Frankenstein: 5 memorabili variazioni sul tema del mito creato da Mary Shelley

Donne, uomini, addirittura animali. Le Creature sono già tra noi, da molto tempo. E spesso hanno anche un bell'aspetto...

Frankenstein: 5 memorabili variazioni sul tema...
Boris Karloff in Frankenstein del 1931

La Creatura, ovvero il Mostro di Frankenstein, per molti semplicemente solo Frankenstein: recenti sondaggi condotti su campioni a caso hanno rivelato che è lui il mostro più amato nel mondo. Tormentato e brutto, composto da pezzi di cadaveri eppur vivo, spesso raffigurato con gli elettrodi conficcati nel collo poiché Boris Karloff ha regalato al mondo quella magnifica figura, portatore poco sano di odio e d'amore, il Mostro creato da Mary Shelley nacque nello stesso momento del Vampiro di Polidori, ma è una creazione originale non basata sul folklore e rivisitata in chiave romantica. Il capolavoro di Mary Wollstonecraft Godwin, poi maritata Shelley, è il più grande GUB (Great Unread Book) della storia: tutti ne conoscono la trama, ma di questi una piccola percentuale lo ha effettivamente letto.

Leggi anche: Nel segno di Dracula: il mito del vampiro tra cinema e TV

Adesso sono in arrivo ben due pellicole, a distanza ravvicinata, Frankenstein, ambientato nella Los Angeles di oggi e raccontato dal punto di vista del mostro, e Victor - La storia segreta del Dott. Frankenstein, decisamente virato sullo scienziato e con la coppia prodigiosa Daniel Radcliffe / James McAvoy. Così, dopo la moda dei vampiri e quella degli zombie, dobbiamo aspettarci un avvento di Creature? La cosa non è del tutto nuova, anche perché gli adattamenti cinematografici sono stati innumerevoli... anche quando non sono stati propriamente dichiarati. Ecco qui perciò, lasciando da parte il gioiello incomparabile Frankenstein Junior (a noi non piace vincere facile!) cinque creature ispirate dal mito di Frankenstein, ma diverse dal corpulento collage di cadaveri. E spesso più gradevoli alla vista.

Frankenstein: un sofferente Xavier Samuel in una scena del film

5. Sparky, da Frankenweenie, 2012

Frankenweenie: Sparky in un'immagine tratta dal nuovo capolavoro di Tim Burton

Una creatura terrificante! Un terrier riportato in vita dal giovane Victor Frankestein, che vive a Burbank, in California, e che non riesce a sopportare la perdita del suo migliore amico a quattro zampe. L'identificazione di Tim Burton con il protagonista è ai massimi livelli: Frankenweenie fu il suo primo cortometraggio prima di diventare questa magnifica silly tale in stop motion, e l'autore, si sa, è cresciuto a pane e Troma...

Leggi anche: Le dimensioni (non) contano: 10 cortometraggi adattati per il grande schermo

4. Eva, da La sposa promessa, 1985

La sposa promessa: una scena con Sting e Jennifer Beals

Gli intenti e le citazioni sono ancora dichiarati in questo film che vedeva Sting dei panni di Frankenstein e Jennifer Beals in quelli della compagna creata per il Mostro (come accade nel romanzo), ma completamente inconsapevole della sua condizione e senza alcun difetto che lasci pensare che non sia umana, tanto che Victor pensa di tenerla per sé. Melodramma il cui script mescola ambientazioni veneziane e circensi alla trama già ricca, barocco come solo gli anni Ottanta hanno saputo essere, è uno di quegli esempi talmente dimenticabili da diventare cult.

3. Rocky Horror, da The Rocky Horror Picture Show, 1975

The Rocky Horror Picture Show: Tim Curry e Peter Hinwood in scena

Frank 'N' Further è lo scienziato più sexy della storia. E Rocky, la sua creatura, non può che essere un accessorio, un ninnolo, meno importante della sua collana a sfere (che ispirò quella di Marge Simpson), anche se è stato creato per altri, ben dichiarati, divertimenti. Il modello Peter Hinwood decisamente non è terrificante: l'unico elemento mostruoso in lui fu la mancanza di talento. Dopo questo film, una piccola comparsa e poi il ritiro dal mondo dello spettacolo. Ma una strofa di canto doppiata gli è valsa l'ingresso nella storia.

Contenuto pubblicitario

Leggi anche:

2. Edward, da Edward mani di forbice, 1990

Johnny Depp nel film 'Edward mani di forbice'

Il cinema di Tim Burton è in larga parte ispirato dal mito di Frankenstein - difatti avrebbe buon diritto di entrare in questa lista anche Sally, la bambola portata alla vita in Nightmare Before Christmas grazie a un fulmine, con tanto di cuciture. Abbiamo però scelto l'Edward di Johnny Depp perché è una creatura che ama, che vorrebbe integrarsi, ma non può. Ogni ombra di crudeltà è sparita in lui: del resto ha un cuore di biscotto, dolce e fragile, e suo padre lo ha educato prima ancora di dargli la parola.

Leggi anche:

1. Lisa, da La donna esplosiva, 1985

Kelly LeBrock ne La donna esplosiva

Il mondo non esprimerà mai abbastanza gratitudine a John Hughes per i suoi film. Anche per Weird Science, che la critica più cieca continua a bocciare. La creatura del cantore dell'adolescenza ha le fattezze mozzafiato di Kelly LeBrock, portata alla vita dai due nerd Anthony Michael Hall e Ilan Mitchell-Smith, sempre grazie al fulmine. Lisa è l'alter ego di Hughes: con metodi poco ortodossi e un porsi a metà tra un adulto e un amico, insegna a due imbranati ad avere fiducia in loro stessi e a sopravvivere all'adolescenza; li prende per mano e dice loro che ce la possono fare. Curiosità: il videoclip Hole in my Soul degli Aerosmith è una citazione al film.

Nel segno di Dracula: il mito del vampiro tra cinema e TV
The Rocky Horror Picture Show: un cult libidinoso che non passa mai di moda
Privacy Policy