episodio, da lui diretti. La penultima puntata serve a far spazio attorno ai protagonisti principali di questa guerra e a definire le loro posizioni, un po'come fa Azzurra quando stabilisce i posti dei commensali delle sue imminenti nozze con Gennaro, un matrimonio che, nelle intenzioni di suo padre, don Giuseppe Avitabile, dovrebbe rinsaldare la proficua partnership tra lui e Savastano jr.

Salvatore Esposito in una delle ultime scene di Gomorra 2

Don Giuseppe però non sa che Gennaro ha altri programmi e dopo che avrà "sistemato" lui, si occuperà anche di diverse questioni di famiglia. Nel frattempo a Scampia, Pietro (Fortunato Cerlino), fa piazza pulita di tutti coloro che possono essere d'intralcio. Il primo è Lelluccio - un bersaglio facile facile, con sua madre Scianel messa momentaneamente fuori gioco - e poi tocca ai ragazzi del Vicolo, uno ad uno, da quelli che oppongono resistenza a quelli che tentano in modo maldestro di correre ai ripari, come 'o Zingariello.

Una stagione di sangue

Gomorra 2 - Alessandra Langella è Nina nella scena del compleanno di Conte

Ci siamo lasciati alle spalle una stagione che ci ha regalato personaggi, battute e scene diventate immediatamente di culto, come quella in cui Scianel (Cristina Donadio) canta con microfono improvvisato, abbiamo incontrato personaggi di grande fascino e potenziale ai quali è stato concesso poco spazio, come 'o Principe, (Antonio Folletto) che avrebbe meritato molto più spazio anche per il modo in cui è riuscito ad imporsi sulla scena criminale locale. Ci sono stati personaggi che sono stati messi ingiustamente da parte, e in maniera un po' frettolosa - come Nina, l'amante di Conte, ad esempio, ma anche personaggi rimasti in disparte per tutta la prima stagione, come Rosario 'o Nano. Allo stesso tempo non sono mancati gli episodi entusiasmanti, tra cui quello che ha segnato l'uscita di scena di Conte (e che ha fatto capire al pubblico che che da quel momento si faceva sul serio) così come quelli di passaggio, meno dinamici, forse più lenti ma necessari a fare il punto della situazione dopo due anni di assenza dagli schermi.

Leggi anche: Breaking Gomorra, il "mash-up" tra le due serie cult è esilarante

Contenuto pubblicitario
Gomorra: Marco D'Amore insieme a Lino Musella

Morto un Pietro se ne fa un altro

Fortunato Cerlino negli ultimi due episodi della seconda stagione di Gomorra

Chi si aspettava che Genny, dopo essere stato crivellato di pallottole da Ciro, avrebbe tentato di vendicarsi subito è rimasto spiazzato, perché quella di Gennaro è stata una vendetta zen architettata con lucida intelligenza e che non ha risparmiato nessuno. In più occasioni abbiamo visto Ciro tentare di manipolare Gennaro per cercare di portarlo dalla sua parte con le solite lusinghe e alla fine è stato l'Immortale ad essere manipolato dal suo ex-amico, come una pedina, anche contro suo padre. Abbiamo visto Genny tenersi a debita distanza dalla guerra e dagli affari di Secondigliano per aspettare il momento giusto, e rientrare a testa alta per dare inizio ad una nuova vita, nel senso più letterale del termine, con la nascita del suo primogenito al quale ha dato il nome del nonno, ucciso da Ciro, ormai svuotato delle sue ambizioni da un dolore cupo, quello dell'uccisione di sua figlia Maria Rita.

Leggi anche: Gomorra tra colpi di scena (e di pistola): le sequenze più belle della serie

Marco D'Amore negli ultimi due episodi di Gomorra 2

Donne e fantasmi

Non possiamo chiudere questo secondo capitolo di Gomorra senza parlare dello spazio che hanno avuto le donne in questa stagione e soprattutto in questo ultimo episodio. Se in apparenza il loro ruolo non ha avuto particolare rilievo negli sviluppi del conflitto, ha comunque avuto un impatto emotivo fondamentale sui protagonisti. Abbiamo già parlato di Maria Rita, che per tutta la stagione ha tenuto vivo il ricordo di Deborah come uno spettro e che ha condizionato in modo importante l'evoluzione di Ciro, fino al tragico epilogo. Don Pietro, diviso tra il "fantasma" della sua amata Imma e la passione per Patrizia, (una bravissima Cristiana Dell'Anna) giovane leonessa dallo sguardo ardente e fiero che lo spingerà a riconquistare il suo trono (anche se per brevissimo tempo). E poi Azzurra, che si fa complice del tradimento nei confronti di suo padre e porta con sé la vita, nuove ambizioni per il futuro e un riscatto per Genny.

Cristiana Dell'Anna è Patrizia in Gomorra, seconda stagione

Difficile immaginare cosa ci aspetta per la stagione 3, con uno scenario del genere, ma adesso gli autori dovranno dimostrare tutta la loro abilità per non ridure il prossimo capitolo ad un semplice e sterile confronto tra Ciro e Genny. E poi siamo certi che anche don Giuseppe proverà a tornare in gioco così come Scianel.

Fabio Fusco
Redattore
4.0 4.0
Gomorra 2: Scianel, tutto sulla performance con il vibratore d'oro!
Gomorra 2 e il porno: un nuovo "studio" su Pornhub
Privacy Policy