Tom Hardy, "divo difficile"? L'attore replica ad un giornalista

L'attore britannico prima si scusa col giornalista, poi lo sfida a mostrare gli attributi e a non nascondersi dietro i social

Patrizio Marino

E' polemica aperta ormai tra il giornalista Drew MCWeeny di HitFix e l'attore Tom Hardy. Il giornalista nei giorni scorsi attraverso il suo account di Twitter si era scagliato contro l'attore accusandolo di essere un bambino viziato. Sembra che tutto sia nato da un'attesa durata circa tre ore da parte del giornalista per intervistare l'attore di Revenant - Redivivo, intervista poi annullata. A quel punto MCWeeny stufo ha chiesto all'attore, attraverso Twitter, di smetterla di programmare presentazioni dei suoi film, poiché non è in grado di rispettare gli impegni "ha preferito fare un pisolino nell'orario previsto per la mia intervista, grazie per aver reso il mio lavoro impossibile" ha scritto il giornalista, il tutto condito da vari fuck, rivolti all'attore.

Sembra che MCWeeny, resosi conto di essere andato un po' troppo oltre abbia provato a scusarsi via mail con gli agenti dell'attore, ma Hardy ormai aveva deciso di rispondergli e gli ha scritto una lettera aperta dal suo blog. Le prime righe della missiva sono molto concilianti, l'attore si scusa con il giornalista sostenendo che gli era stato riferito che le interviste erano finite "qualcuno ha pensato di riversare su di me la colpa per non screditarsi presso i giornalisti". Nell'ultima parte della lettera aperta esce fuori il carattere dell'attore, che sfida apertamente MCWeeny "la prossima volta che hai qualcosa da dirmi fallo personalmente, senza usare Twitter, anche se dubito che tu abbia le palle per farlo".

La polemica non sembra finita, MCWeeny ha risposto di sostenendo di non aver mai inviato mail di scusa a Tom Hardy, vedremo se l'attore britannico risponderà ancora o aspetterà il chiarimento faccia a faccia da lui auspicato.

Tom Hardy, "divo difficile"? L'attore replica ad...
Revenant - Redivivo: una featurette mostra le sofferenze sul set
Suicide Squad, Tom Hardy: "Rinunciare al film è stato devastante"
Privacy Policy