Dollhouse - Stagione 1, episodio 10: Haunted

Un episodio sotto tono che però introduce un'idea terrificante e potenzialmente molto feconda per l'universo della Dollhouse.

A soli due episodi dalla fine, Dollhouse ritorna dopo una breve pausa con Haunted, un episodio decisamente meno appassionante e riuscito di quelli a cui eravamo stati abituati recentemente, e forse non è un caso che rappresenti anche il peggior risultato in termini di ascolto e ratings della serie: uno scivolone che rende la possibilità di rinnovo sempre più remota. Non si tratta però di un episodio da dimenticare del tutto, perché nonostante funzioni poco l'aspetto mistery (che fa tanto La signora in giallo) Haunted introduce una nuova terrificante possibilità per gli utilizzi della Dollhouse: la vita eterna.

A raggiungere questo nuovo livello di ambiguità etica è sempre Adelle che permette alla sua vecchia amica Margaret di "dowloadare" con frequenza la sua "anima" nella Dollhouse al solo scopo di poterla "recuperare" una volta morta utilizzando il corpo di una active, in questo caso, ovviamente, la nostra Echo. L'idea è decisamente provocatoria ed interessante, è un concetto che da solo potrebbe portare avanti la serie per lungo tempo aprendo infinite possibilità; lo sceneggiatore Andrew Chambliss invece ne limita le potenzialità donando a Margaret uno scopo per questa sua "resurrezione", ovvero la volontà di indagare sul proprio omicidio. Scelta discutibile se non addirittura risibile considerato soprattutto che la consapevolezza di essere uccisa non si basa su tesi o prove concrete ma solo su una paranoia derivata da un incidente passato.

Eliza Dushku ed Ian Anthony Dale in una scena dell'episodio Haunted di Dollhouse
In ogni caso la nostra Echo/Margaret può così partecipare, accompagnata da una tanto sconvolta quanto divertita Adelle, al proprio funerale e in seguito cominciare ad investigare su quello che è avvenuto nei giorni successivi all'ultimo download della sua memoria e che hanno portato alla sua morte. Ovviamente parlando con i figli, il fratello e il giovane marito vengono fuori sentimenti ed opinioni molto diverse da quelle che Margaret si augurava ma soprattutto non emergono reali indicazioni sul movente dell'omicidio. Ad aiutare Margaret, e quindi Echo, ci pensa l'ex polizotto Boyd, ora capo della sicurezza della Dollhouse, che vede nell'ovvia pista dell'eredità, ma soprattutto nei cavalli posseduti dalla defunta, e adesso di proprietà del marito, l'unico terreno percorribile e decide così di mandare l'active Victor a fingersi interessato compratore. La pista è quella giusta ma i risultati non sono quelli che si potrebbe aspettare: il colpevole non è il giovane e aitante marito ma l'ingrato, e perennemente indebitato, figlio che oltre a macchiarsi di matricidio aveva anche drogato alcuni cavalli per rendere la vendita più fruttuosa. Dopo aver smascherato l'assassino ed essersi riconciliata con il marito e i familiari rimasti, Margaret ritorna alla Dollhouse per lasciare definitivamente il corpo di Echo e la vita terrena.

Eliza Dushku nell'episodio Haunted di Dollhouse
Oltre alla storia principale, questo episodio ci permette anche di spiare la vita extra-lavorativa di Topher che però, a quanto pare, non lascia mai la Dollhouse, nemmeno per festeggiare il suo compleanno. Lo vediamo infatti festeggiare a modo suo, con una sorta di amico immaginario e, se possibile, ancora più nerd di lui, attivato all'interno del corpo di Sierra: al contrario di quello che è successo in passato con altri, Topher non mostra alcun interesse di tipo sessuale nei confronti di Sierra, ma si limita a giocare a laser tag, a football, videogiochi assortiti e soprattuto in interminabili discussioni degne del miglior episodio di The Big Bang Theory su quali siano gli elementi più implausibili nel cinema di fantascienza (un esempio? I suoni nello spazio, e qui Joss Whedon forse vuole togliersi qualche sassolino contro chi l'ha costretto a spettacolarizzare il film Serenity tradendo le scelte da purista fatte in Firefly).

Ballard invece si trova sempre a dover convinvere con Mellie e con la consapevolezza che la ragazza è in realtà una doll inviata per spiare le sue mosse. L'agente cerca di fare il possibile per non tradire le sue emozioni e anzi approfitta per prendere le impronte digitali di Mellie/November ed effettuare una ricerca grazie all'aiuto della sua ex collega all'FBI: una volta trovato il profilo immediatamente tutti i dati vengono cancellati dal databas. Ballard, e con lui la finora incredula collega, è sempre più convinto di essere vicino alla Dollhouse, e per una volta potrebbe davvero avere ragione, perché il prossimo episodio (il penultimo della stagione) dovrebbe portare la sua investigazione nella tana del lupo, oltre che condurre finalmente al nostro cospetto il tanto atteso Alpha.

Dollhouse - Stagione 1, episodio 10: Haunted
Privacy Policy