Erin Brockovich: la nostra recensione del blu-ray

Il film di Steven Soderbergh che diede l'Oscar a Julia Roberts come miglior attrice, arriva in alta definizione con un video molto buono, anche se non esente da pecche. Soddisfacenti audio e contenuti speciali.

Erin Brockovich

2000 – Drammatico
3.2 3.2

A quattordici anni di distanza dalla sua uscita, è arrivato in alta definizione il film che diede l'Oscar e un Golden Globe come miglior attrice a Julia Roberts, ovvero Erin Brockovich. La pellicola firmata da Steven Soderbergh racconta la vera storia dell'attivista americana Erin Brockovich-Ellis (interpretata appunto dalla Roberts), diventata celebre per la causa intentata contro la Pacific Gas & Electric nel 1993 e interpellata a lungo dal regista anche per stendere la sceneggiatura. La vera Erin fra l'altro appare anche in un cameo nei panni di una cameriera.

Erin Brockovich è una ragazza single che deve badare a tre figli, veste in maniera vistosa e sexy, è sboccata e maleducata, ma è determinatissima a darsi da fare per mantenere la sua famiglia. Dopo un incidente automobilistico, riesce a trovare lavoro come impiegata in un piccolo studio legale, e per caso si imbatte un in una misteriosa faccenda di acqua contaminata che sta provocando numerose vittime in una piccola comunità del deserto. Fra indagine pericolose e varie minacce, Erin decide di andare a fondo della questione e ottenere giustizia per tutte le centinaia di persone coinvolte nella vicenda. Nel cast anche Albert Finney e Aaron Eckhart.

Video brillante con alcune lievi flessioni

Una scena di Erin Brockovich

Erin Brockovich è arrivato in alta definizione con un blu-ray targato Sony Pictures e distribuito da Universal Home Entertainment. Il video è di buona fattura e riesce a riprodurre in maniera fedele la fotografia del film di Ed Lachman, caratterizzata prevalentemente da colori naturali, ma a tratti pervasa da una tonalità giallo-arancione. L'aspetto più piacevole del quadro è però la grana leggera e gradevolmente naturale e priva di contaminazione, all'interno della quale il dettaglio resta comunque molto buono, a parte qualche flessione dovuta più che altro al girato e a una fotografia abbastanza morbida. La definizione come detto è quasi sempre apprezzabile, e non solo sugli elementi in primo piano, mentre il croma è vivace con colori brillanti e incarnati naturali, e il nero appare sempre abbastanza profondo. Oltre ai citati cali dovuti per lo più al girato, va registrato a tratti anche un lieve utilizzo di edge enhancement, che però scorre via quasi inosservato e senza creare grossi problemi attorno alle figure. In sostanza un video che si guadagna un giudizio molto positivo.

Audio: soddisfacente la traccia italiana in Dolby True HD

Una scena di Erin Brockovich

Sul fronte audio c'è la sorpresa di trovare una traccia italiana in Dolby True HD, proprio come quella inglese. L'entusiasmo però si ferma alla codifica, perché alla resa dei conti l'ascolto si rivela soddisfacente e nulla più, con l'asse anteriore a fare la maggior parte del lavoro. La scena infatti fatica a guadagnare una vera spazialità e risulta piuttosto piatta, anche se i rear talvolta entrano in gioco, seppur molto timidamente. I dialoghi comunque restano puliti e chiari, come calda e avvolgente risulta la colonna sonora di Thomas Newman. Sia ben chiaro che l'ascolto resta pulito e piacevole, ma senza quella marcia in più che si aspetterebbe da una traccia lossless. Anche se non travolgente, il True HD inglese si presenza più profondo e corposo, con un'ambienza più curata. E soprattutto si rivela il più adatto ad apprezzare in maniera ancora migliore l'interpretazione di Julia Roberts.

Extra: making of, interviste e scene eliminate

La locandina di Erin Brockovich
Totale 7
Video 7.5
Audio 7
Extra 7

Buono il reparto dei contenuti speciali, il cui pezzo forte è la presenza di ben 30 minuti di scene eliminate con il commento opzionale di Steven Soderbergh. Troviamo poi un making of di 15 minuti, corredato da interviste a regista, cast, produttore esecutivo e i personaggi reale della vicenda, che parlano della storia vera che ha ispirato il film e della produzione. Per chiudere il trailer e 4 minuti di intervista per conoscere meglio i veri Erin Brockovich-Ellis e Ed Masry.

Erin Brockovich: la nostra recensione del blu-ray
Privacy Policy