Vivere e morire di lavoro: quattro film di Daniele Segre in DVD

L'opera edita da Feltrinelli Real Cinema, corredata anche dal libro "Un cinema sul lavoro, un cinema del lavoro", sarà in vendita dal 20 giugno.

*"Fondata sul lavoro", dice dell'Italia il primo articolo della Costituzione Repubblicana, un pilastro di progresso e civiltà che da troppo tempo ormai l'acqua cattiva della barbarie corrode alla base, nell'indifferenza di un tempo in cui i diritti si trasformano in chimere.Tra i volti e le voci dei lavoratori che sono la carne e il sangue del cinema di Daniele Segre, tra Dinamite e Sic Fiat Italia, passando per Asuba de su serbatoiu e Morire di lavoro, passa un ventennio di controrivoluzione dei diritti in Italia, un tempo senza pietà per i vinti
in cui una lotta di classe alla rovescia ha scatenato un'offensiva senza precedenti contro molto di ciò che i nostri padri avevano conquistato in materia di dignità del lavoro.
Una Spoon River che ritroviamo, lucida e diretta, in tante storie di soprusi e diritti negati fino al prezzo della dignità e della vita. Perché, forse, tornare indietro è ancora possibile.

Adesso i quattro documentari Dinamite, Asuba de su serbatoiu, Morire di lavoro e Sic Fiat Italia, insieme al libro "Un cinema sul lavoro, un cinema del lavoro* di
Peppino Ortoleva (con una nota di Tullio Masoni, le schede dei film e la biofilmografia del regista - pp. 80), compongono Vivere e morire di lavoro, opera con 2 DVD e libro edita da Feltrinelli Real Cinema.

Daniele Segre ha costruito con coerenza negli anni un cinema che non solo documenta il lavoro come terreno del conflitto sociale ma ci aiuta a comprenderne la complessa realtà personale e collettiva. I suoi film sono
fatti di uomini e di donne, e anche di cose e paesaggi, che ci si svelano nella loro drammaticità e anche nella loro inattesa, e intensa, bellezza.

Vivere e morire di lavoro: quattro film di...
Privacy Policy