James Woods in soccorso di Obama dopo tweet "cannibale"

L'attore, da sempre avversario dell'Amministrazione Obama, ha segnalato ai Servizi Segreti un tweet minaccioso contro il Presidente.

Patrizio Marino

James Woods non ha un rapporto sereno con Twitter: dopo aver trascinato in tribunale un follower per diffamazione, nei giorni scorsi ha deciso di segnalarne un altro nientemeno che ai Servizi Segreti. La star di C'era una volta in America, noto per le sue posizioni repubblicane e forte oppositore del Presidente Barack Obama, ha deciso di correre in sua difesa quando un utente del noto social ha Twittato "Dobbiamo uccidere e mangiare Obama". James deve aver preso molto sul serio questa minaccia perché ha deciso di rivolgersi ai Servi Segreti chiamandoli direttamente in causa nel suo cinguettio patriottico "ServiziSegreti. Potreste essere interessati a questa persona...", ha scritto l'attore, specificando in un post successivo "Sono in disaccordo praticamente su tutto con Obama. Minacciare la sua vita, anche se per scherzo, è spaventoso ed è un crimine federale".

Woods è tra gli uomini dello spettacolo più critici nei confronti dell'amministrazione che sta per finire il suo secondo mandato, lo scorso anno richiamò all'ordine Obama dopo la sua reazione alla sparatoria in una scuola dell'Oregon criticandolo per il suo "impressionante fallimento come guida del paese"

L'attore mette, com'è logico, su piani diversi le critiche verbali e le minacce, cosa che non tutti i suoi Followers fanno, tra i messaggi contrari spicca quello di un utente che non riesce a capire la differenza tra un cittadino comune e il Presidente e risponde a Woods scrivendo "Twitter permette ogni tipo di minaccia di morte contro qualsiasi cittadino comune, cosa avrebbe di speciale Obama?".

James Woods in soccorso di Obama dopo tweet...
Cocainomane a chi? James Woods trascina un utente Twitter in tribunale
C’era una volta in America: i 30 anni del capolavoro di Sergio Leone
Privacy Policy