Stan Laurel

Attore, Sceneggiatore
(1890 - 1965)
Biografia

Cenni biografici di Stan Laurel


Attore e regista inglese, è stato uno dei più famosi comici al mondo. La sua immensa popolarità si deve alla coppia che formò con l'americano Oliver Hardy per quasi trent'anni a partire dal 1927. Stan era figlio d'arte, suo padre era attore, autore ed impresario teatrale, mentre la madre un'attrice drammatica. Formatosi in diverse compagnie teatrali in Inghilterra, fra cui la Fred Karno Company, con la quale, assieme a Charlie Chaplin, sbarcò in tour nel 1910.
Alterna le comiche al mondo del vaudeville, finché, nel 1925, entra negli studi di Hal Roach: lì conosce Oliver Hardy, caratterista da oltre dieci anni di grande fama. Insieme iniziano a girare dei film, fino all'idea di fare un film in coppia. Il successo ottenuto sarà determinante per la nascita ufficiale della coppia Laurel & Hardy. Prima nel muto e poi col sonoro, Stan e Oliver gireranno oltre cento film, alcuni dei quali gioielli del cinema comico irripetibili. La loro comicità slapstick si basava sullo scontro fra i due, così diversi fisicamente (Grasso e Magro) e caratterialmente (Stan è assente e distratto, mentre Ollie è pomposo e ridicolamente attaccato alla sua dignità di gentiluomo), entrambi in lotta con un mondo cattivo che non vuole saperne di loro.
Nel 1932 vinsero un premio oscar per il film La Scala Musicale.

In Italia noti come Stanlio e Ollio, sono stati doppiati con un accento italo americano che spopolò nel nostro paese con grande successo: questa idea fu il naturale seguito al modo di Stan e Oliver di doppiarsi da soli per le versioni fonetiche in lingua straniera quando il doppiaggio non era stato ancora inventato. Com'era scontato, Stan Laurel e Oliver Hardy storpiavano l'italiano, lo spagnolo il tedesco e il francese, causando una maggiore ilarità.
Con la nascita del doppiaggio, la MGM, la casa di distribuzione della coppia, decise di mantenere da noi questo modo buffo di parlare. La loro popolarità mondiale fu loro testimoniata quando, nell'estate del 1932, andarono in Inghilterra per una vacanza con le loro mogli: ma l'enorme benvenuto che ricevettero in tutto il Regno Unito (e in Francia) dovette modificare i loro piani di relax. Così la vacanza si rivelò un tour promozionale. Quando i due lasciarono il cinema, Laurel e Hardy scoprirono di essere ancora amati dal pubblico europeo come constatarono nel '32. E' un dato di fatto che il successo della coppia non aveva lo stesso clamore per la critica dell'epoca, e in un certo senso anche con il pubblico americano, il quale, agli inizi degli anni '40, cominciarono a preferirli ad altri comici dalla comicità più verbale che visiva.

Se a Stan e Oliver la critica interessava poco - specie per Stan che era più interessato al suo hobby di una vita, creare le gag, curare il montaggio, suggerire il regista, scegliere i soggetti dei loro film - una delle loro maggiori sfortune che determinarono il loro declino, è stata certo la mancanza di libertà creativa quando, nel 1941, lasciato Hal Roach, accettarono l'offerta della 20th Century Fox per un contratto decennale. Le grandi majors non potevano dare la libertà che una produzione indipendente come quella di Hal Roach aveva dato loro per tredici anni: così Stan e Oliver finirono costretti a fare solo gli attori senza controllo delle storie e delle gag - per questo i film girati in quel periodo sono stati spesso bollati come "sciocchezze", e se magari ci sono momenti divertenti certa è la malinconia e la mancanza di professionalità che si respira guardandoli.

Lasciato il cinema nel 1945, Laurel e Hardy si esibirono nei palcoscenici d'Europa fino al 1954, con un'eccezione cinematografica, Atollo K, girato nel 1950-1951, purtroppo un fallimento comico che chiuse la loro partita con il cinema per sempre. Vecchi e un po' stanchi, continuarono a sperare nella televisione con qualche nuovo progetto, ma la salute gioca loro un brutto scherzo. Oliver Hardy muore il 7 agosto 1957, all'età di 65 anni. Stan gli sopravvive otto anni, durante i quali ha la fortuna di vedere risorto l'interesse nei loro confronti: i loro film vengono riproposti nei cinema, riceve migliaia di lettere da parte dei fan di tutto il mondo, riceve la visita di ammiratori e comici a loro meno recenti, come Jerry Lewis, Dick Van Dyke e Peter Sellers, partecipa alla stesura della loro prima biografia e alla nascita del club che riunisce tutti i loro fan nel mondo, Sons of the Desert, nato nel 1964.

Riceve un premio Oscar alla carriera nel 1961. Questo genio della comicità si spegne il 23 febbraio 1965, all'età di 75 anni. La sua arte ha portato gioia in tutto il mondo.