Gianni Parisi

Attore
Biografia

Cenni biografici di Gianni Parisi


Nato a San Giorgio a Cremano nel '57, Gianni Parisi è da molti anni uno dei protagonisti della scena teatrale partenopea: dalla seconda metà degli anni '70 infatti, fa parte del gruppo teatrale del Centro Teatro Spazio - con la prima formazione di teatro/cabaret con Massimo Troisi e Lello Arena - in seguito lavora con Mario Merola, e per quasi un decennio prende parte a tutte le produzioni della Compagnia Stabile Napoletana del Teatro Sannazzaro assieme a Carlo e Nino Taranto, Luisa Conte, Pietro De Vico, Enzo Cannavale e Giacomo Rizzo.

Successivamente, dall'89 in poi, lavora con la compagnia di Aldo Giuffrè, nell'Aida di Petito, quindi con Gli Ipocriti di Nello Mascia e Nuccia Fumo con la quale porta in scena la Trilogia di Raffaele Viviani composta da L'ultimo scugnizzo, Fatto di cronaca e Guappo di cartone. Sempre con gli Ipocriti, reciterà ne Il discepolo del diavolo di George Bernard Shaw, per la regia di Luca De Fusco, al Festival delle Ville Vesuviane.
In quegli anni inoltre recita ne Le bugie con le gambe lunghe di Eduardo De Filippo, per la regia di Giancarlo Sepe e prosegue il suo lavoro al Teatro Sannazzaro con le rappresentazioni di 'Na Santarella di Eduardo Scarpetta, La figliata di Raffaele Viviani, Miseria e Nobiltà - nelle quali affianca Cannavale e la Conte - poi La cantata dei pastori, Napoli 1944 (un musical del quale è anche co-autore con Lara Sansone e Bruno Lanza)

Il suo impegno al Sannazzaro prosegue fino agli anni recenti, e si alterna a lavori andati in scena in occasioni di stagioni estive - come ad esempio Un simpatico dirimpettaio, nel quale affianca Antonio Casagrande e Katarina Vassilissa, oppure Caffè shakerato, teatro-cabaret da lui scritto, diretto e interpretato.
Insieme alla Compagnia Teatro Cilea di Napoli, a partire dal 2004, porta in scena lavori come Comico Napoletano, C'eravamo tanto amati, L'ultimo scugnizzo, ma lavora numerose volte anche con Carlo Buccirosso per L'innominato e Vogliamoci tanto bene

Alla luminosa e lunga carriera teatrale, Parisi affianca il lavoro in sala doppiaggio, in radio - con la produzione di radiodrammi, sceneggiati, soap opere e programmi culturali e musicali presso la sede RAI di Napoli - ma anche sul piccolo schermo con le riprese di sette sceneggiate accanto a Mario Merola, registrazioni di commedie del Teatro Sannazzaro, e varie produzioni RAI tra cui Taranto Story, Era bello sognare, episodi per programmi come Telefono Giallo e Mi manda Lubrano.
Negli anni '80 è stato anche "provocatore" per un programma di culto come Candid Camera Show (a Mergellina) condotto da Gerry Scotti.
Non si contano le partecipazioni a popolari fiction e serial televisivi di successo come Un posto al sole, La squadra, Un medico in famiglia, Un ciclone in famiglia, e Distretto di polizia.

Per il grande schermo invece, ha fatto parte del cast di Maccheroni (di Ettore Scola, con Jack Lemmon e Marcello Mastroianni) Malefemmine, con Giovanna Mezzogiorno e Angela Molina, Il mare, non c'è paragone di Eduardo Tartaglia, il sequel del cult Febbre da cavallo (diretto da Carlo ed Enrico Vanzina), Sulla mia pelle, Certi bambini, Il ritorno der Monnezza - accanto a Claudio Amendola ed Enzo Salvi, quindi il noir Mare buio di Roberta Torre e La seconda volta non si scorda mai di e con Alessandro Siani.