Walter Chiari, un libro per 'l'animale da palcoscenico'

Edito da Mediane, il libro di Michele Sancisi, ricco di foto anche inedite, ripercorre la vita e la carriera del celebre attore scomparso vent'anni fa.

Sono passati vent'anni dalla morte di Walter Chiari, avvenuta il 20 dicembre del 1991, in solitudine e povertà, in un defilato residence della periferia di Milano, la sua città adottiva. Era stato una delle stelle più popolari e strapagate della scena italiana del dopoguerra, raccogliendo uno straripante e ininterrotto successo teatrale per quasi 50 anni, interpretando più di 100 film, anche all'estero, e soprattutto divenendo un volto tra i più familiari della televisione. Nonostante ciò Chiari fu un personaggio controverso e se oggi riposa al Monumentale tra i "cittadini illustri" della capitale morale, in vita subì anche un lungo ostracismo dovuto ad alcune clamorose vicende giudiziarie, ma pure ai suoi cronici ritardi e genetiche svagatezze. Fu tanto conquistatore (di donne, di soldi, di successi) quanto dissipatore: la sua fu la vita spericolata di un uomo libero, a volte scomodo e sempre fuori dagli schemi. Non è forse un caso che questo sia il primo omaggio alla sua opera mai pubblicato. Tale incredibile oblio per uno degli attori più originali, prolifici e amati della sua generazione è solo uno dei tanti paradossi della storia di Walter Chiari.

Walter Chiari con Totò sul set di Arrangiatevi! - tratta dal libro Walter Chiari, un animale da palcoscenico di Michele Sancisi, Mediane editore
Il libro Walter Chiari, un animale da palcoscenico di Michele Sancisi ne ripercorre per la prima volta la carriera in cinema, teatro e televisione attraverso altrettanti percorsi. Non una biografia classica dunque, ma una analisi completa della sua enorme produzione: circa 110 film, 50 produzioni teatrali, innumerevoli apparizioni televisive e radiofoniche. Un libro da leggere e da consultare allo stesso tempo, in cui i riferimenti biografici sull'avventurosa vita di Chiari, con le sue luci e le sue ombre, sono strettamente connessi alle sue interpretazioni, sulle quali resta puntata l'attenzione principale. La sezione sul cinema inoltre contiene una completa serie di schede su tutti i film, raggruppate per temi e
filoni. Completano il ritratto di Walter Chiari le prefazioni firmate dal critico del Corriere della Sera Maurizio Porro, dall'ex sindaco di Milano Paolo Pillitteri, dal figlio di Walter, Simone Annicchiarico, dall'amico e biografo televisivo Tatti Sanguineti e dal collega Luca Barbareschi che in questo periodo sta producendo un film dedicato alla vita di Walter Chiari.

Walter Chiari con Mina a Fregene nel 1960 - tratta dal libro Walter Chiari, un animale da palcoscenico di Michele Sancisi, Mediane editore
Integra il volume un ricchissimo apparato iconografico con una collezione di bellissime e in gran parte inedite fotografie provenienti dagli archivi dei "paparazzi" della dolce vita di cui Chiari fu un indiscusso protagonista, oltre a riproduzioni di testate e documenti d'epoca. Una carrellata di immagini che restituiscono l'aura mitica di una vita da re, ma anche da forzato dell'entertainment, perchè dovunque Chiari andasse tutti si aspettavano che inventasse qualcosa per far ridere l'uditorio: ci riuscì anche in punto di morte, dettando il proprio folgorante epitaffio: "Non piangete amici, è tutto sonno arretrato!"
Il volume bilingue di 304 pag. pubblicato da Mediane con traduzione inglese a fronte (ISBN 9788896042250, € 25,00) è realizzato con il patrocinio del Comune di Milano nell'ambito di un Omaggio dedicato dalla città a Walter Chiari nel ventennale della scomparsa.
Di seguito alcune delle immagini presenti nel volume.

Walter Chiari, un libro per 'l'animale da...
Privacy Policy