Cristian Taraborrelli

Scenografo
Biografia

Cenni biografici di Cristian Taraborrelli


Cristian Taraborrelli (Roma, 1970) è un regista, scenografo e costumista italiano. La sua carriera artistica spazia dal teatro, all'opera, alla messa in scena di eventi multimediali.
Impostosi rapidamente come uno dei più brillanti talenti della sua generazione, collabora con grandi compositori italiani: Luis Bacalov (Estaba la madre, Y Borges cuenta que), Gualtiero Dazzi (Le luthier de Venice), Fabrizio De Rossi Re (Biancaneve ovvero il perfido candore), Luca Francesconi (Gesualdo considered as murderer), Adriano Guarnieri (Medea) e Fabio Vacchi (Il letto della storia).
È stato premiato con numerosi riconoscimenti tra cui il Premio Franco Abbiati della Critica Musicale Italiana (2006) e nel 2009 in Francia le Prix du Syndicat de la Critique per la migliore scenografia di Gertrude (le Cri) di Howard Barker, messa in scena di Giorgio Barberio Corsetti per il Théàtre de l'Odéon di Parigi. Con Gertrude (le Cri) riceve inoltre la nomination per la migliore scenografia al Premio Molière. Apre il Rossini Opera Festival firmando i costumi e le scenografie di Zelmira (2009). Nel 2011 esordisce al prestigioso Teatro alla Scala di Milano con Turandot.

Teatro

Nel 1996 la sua esperienza professionale si arricchisce grazie all'incontro con Giorgio Barberio Corsetti, uno dei maggiori rappresentanti del teatro di ricerca in Italia. Ne nasce una lunga e proficua collaborazione, suggellata da una simile curiosità e visione creativa. Realizza, tra gli altri, le scenografie e i costumi de La nascita della Tragedia, Notte e Graal, Il corpo è una folla spaventata di Majakovski e Il processo di Kafka (premio Ubu 1999). Realizza anche le scenografie de la Trilogia delle barche di Gil Vicente e La bottega del caffé di Carlo Goldoni al Teatro Nazionale San Jõao di Porto, La Tempesta di Shakespeare al Festival d'Avignone, i costumi di Woyzeck di Büchner alla Biennale di Venezia e le scene e i costumi per La ronde du carré a Theatre de L'Odéon di Parigi.

Opera

I suoi lavori hanno un chiaro respiro internazionale che lo portano a collaborare con innumerevoli teatri in Italia e in Europa. Realizza la Maria di Rohan di Donizetti al Palafenice di Venezia; La Bohème e La Rondine al Teatro Vittorio Emanuele di Messina; Milton e la Julie al Festival Pergolesi-Spontini di Jesi; Candide di Bernstein al Teatro dell'Opera di Rennes; Falstaff al Teatro dell'Opera di Strasburgo; Tosca per il Maggio Musicale Fiorentino; Maria Galante di Kurt Weil per il Teatro dell'Opera di Roma: La Sonnambula di Vincenzo Bellini per il Theater St.Gallen: La Pietra del Paragone di Gioachino Rossini per il Teatro Regio di Parma e Zelmira per il Rossini Opera Festival. Nel 2003 al Festival Pergolesi Spontini di Jesi firma la sua prima regia per l'opera Lalla Rukh ovvero Guancia di Tulipano dirigendo Aldo Busi nel ruolo del narratore.

Eventi

La sua appassionata e mai convenzionale ricerca scenografica di nuovi materiali e metodologie lo ha spinto a cimentarsi con la regia di numerosi eventi multimediali. Recentemente per la Filmaster Events è stato direttore artistico dello spettacolo di video mapping 3D realizzato per Intercoiffure 2012, l'appuntamento quadriennale che riunisce gli hairdresser mondiali. L'evento, che si è svolto negli studi di Cinecittà davanti a più di 1000 invitati, ha unito l'arte visionaria del video mapping alla performance dal vivo del soprano Giacinta Nicotra. Ma già nel 1990 era stato il creatore di "Publimove: la prima pubblicità in movimento sulle facciate dei palazzi di Roma" che lo ha portato a collaborare con la Warner Bros Italia nelle attività promozionali per l'uscita del blockbuster La carica dei 101.

Cinema e video

Negli anni '90 comincia le sue collaborazioni cinematografiche e video. Partecipa ad eventi e spettacoli come ideatore degli spazi virtuali Zoo e Variazioni sul cielo in collaborazione con il videoartista Fabio Massimo Iaquone, Ne 1993 è l'ideatore di Luci Nella città, rassegna di video indipendenti presso il Circolo degli Artisti di Roma. Nello stesso anno cura l'allestimento scenico della mostra multimediale dedicata a Sergio Leone e Ennio Morricone a Valencia, Spagna. Realizza i costumi e le scene per il corto di Stefano Tummolini Il Tuffatore e per il videoclip Segnali degli Elettrojoyce, nonché i costumi per il videoclip Voglio vivere a colori di Fiorello. Nel 2000 dirige e realizza la performance Lei è l'altro, creando una scenografia di pareti "sensibili" impressionate da frame video in diretta che dialogano con la danza di una performer. Nel 2004 torna al cinema con le scenografie per Il regalo di compleanno di Christian Bisceglia che riceve la Menzione Speciale della giuria internazionale del Taormina Film Festival e il primo premio della rassegna Eolie in corto. Nel 2011 collabora nuovamente con Stefano Tummolini per il lungometraggio L'Estate sta finendo. Sono suoi anche i video che accompagnano lo spettacolo Commedia di e con Giorgio Barberio Corsetti, musiche di Danilo Rea, che esordisce nel 2010 all'Auditorium di Roma per poi continuare in una lunga tournée nazionale.

Progetti in fase di lavorazione

Attualmente sta realizzando Luisa Miller di Giuseppe Verdi a Malmö, Svezia, Don Carlos per il Mariinsky Theatre di San Pietroburgo, I due foscari al Capitole di Toulouse e una piece di Dario Fo alla Comédie di Ginevra. Nel 2013 tornerà al Teatro alla Scala con Macbeth.