Peter Jackson risponde alle accuse dei fan

L'esclusione da Il ritorno del Re di alcune scene in cui appariva Cristopher Lee nei panni di Saruman ha provocato una piccola rivolta dei fan a cui il regista neozelandese ha deciso di replicare.

Patrizio Marino

La rivolta via internet dei fan del malvagio Saruman, interpretato da Christopher Lee, è scoppiata quando l'attore britannico ha scoperto, visitando un sito internet, che alcune sequenze che lo vedevano protagonista nell'episodio conclusivo della trilogia degli anelli erano state escluse, e ha avuto la conferma che, in effetti, sette minuti decisivi per la sorte di Saruman erano stati tagliati dal montaggio definitivo.

L'attore si era detto sconcertato e stupito per un taglio che non era previsto.
In un'intervista Lee aveva dichiarato: "Se volete sapere il motivo della scelta di tagliare le scene, bisogna chiedere alla produzione New Line o al regista Peter Jackson o ai suoi collaboratori perché io davvero non so niente. E non posso neppure aggiungere altro perché ho firmato un contratto di riservatezza e rispetto la parola data".

Da quel momento è iniziato il tam tam in rete e ben 44.000 fan hanno firmato una petizione che è arrivata direttamente nelle mani di Jackson.
"Tutto quello che è stato scritto in rete è completamente sbagliato - ha dichiarato il regista - il fatto è che la scena di sette minuti della morte di Saruman era in origine stata girata per essere inserita nel secondo capitolo della saga ma per problemi di tempo è stata tagliata e non si è mai parlato di inserirla ne Il signore degli anelli - Il ritorno del re."
Le scene tagliate, come già annunciato, verranno inserite nella versione del film che sarà pubblicata nel DVD della Extended Edition nel novembre 2004.

Peter Jackson risponde alle accuse dei fan
Privacy Policy